UniCa UniCa News Notizie Un riconoscimento alla memoria di Hadi

Un riconoscimento alla memoria di Hadi

Ricordato questa mattina durante la sessione di laurea del corso di Ingegneria meccanica Hadi Zaraket, lo studente libanese scomparso improvvisamente nello scorso mese di aprile. Il Rettore Francesco Mola: “I nostri studenti e le nostre studentesse non sono dei numeri, ma parte integrante della nostra comunità”. VIDEO E RASSEGNA STAMPA
24 febbraio 2022
Il momento della consegna della pergamena al fratello di Hadi Zaraket

Il titolo è stato assegnato a seguito della richiesta dei rappresentanti degli studenti, che ha incontrato il favore unanime degli organi accademici

Sergio Nuvoli

Cagliari, 24 febbraio 2022 – E’ stato conferito questa mattina ad Hadi Zaraket il riconoscimento alla memoria degli studi compiuti in Ingegneria Meccanica. A consegnare la pergamena al fratello Hassan è stato il Rettore Francesco Mola, intervenuto alla sessione di laurea presieduta da Mohamad El Mehtedi, alla presenza del Presidente della Facoltà di Ingegneria e Architettura Daniele Cocco e del Direttore del Dipartimento di Ingegneria meccanica, chimica e dei materiali Antonio Baldi. Il titolo è stato assegnato a seguito della richiesta dei rappresentanti degli studenti, che ha incontrato il favore unanime degli organi accademici.

“Gli studenti e le studentesse non sono dei numeri – ha detto il Magnifico – nonostante il sistema da qualche anno tenda a considerarli tali. Ma per noi sono persone che fanno parte della nostra comunità: per questo ringrazio i colleghi che hanno organizzato questo momento. Hadi era una giovane promessa: oggi c’è il cuore di ognuno di noi qui a ricordarlo”.

Daniele Cocco, Francesco Mola e Hassan Zaraket
Daniele Cocco, Francesco Mola e Hassan Zaraket
GUARDA IL MOMENTO DELLA CONSEGNA DELLA PERGAMENA

Hadi Zaraket era uno studente libanese iscritto al corso di laurea in Ingegneria Meccanica. È scomparso improvvisamente l’8 aprile 2021 ad appena 23 anni

Antonio Baldi, direttore Dipartimento di Ingegneria meccanica, chimica e dei materiali, ha aggiunto che “la morte di Hadi ha sconvolto tutti, la nostra è davvero una comunità e ci conosciamo tutti. Per questo ci è sembrato giusto organizzare un momento come questo”, mentre il Presidente Cocco ha rimarcato: “Siamo una comunità, oggi cerchiamo di stringerci alla famiglia di Hadi e di sentirlo per sempre da oggi come membro della nostra grande famiglia”.

Hadi Zaraket era uno studente libanese iscritto al corso di laurea in Ingegneria Meccanica. È scomparso improvvisamente l’8 aprile 2021 ad appena 23 anni per un problema cardiaco: la notizia della sua morte fece rapidamente il giro di tutta la città, fino a rimbalzare sui quotidiani nazionali. Questa mattina erano presenti in Aula Magna una decina di amici di Hadi, in parte suoi connazionali.

Hadi Zaraket, lo studente scomparso improvvisamente ad aprile dello scorso anno
Hadi Zaraket, lo studente scomparso improvvisamente ad aprile dello scorso anno

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 25 febbraio 2022

Agenda - pagina 29

Cerimonia. Riconoscimento alla memoria

L'università ricorda Hadi Zaraket

Hadi Zaraket era uno studente nato in Libano, iscritto al corso di laurea in Ingegneria Meccanica all'università di Cagliari. Morì improvvisamente l'8 aprile 2021 a 23 anni per un problema cardiaco. Ieri il rettore Francesco Mola ha consegnato al fratello Hassan un riconoscimento alla memoria per gli studi compiuti.La cerimonia è avvenuta nel corso della sessione di laurea presieduta da Mohamad El Mehtedi, alla presenza del presidente della Facoltà di Ingegneria e Architettura Daniele Cocco e del direttore del Dipartimento di Ingegneria meccanica, chimica e dei materiali Antonio Baldi. Il titolo è stato assegnato a seguito della richiesta dei rappresentanti degli studenti, che ha incontrato il favore unanime degli organi accademici. «Gli studenti e le studentesse non sono dei numeri», ha detto il Magnifico, «nonostante il sistema da qualche anno tenda a considerarli tali. Ma per noi sono persone che fanno parte della nostra comunità: per questo ringrazio i colleghi che hanno organizzato questo momento. Hadi era una giovane promessa: oggi c'è il cuore di ognuno di noi qui a ricordarlo». Antonio Baldi, direttore Dipartimento di Ingegneria meccanica, chimica e dei materiali, ha aggiunto che «la morte di Hadi ha sconvolto tutti, la nostra è davvero una comunità e ci conosciamo tutti. Per questo ci è sembrato giusto organizzare un momento come questo», mentre il presidente Cocco ha rimarcato: «Siamo una comunità, oggi cerchiamo di stringerci alla famiglia di Hadi e di sentirlo per sempre da oggi come membro della nostra grande famiglia».

Leggi la notizia su L'Unione Sarda del 25 febbraio 2022 a pagina 29
Leggi la notizia su L'Unione Sarda del 25 febbraio 2022 a pagina 29

Link

Ultime notizie

04 luglio 2022

UniCa4Ukraine, conclusi i corsi di italiano

Venti cittadine ucraine hanno seguito le lezioni tenute da studentesse e studenti dei corsi di laurea magistrale in Lingue e letterature europee ed americane, Traduzione specialistica dei testi e in Filologie e letterature classiche e moderne. Nei giorni scorsi la consegna degli attestati di partecipazione

30 giugno 2022

STOREM. Giornate di studio internazionale sul tema della sostenibilità legata alle attività turistiche

Giovedì 30 giugno e venerdì 1 luglio il nostro ateneo ospita docenti e ricercatori delle università UNA e UCI del Costa Rica, Eafit della Colombia e, in collegamento, esperti dell'università UWI (Barbados) e Paul Valery (Francia) per due giornate di confronto sul progetto Erasmus+ Cbhe “Storem”. L’incontro del primo luglio è aperto al pubblico, dalle 9,30, nell’Aula 11 del polo universitario di via San Giorgio 12 (Campus Aresu) per gli interventi del professor Mario Socatelli, dell’Universidad para la Coperaticion Internacional (Costa Rica) e, a seguire, del professor Corrado Zoppi, dell’Università di Cagliari, e di Francesca Uleri (Associazione Culturale Terras)

30 giugno 2022

Malattie genetiche, l'Università di Cagliari nel nuovo Centro nazionale di ricerca

L'ateneo è tra i fondatori della struttura sorta per lo “Sviluppo di terapia genica e farmaci con tecnologia a Rna” finanziata dal Pnrr con 320 milioni di euro. Le specialiste Raffaella Origa, referente scientifica, e Patrizia Zavattari, sono le coordinatrici del progetto. Il rettore Francesco Mola: "Abbiamo conferma delle valide e riconosciute competenze del settore acquisite negli anni"  

Questionario e social

Condividi su: