UniCa UniCa News Notizie Una mano tesa verso il futuro

Una mano tesa verso il futuro

“La Nuova Sardegna” racconta il prezioso servizio svolto dai tutor di orientamento. Parlano Valentina Favrin e Lucia Pilota, due delle nove professioniste che curano l'importante supporto assicurato dal nostro Ateneo agli studenti e alle studentesse. L’inserto del quotidiano, in tutte le edicole della Sardegna, riporta le loro dichiarazioni e dettaglia la loro attività, che – con il COVID – si è trasferita on line, tra mail e videochiamate. LEGGI L'ARTICOLO ALL'INTERNO
19 novembre 2020
Una delle immagini pubblicate su "La Nuova Sardegna"

L'entusiasmo e la determinazione traspaiono dalle parole di due delle nove tutor di orientamento che curano per UniCa un servizio insostituibile nell'organizzazione dell'Ateneo

Sergio Nuvoli

Cagliari, 19 novembre 2020 - “Avevo un sogno, insegnare ai giovani a volare. L’ho realizzato, è quello che sto facendo”. Sono le parole di Valentina Favrin, tutor di orientamento dell’Università di Cagliari per l’area Studi umanistici, riportate da Silvia Sanna su “La Nuova Sardegna” di oggi nell’inserto settimanale ScuolaèLavoro del quotidiano sassarese. Poche righe più avanti racconta la sua esperienza anche Lucia Pilota, tutor di Biologia e Farmacia del nostro Ateneo.

Già nel numero precedente dell’inserto, la settimana scorsa, il giornale aveva dedicato ampio spazio al Progetto Orientamento e alle attività avviate dai due Atenei sardi grazie al finanziamento della Regione Autonoma della Sardegna. Un lavoro certosino, fatto con scrupolo e metodo giornalistico che ha il pregio di raccontare come le Università si siano rapidamente trasformate nell'epoca segnata dalla pandemia. Per UniCa hanno trovato spazio le tante iniziative messe in piedi dalla Direzione Didattica e Orientamento guidata da Pina Locci con il supporto del Prorettore Ignazio Putzu, con una squadra affiatata che non si ferma affatto davanti alle difficoltà imposte dal virus e dalla distanza.

La copertina dell'inserto dedicato al collegamento tra Scuola e Lavoro
La copertina dell'inserto dedicato al collegamento tra Scuola e Lavoro

Un inserto davvero tutto da leggere, per capire come questo servizio preziosissimo si sia ormai trasferito on line attraverso centinaia di mail e videochiamate utili per chiarirsi le idee, superare le paure e capire gli sbocchi

Oggi la nuova puntata, dedicata a loro, ai tutor di orientamento, supporto sempre più fondamentale nell’epoca del distanziamento fisico. Professionisti della formazione, come li definisce bene Silvia Sanna nell’inserto de “La Nuova”: nel nostro Ateneo sono nove, comprese le due professioniste intervistate oggi dal quotidiano. Dalle loro parole si intuisce il sorriso che racconta la passione e la determinazione con cui fanno il loro lavoro. “La prima chiacchierata è esplorativa – spiega la dott.ssa Pilota – cerco di capire quali sono le predisposizioni per orientare meglio i ragazzi nella scelta. Possono contattarci a partire dalla terza superiore, ma sono più frequenti le chiamate degli studenti di quarta e quinta”.

Un inserto davvero tutto da leggere, per capire come questo servizio preziosissimo si sia ormai trasferito on line attraverso centinaia di mail e videochiamate utili per chiarirsi le idee, superare le paure e capire gli sbocchi professionali delle Facoltà. Perché “il Covid ha cambiato tutto – riprende la dott.ssa Favrin – Con il lockdown ci siamo reinventati per sostenere i ragazzi disorientati: anche quelli già iscritti, al secondo e terzo anno, hanno chiesto il nostro aiuto per orientarsi nella didattica online”.

Per saperne di più, e leggere i recapiti dei tutor di orientamento, consulta la pagina apposita del nostro sito.

Ignazio Putzu e Maria Del Zompo
Ignazio Putzu e Maria Del Zompo

RASSEGNA STAMPA

LA NUOVA SARDEGNA del 19 novembre 2020

Speciale ScuolaèLavoro

Orientamento universitario. Studenti al bivio dopo il diploma dai tutor una mano tesa verso il futuro

di Silvia Sanna. Il segreto è immaginarsi tra qualche anno, con una laurea in tasca, magari anche una specializzazione, e un sorriso aperto a illuminare il viso: il motivo della gioia può sembrare banale ma non lo è affatto, è la felicità generata dal fare un lavoro che piace, il lavoro scelto e inseguito con passione e tenacia. È questo il primo compito dei tutor, professionisti della formazione che nelle Università di Sassari e Cagliari aiutano i ragazzi freschi di diploma a districarsi tra facoltà, corsi di laurea, piani di studio e offerte formative. Ma anche a dipanare dubbi, dare risposte alle incertezze e placare i timori. «Una delle cose che ripeto sempre è che una scelta dettata dalla paura è una scelta perdente. Se invece assecondi le tue inclinazioni allora studierai con passione e il percorso universitario ti lascerà un ricordo piacevole, fatto non solo di esami e lezioni ma di relazioni, di dialogo, di crescita. A me è andata così, forse anche per questo molti ragazzi riesco a convincerli». Lei è Valentina Favrin, tutor dell'Università di Cagliari nell'area studi umanistici: «Avevo un sogno, insegnare ai giovani a volare. L'ho realizzato, è quello che sto facendo». Come i suoi colleghi, lo fa online, attraverso video e chat: «Il Covid ha cambiato tutto, abbiamo rivoluzionato il nostro modo di approcciarci al tema orientamento. Prima andavamo nelle scuole, si organizzavano giornate informative per raccontare l'offerta dei corsi di laurea, ricordo che nei nostri uffici c'era sempre gente, si faceva la fila. Con il lockdown ci siamo reinventati per sostenere i ragazzi disorientati: anche quelli già iscritti, al secondo e terzo anno, hanno chiesto il nostro aiuto per orientarsi nella didattica online». Oggi Valentina viaggia alla media di 50 colloqui a settimana, tra telefonate e mail «ma nel periodo estivo, cruciale perché si fanno le scelte, arrivavo a 80 a settimana, colloqui individuali o gruppi ristretti. Lavoriamo con le video chiamate, guardarsi in faccia, anche se c'è uno schermo di mezzo, aiuta a superare la timidezza». E una volta che il ghiaccio si è sciolto, il tutor diventa "bersaglio" di decine di domande da parte di ragazzi e ragazze curiosi, passionali e pragmatici al tempo stesso: «Hanno le idee chiare - dice Maria Carboni, tutor dell'Università di Sassari - quasi tutti chiamano con un'idea di futuro già in mente».

La prima pagina dello speciale ScuolaèLavoro su La Nuova Sardegna del 19 novembre 2020
La prima pagina dello speciale ScuolaèLavoro su La Nuova Sardegna del 19 novembre 2020

Come scegliere il percorso giusto: i consigli e i chiarimenti della squadra di docenti speciali delle Università di Sassari e Cagliari
 

Professione tutor «Seguite le vostre passioni, studiare sarà più bello»
 

Maria è tutor del Dissuf, dipartimento di storia, scienze dell'uomo e della formazione. Laureata in giurisprudenza, ha vissuto intensamente gli anni all'Università tra Erasmus in Spagna e varie attività extracurriculari. «Ai ragazzi dico di fare come me, li incoraggio a seguire corsi e fare esperienze, perché sono un arricchimento. Gli studenti che mi contattano sono motivati ma spaventati, perché a causa del Covid non hanno potuto completare le Superiori nel modo migliore e anche l'Università sarà diversa da come la immaginavano. Ma bisogna avere fiducia e approfittare di tutto ciò che si può fare per godersi al meglio questi anni di studio». Anche Maria si rapporta con i ragazzi su Skipe con colloqui quasi sempre individuali: già 200 le chiamate e le mail, «molte domande sugli sbocchi professionali di Comunicazione, Lettere e Scienze dell'educazione». Anche Lucia Pilota è laureata in giurisprudenza e fa la tutor all'Università di Cagliari, nella facoltà di Biologia e farmacia. «La prima chiacchierata è esplorativa, cerco di capire quali sono le predisposizioni per orientare meglio i ragazzi nella scelta. Possono contattarci a partire dalla terza superiore, ma sono più frequenti le chiamate degli studenti di quarta e di quinta. Chi si rivolge a me ha già in mente di seguire un percorso di tipo scientifico ma ancora non ha le idee chiare su quale sia il corso più adatto e rispondente alle sue esigenze e passioni. Mi chiedono: che cosa potrei fare da grande se mi iscrivo in questa facoltà? Nei loro visi leggo tanti dubbi e fame di risposte. Io li invito a consultare le guide on line per fare una prima scrematura e poi a ricontattarmi. A quel punto andiamo più sullo specifico, sui corsi che hanno individuato come più interessanti: spiego quali sono le attività, i tirocini, le esperienze che potranno confermare o modificare il percorso iniziale scelto». Ma le chiacchierate servono anche a dare spiegazioni tecniche: alle matricole sulle modalità di iscrizione a corsi e lezioni ma anche ai ragazzi già iscritti, alle prese con la didattica a distanza. «Dobbiamo spiegare come affrontare la vita universitaria in periodo Covid», dice Giorgio Guerra, tutor dei corsi di laurea in Medicina all'Università di Sassari. «Quasi tutto si fa online comprese le iscrizioni ai corsi a numero chiuso». La richiesta è alta e, a sorpresa, a video chiamare non sono solo studenti prossimi al diploma ma anche «persone più avanti con l'età, quarantenni che lavorano in ambito sanitario e vogliono prendere la laurea per soddisfazione personale o anche per ottenere un avanzamento di carriera: poi molti adulti si arrendono di fronte all'impossibilità di conciliare il lavoro con la frequenza alle lezioni obbligatoria». La domanda più frequente è «cosa studiare per superare i test». Positivo il bilancio: «Tra i contatti la percentuale di chi si iscrive è altissima - dice Giorgio - ha già il camice nella testa e nel cuore». Silvia Sanna

L'articolo all'interno dello speciale ScuolaéLavoro de La Nuova Sardegna del 19 novembre 2020
L'articolo all'interno dello speciale ScuolaéLavoro de La Nuova Sardegna del 19 novembre 2020

Link

Ultime notizie

02 dicembre 2022

Disturbi del neurosviluppo e dipendenze patologiche, un problema trascurato

Dalla Cittadella di Monserrato una linea diretta con le tre giornate di lavori del 4° Forum nazionale sulle dipendenze patologiche, in corso a Riva del Garda. L’iniziativa - coordinata dalla prorettrice per il presidio della Cittadella universitaria, Paola Fadda - si svolge grazie alla collaborazione tra il Dottorato di ricerca in neuroscienze dell’Università di Cagliari e l’Istituto di neuroscienze del Cnr insieme ai colleghi medici e farmacologi di Verona

30 novembre 2022

Municipalità, social e pandemia: lo stato dell'arte con Le parole giuste

La comunicazione pubblica delle amministrazioni comunali in Sardegna durante il lockdown. Epic Pops, progetto diretto dal sociologo Alessandro Lovari, ha analizzato circa 70 mila post pubblicati nel periodo pandemico sulle pagine istituzionali facebook e instagram dei municipi della Sardegna. Sono stati presentati i risultati nel corso del seminario che si è tenuto nell’aula magna Maria Lai. Contattati i 377 comuni isolani

29 novembre 2022

Con la Rete delle università sostenibili, l’ateneo di Cagliari in luce per la Settimana europea dei rifiuti

Terza missione sempre uno dei punti di forza del nostro ateneo. In occasione dell'European Week for Waste Reduction, le attività di UniCa in particolare evidenza con gli interessanti progetti di economia circolare curati dai professori Mauro Coni e Aldo Muntoni (Dipartimento di ingegneria civile, ambientale e architettura), presentati recentemente anche nel programma Linea Verde Life su Rai1

29 novembre 2022

Quando c'era Enrico Berlinguer

Si è tenuta ieri la seconda delle tre giornate del convegno “La cultura italiana negli anni di Berlinguer”, organizzato dalla Fondazione Enrico Berlinguer con il patrocinio dell’Università di Cagliari e il sostegno di Fondazione di Sardegna, Legacoop, Unipol e Cgil. Si parlerà di cinema, letteratura, teatro, musica, arti visive. Ai lavori hanno preso parte numerosi docenti del nostro ateneo

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie