UniCa UniCa News Notizie Un anno da record per l’Orto Botanico dell’Università di Cagliari

Un anno da record per l’Orto Botanico dell’Università di Cagliari

Nel 2019 superata quota 63mila visitatori, a cui vanno aggiunti gli ingressi durante “Monumenti aperti”. Trend in crescita esponenziale negli ultimi 4 anni, in aumento anche le collaborazioni internazionali e le visite delle scuole. Brilla la Banca del Germoplasma, gioiello di ricerca al centro di numerose reti scientifiche nel Mediterraneo. Il commento del Direttore, Gianluigi Bacchetta: “La competenza e la passione del nostro personale fanno sì che oggi l’Orto Botanico sia tra le strutture museali sarde più visitate insieme a Barumini”
31 gennaio 2020
Una delle vasche dell'Orto Botanico di UniCa

Quello del 2019 è un dato molto positivo, che conferma il trend positivo degli ultimi 4 anni e a cui andrebbero aggiunti gli oltre 6mila visitatori fatti registrare durante le due giornate di “Monumenti aperti”

Sergio Nuvoli

Cagliari, 30 gennaio 2020 - Il 2019 è stato un anno record per l’Orto Botanico dell’Università di Cagliari: gli ingressi hanno superato quota 63mila. Il più elevato numero di biglietti è stato staccato nel mese di maggio, con oltre 13mila visitatori, segue agosto con circa 8500. Complice forse il freddo, è stato gennaio il mese in cui il polmone verde dell’Ateneo è stato meno frequentato (poco più di mille gli accessi).

Quello del 2019 è un dato molto positivo, che conferma il trend positivo degli ultimi 4 anni e a cui andrebbero aggiunti gli oltre 6mila visitatori fatti registrare durante le due giornate di “Monumenti aperti”.

“Si tratta di un risultato incoraggiante – commenta il Direttore, Gianluigi Bacchetta – che conferma il grande impegno dell’Università di Cagliari nella gestione professionale di quello che, a tutti gli effetti, è un museo a cielo aperto e un importante luogo di aggregazione culturale. La competenza e la passione del nostro personale fanno sì che oggi l’Orto Botanico sia tra le strutture museali sarde più visitate insieme a Barumini, con cui è attivo un accordo di code sharing”.

Da non trascurare la dimensione internazionale, ormai sempre più importante, grazie alle collaborazioni avviate con i centri di ricerca più rilevanti del Mediterraneo e non solo. Completano il quadro il lavoro con le scuole di ogni ordine e grado e le recenti intese raggiunte dalla Banca del Germoplasma della Sardegna.

L’Orto Botanico di Cagliari è visitabile tutto l'anno con orario continuato, dal martedì alla domenica, festivi compresi (gli unici giorni di chiusura sono il 25 dicembre e il 1 gennaio). Gli orari variano in virtù delle stagioni: inverno 9-16, primavera e autunno 9-18, estate 9-20 e apertura notturna in occasione delle Notti colorate.

Il Rettore Maria Del Zompo con il Direttore dell'Orto Gianluigi Bacchetta
Il Rettore Maria Del Zompo con il Direttore dell'Orto Gianluigi Bacchetta

Ultime notizie

20 ottobre 2020

Nature Italy, nuova voce della comunità scientifica italiana

La rivista digitale del gruppo Springer è diretta da Nicola Nosengo. È disponibile in italiano e inglese su www.nature.com/natitaly. “Un prezioso riferimento anche per i ricercatori della nostra Università. Una notizia proficua anche per la divulgazione al grande pubblico” dice il prorettore dell’ateneo di Cagliari, Micaela Morelli

20 ottobre 2020

Al voto per eleggere il rappresentante dei docenti nel CdA dell’ERSU

Giovedì 22 ottobre alle urne (elettroniche) per l’elezione del rappresentante nel Consiglio di Amministrazione dell’Ente Regionale per il diritto allo studio di Cagliari. Per la prima volta la procedura di voto sarà completamente telematica: si potrà esprimere la propria preferenza dalle 9 alle 18

19 ottobre 2020

Ester Cois intervistata dal TGR RAI Sardegna sul cyberbullismo

Intervistata da Antonia Moro, la docente di Sociologia del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali ha sottolineato i pericoli del flaming nei canali telematici. "Nonostante la possibilità di cancellazione - ha puntualizzato Cois - il contenuto può restare nel web e influenzare la biografia successiva della vittima"

18 ottobre 2020

La Città Cosmopolita al centro di un ciclo di seminari

Partirà il 23 ottobre il seminario permanente "La Città Cosmopolita. Teorie, fonti e metodi di ricerca” organizzato dal Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali con il Dottorato di Ricerca in Storia, Beni Culturali e Studi Internazionali. La riflessione scientifica sul tema nasce all'interno del progetto Narra_Mi - Re-thinking Minorities. National and Local Narratives from Divides to Reconstructions. Gli incontri si svolgeranno nella forma del webinar

Questionario e social

Condividi su: