UniCa UniCa News Notizie Vaccinati i primi 38 studenti dell'Università di Cagliari

Vaccinati i primi 38 studenti dell'Università di Cagliari

Iscritti a Medicina, Scienze infermieristiche e Assistenza sanitaria, sono impegnati in varie strutture ospedaliere nei tirocini professionalizzanti. “Abbiamo voluto la loro vaccinazione, compiono un servizio importante in reparto, devono operare in sicurezza a tutela loro e dei pazienti” dice Maria Del Zompo
23 marzo 2021
Monserrato (CA). Uno scorcio del Policlinico universitario "Duilio Casula"

Un piccolo grande exploit per fronteggiare la pandemia con responsabilità e senso civico

Mario Frongia

Sono stati i primi in assoluto ad avere il vaccino anti Covid. Ieri, dalle 13.30, trentotto tra studenti e studentesse impegnati nei tirocini professionalizzanti in varie strutture sanitarie dell’isola, si sono sottoposti a vaccinazione con il siero AstraZeneca. Un bel colpo per l’ateneo di Cagliari che si è mosso, dopo aver ricevuto la scorsa settimana il via libera della Regione, con celerità e gioco di squadra. Gli studenti, iscritti a Medicina, Scienze infermieristiche e Assistenza sanitaria sono impegnati negli ultimi anni dei rispettivi corsi di laurea. Numerosi quelli impiegati nel tirocinio all’ambulatorio vaccinale dell’Azienda ospedaliera universitaria al Policlinico “Duilio Casula” di Monserrato.

 

Maria Del Zompo con Giorgio Sorrentino
Maria Del Zompo con Giorgio Sorrentino

Operazione vincente, al passo con le necessità e io protocolli sanitari

“Sono convinta che la vaccinazione dei nostri studenti andasse fatta il più rapidamente possibile. Per il loro bene, per i pazienti, per i colleghi e il personale sanitario che incontrano quotidianamente nei reparti in cui svolgono i tirocini. Mi sono battuta - afferma il rettore Maria Del Zompo - affinché tutto procedesse nei tempi giusti. E devo ringraziare i colleghi della Aou di Cagliari, con in testa Giorgio Sorrentino, Marcello Campagna, coordinatore dell’inserimento degli studenti nella lista vaccinale e il direttore generale, Aldo Urru”. La professoressa Del Zompo ha curato i dettagli di un’operazione delicata e preziosa al tempo stesso. Un tassello fondamentale in un cammino che ha permesso all’ateneo di reggere l’urto della pandemia e di offrire ai cittadini/pazienti assistenza qualificata.  

 

Marcello Campagna. Lo specialista è docente di Medicina del lavoro
Marcello Campagna. Lo specialista è docente di Medicina del lavoro

Il vaccino è stato somministrato anche ull'ultimo gruppo di specializzandi

Nella mattinata di ieri, lunedì 22 marzo, sono stati vaccinati - con Pfizer - anche diciotto medici specializzandi. Se i trentotto studenti hanno aperto la lista dei vaccinati tra gli iscritti ai vari corsi di laurea, gli specializzandi che hanno ricevuto il vaccino sono stati gli ultimi dei 750 impegnati nei diversi reparti ospedalieri. “Con le vaccinazioni degli specializzandi siamo partiti appena è giunto il via libera, la prima settimana di gennaio” spiega Marcello Campagna, docente di Medicina del lavoro. Il coordinatore dell’inserimento degli studenti nel piano vaccinale rimarca un aspetto: “Adesso, ci muoveremo, di concerto con istituzioni ed enti coinvolti, per vaccinare gli altri 1.700 iscritti alla facoltà di Medicina e chirurgia. I numeri? Circa 350 al mese, andremo avanti a rotazione nelle prossime settimane”. Un’operazione brillante. “Il rettore è riuscito a far inserire gli studenti tirocinanti, nonostante non fosse esplicitamente previsto, nelle categorie vaccinali. Ha chiesto che fossero equiparati ai lavoratori sanitari. Un percorso scientifico, logico e solido dal punto di vista operativo: questi giovani – sottolinea il professor Campagna - sono impegnati nelle attività di tirocinio nei vari reparti e, come dicono le norme, vanno tutelati come gli altri interpreti”.

 

Specializzandi in laboratorio
Specializzandi in laboratorio

Gioco di squadra e intesa tra Aou e medicina universitaria

L’input del rettore, la macchina organizzativa medico-sanitaria che ha risposto presente, la validazione amministrativa del direttore generale dell’ateneo, Aldo Urru: “In accordo con assessorato regionale alla Sanità, abbiamo organizzato e messo su il sistema per la gestione del piano vaccinale riguardante le categorie dell’Università. Mi riferisco a docenti, specializzandi, studenti in tirocinio nelle strutture sanitarie, dottorandi, personale tecnico e amministrativo e addetti delle imprese terze in contatto stabile con l’amministrazione. Il tutto con la supervisione del dottor Campagna” spiega il dottor Urru. Il gol degli studenti vaccinati a una manciata di ore dal semaforo verde regionale ha avuto il fondamentale supporto e la collaborazione curata dai vertici dell’Azeenda ospedaliero universitaria del capoluogo. In prima fila, il direttore generale, sanitario e del laboratorio vaccinale, Giorgio Sorrentino, Paola Racugno e Luigi Serreli. Il team è stato ben assistito dalle dirigenti Monica Pedron e Cinzia Aresu. Mentre per il Servizio professioni sanitarie sono state decisive Maria Rita Pinna e Roberta Rosmarino.

 (foto da archivio unica.it

Il direttore dell'amministrazione universitaria di Cagliari, Aldo Urru
Il direttore dell'amministrazione universitaria di Cagliari, Aldo Urru

Ultime notizie

10 maggio 2021

Università e 'Spazio' per i 400 anni di UniCa

Venerdì 21 aprile alle 9 la Facoltà di Ingegneria e Architettura celebrerà i 400 anni dell'Università degli Studi di Cagliari con una mostra e un seminario sul tema "Università e ‘Spazio’. Acqua, Aria, Terra". All'evento, che si svolgerà sulla piattaforma Teams e sarà trasmesso in diretta streaming sui social dell'Ateneo, interverranno il Rettore Francesco Mola, i precedenti rettori Maria Del Zompo, Giovanni Melis e Pasquale Mistretta, il presidente dell'ASI Giorgio Saccoccia, l'astronauta Maurizio Cheli, l'architetto paesaggista João Ferreira Nunes e Horacio Carabelli del Luna Rossa Prada Pirelli Team

07 maggio 2021

Parità di genere: in Ateneo due iniziative di formazione

I corsi, previsti dal Piano di uguaglianza di genere di ateneo, saranno utili ad approfondire i temi delle discriminazioni e degli stereotipi che possono condizionare i percorsi di carriera. Il primo corso è rivolto a studenti e studentesse di corsi di dottorato e specializzazione e a titolari di assegni e borse di ricerca e il secondo al personale tecnico, amministrativo e bibliotecario

Questionario e social

Condividi su: