UniCa UniCa News Notizie Un accordo con il Museo Archeologico Nazionale di Cagliari

Un accordo con il Museo Archeologico Nazionale di Cagliari

A siglarlo il Rettore Francesco Mola e il Direttore Francesco Muscolino: si rafforza la collaborazione tra i due enti con un’intesa di ampio respiro che consentirà la realizzazione di iniziative comuni nell’ambito della ricerca e della fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale. Il Magnifico: “Il supporto del mondo accademico sarà fondamentale e consentirà la giusta sinergia”. IMMAGINI e VIDEO. RASSEGNA STAMPA
09 febbraio 2022
La stretta di mano tra il Rettore Francesco Mola e il Direttore del Museo Francesco Muscolino

Grazie all’intesa raggiunta si rafforzerà la collaborazione tra il Museo Archeologico Nazionale e i musei, le raccolte e le sedi espositive universitarie, per iniziative comuni e favorire la reciproca conoscenza di studenti, cittadini e visitatori

Sergio Nuvoli

Cagliari, 9 febbraio 2022 - E’ stato firmato oggi un accordo di programma quadro tra l’Università degli Studi di Cagliari e il Museo Archeologico Nazionale di Cagliari per la realizzazione di iniziative comuni nell’ambito della ricerca e della fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale. La sigla è stata apposta nella suggestiva cornice della Pinacoteca nazionale dal Rettore Francesco Mola e dal Direttore Francesco Muscolino.

Più nel dettaglio, grazie all’intesa raggiunta si rafforzerà la collaborazione tra il Museo Archeologico Nazionale e i musei, le raccolte e le sedi espositive universitarie, per iniziative espositive comuni, per favorire la reciproca conoscenza da parte degli studenti, dei cittadini e dei visitatori, mediante la creazione di itinerari, percorsi tematici, e l’adozione di reciproca scontistica nella bigliettazione.

“Oggi abbiamo firmato un accordo importante tra attori del territorio – ha detto il Rettore Mola - Servono investimenti, anche in risorse umane per proseguire sulla strada intrapresa per valorizzare il patrimonio storico, archeologico e culturale. Noi come Ateneo vogliamo lavorare per la cultura con i diversi attori presenti: da soli non si riesce, insieme si portano a casa risultati importanti. Il supporto del mondo accademico sarà fondamentale e consentirà la giusta sinergia”.

La firma nella suggestiva cornice della Pinacoteca Nazionale di Cagliari
La firma nella suggestiva cornice della Pinacoteca Nazionale di Cagliari
IL DIRETTORE DEL MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI CAGLIARI INTERVISTATO DA UNICANEWS

Il commento del Direttore Muscolino: "Oltre alla vicinanza fisica nel prestigioso compendio architettonico della Cittadella dei Musei, l’Università e il Museo potranno condividere, in una ben definita cornice istituzionale, comuni progetti"

“La firma dell’Accordo di Programma Quadro tra l’Università degli Studi e il Museo Archeologico Nazionale di Cagliari sottolinea la forte e reciproca volontà di collaborazione tra le due importanti istituzioni culturali – spiega il Direttore Muscolino - Il Museo Archeologico Nazionale di Cagliari intende essere sempre di più un punto di riferimento anche per lo studio e la ricerca, grazie alle ampie possibilità operative offertegli dalla recente autonomia. Tale obiettivo, naturalmente, non può prescindere da un accordo con l’Università. Oltre alla vicinanza fisica nel prestigioso compendio architettonico della Cittadella dei Musei, infatti, l’Università e il Museo potranno condividere, in una ben definita cornice istituzionale, comuni progetti espositivi, culturali e scientifici, per sottolineare, nei rispettivi ambiti di competenza, la centralità culturale di entrambe le istituzioni”.

Alla firma dell’accordo – questa mattina alla Cittadella dei Musei – hanno partecipato il Prorettore vicario Gianni Fenu, il Direttore Generale di UniCa Aldo Urru, il capo di gabinetto del Rettore Alessandra Orrù, il Dirigente della Direzione Servizi Bibliotecari e attività museali Marco Maxia, l’archeologa e consigliera di amministrazione del Museo Maria Antonietta Mongiu e il funzionario architetto del Museo Alessandro Sitzia.

Università e Museo collaboreranno anche per promuovere e sostenere iniziative comuni volte all’elaborazione e attuazione di progetti formativi e di aggiornamento, e all’approfondimento della formazione specialistica, con particolare riferimento agli studenti e alle studentesse. I due enti uniranno le forze anche per collaborare per l’individuazione di risorse finanziarie regionali, statali, europee o di altre istituzioni per progettare e realizzare azioni per il recupero e la messa in valore del patrimonio culturale mobile e immobile.

Francesco Muscolino e Francesco Mola
Francesco Muscolino e Francesco Mola

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 10 febbraio 2022

Cagliari - pagina 19

L'accordo. Iniziative comuni nell'ambito della ricerca e della fruizione delle esposizioni

Patrimonio culturale, patto tra Università e Museo archeologico

L'Università continua la sua opera di raccordo e collaborazione con le istituzioni della città. Ieri è stato firmato un accordo di programma quadro con il Museo Archeologico Nazionale per la realizzazione di iniziative comuni nell'ambito della ricerca e della fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale. La sigla è stata apposta nella suggestiva cornice della Pinacoteca nazionale dal Rettore Francesco Mola e dal direttore Francesco Muscolino. La collaborazione riguarderà le raccolte e le sedi espositive universitarie, iniziative espositive comuni finalizzate a favorire la reciproca conoscenza da parte degli studenti, dei cittadini e dei visitatori, mediante la creazione di itinerari, percorsi tematici, e l'adozione di reciproca scontistica nella bigliettazione. «Servono investimenti, anche in risorse umane per proseguire sulla strada intrapresa per valorizzare il patrimonio storico, archeologico e culturale», ha detto Mola. «Noi come Ateneo vogliamo lavorare per la cultura con i diversi attori presenti: da soli non si riesce, insieme si portano a casa risultati importanti. Il supporto del mondo accademico sarà fondamentale e consentirà la giusta sinergia». Muscolino sottolinea «la forte e reciproca volontà di collaborazione tra le due importanti istituzioni culturali. Il Museo Archeologico Nazionale intende essere sempre di più un punto di riferimento anche per lo studio e la ricerca, grazie alle ampie possibilità operative offertegli dalla recente autonomia. Tale obiettivo», ha aggiunto, «non può prescindere da un accordo con l'Università. Oltre alla vicinanza fisica nel prestigioso compendio architettonico della Cittadella dei Musei, infatti, l'Università e il Museo potranno condividere comuni progetti espositivi, culturali e scientifici, per sottolineare, nei rispettivi ambiti di competenza, la centralità culturale di entrambe le istituzioni». Alla firma dell'accordo hanno partecipato il prorettore vicario Gianni Fenu, il direttore generale di UniCa Aldo Urru, il capo di gabinetto del Rettore Alessandra Orrù, il dirigente della direzione Servizi Bibliotecari e attività museali Marco Maxia, l'archeologa e consigliera di amministrazione del Museo Maria Antonietta Mongiu e il funzionario architetto del Museo Alessandro Sitzia. 

La notizia su L'Unione Sarda del 10 febbraio 2022 a pagina 19
La notizia su L'Unione Sarda del 10 febbraio 2022 a pagina 19

LA NUOVA SARDEGNA DEL 10 FEBBRAIO 2022

Sardegna - pagina 9

Protocollo d'intesa firmato dal rettore Mola e dal direttore del museo Muscolino

Accordo Università-Archeologico
 

CAGLIARI. E' stato firmato ieri un accordo di programma tra l'Università di Cagliari e il Museo Archeologico Nazionale per la realizzazione di iniziative comuni nell'ambito della ricerca e della fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale. La sigla è stata apposta nella cornice della Pinacoteca nazionale dal rettore Francesco Mola e dal direttore Francesco Muscolino. Più nel dettaglio, grazie all'intesa raggiunta si rafforzerà la collaborazione tra il Museo Archeologico Nazionale e i musei, le raccolte e le sedi espositive universitarie, per iniziative espositive comuni, per favorire la reciproca conoscenza da parte degli studenti, dei cittadini e dei visitatori, mediante la creazione di itinerari, percorsi tematici, e l'adozione di reciproca scontistica nella bigliettazione.«Abbiamo firmato un accordo importante tra attori del territorio - ha detto il Rettore Mola -. Servono investimenti, anche in risorse umane per proseguire sulla strada intrapresa per valorizzare il patrimonio storico, archeologico e culturale. Noi come Ateneo vogliamo lavorare per la cultura con i diversi attori presenti: da soli non si riesce, insieme si portano a casa risultati importanti. Il supporto del mondo accademico sarà fondamentale e consentirà la giusta sinergia».«La firma dell'accordo di programma tra l'Università degli Studi e il museo Archeologico Nazionale di Cagliari sottolinea la forte e reciproca volontà di collaborazione tra le due importanti istituzioni culturali - ha detto il direttore Muscolino - Il museo intende essere sempre di più un punto di riferimento anche per lo studio e la ricerca, grazie alle ampie possibilità operative offertegli dalla recente autonomia. Tale obiettivo, naturalmente, non può prescindere da un accordo con l'Università. Oltre alla vicinanza fisica nel prestigioso compendio architettonico della Cittadella dei Musei, infatti, l'Università e il Museo potranno condividere, in una ben definita cornice istituzionale, comuni progetti espositivi, culturali e scientifici, per sottolineare, nei rispettivi ambiti di competenza, la centralità culturale di entrambe le istituzioni".Università e Museo collaboreranno anche per promuovere e sostenere iniziative comuni volte all'elaborazione e attuazione di progetti formativi e di aggiornamento, e all'approfondimento della formazione specialistica, con particolare riferimento agli studenti e alle studentesse.

La notizia su La Nuova Sardegna del 10 febbraio 2022 a pagina 9
La notizia su La Nuova Sardegna del 10 febbraio 2022 a pagina 9

Link

Ultime notizie

01 ottobre 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemila presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una cinquantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 settembre 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

28 settembre 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 settembre 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie