UniCa UniCa News Notizie Successo a Venezia per «Bentu»

Successo a Venezia per «Bentu»

Prima cinematografica di grande impatto, dopo l’anteprima riservata alla stampa, per il film realizzato da Salvatore Mereu con la partecipazione di un gruppo di studentesse del corso di laurea in Produzione multimediale: un'emozione UniCa con sorrisi, strette di mano e le congratulazioni della critica, della stampa e della fitta rete di collaborazioni costruita in questi anni intorno ad un modo di fare didattica che rende protagonisti le studentesse e gli studenti del nostro Ateneo. Nelle sale dal 15 settembre: la notizia del film anche su REPUBBLICA. Leggi la RASSEGNA STAMPA
08 settembre 2022
Da sinistra Gaia Lampis, Claudia Pitzalis, Natasha Massa, Stefania Andolfo, Gianfranca Lai, Salvatore Mereu, Roberta D’Aprile, Federica Melis, Nevina Satta, Antioco Floris

Il film – di cui le studentesse di UniCa hanno seguito tutte le fasi di lavorazione – ha riscosso notevole successo anche nella tarda serata di martedì durante l’anteprima riservata alla stampa

Sergio Nuvoli

Cagliari, 8 settembre 2022 – Successo ieri sera in sala alla Mostra internazionale del Cinema di Venezia per la prima di “Bentu”, il film di Salvatore Mereu realizzato con un gruppo di studentesse del corso di laurea in Produzione multimediale e prodotto da Viacolvento col sostegno di Sardegna Film Commission in associazione con il Dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali dell'Università di Cagliari e coprodotto dall'ISRE - Istituto Superiore Regionale Etnografico, con il contributo economico del MIC, Ministero della Cultura, Direzione Generale Cinema e audiovisivo, della Regione Autonoma Sardegna e dei comuni di Guasila, Sanluri e Turri.

Il film – di cui le studentesse di UniCa hanno seguito tutte le fasi di lavorazione – ha riscosso notevole successo anche nella tarda serata di martedì durante l’anteprima riservata alla stampa e sta meritando a pieno titolo l’attenzione dei media, anche nazionali, in questi giorni.

Un'immagine del film
Un'immagine del film

Entusiasmo alle stelle in Laguna per un film che può contare su una fitta rete di collaborazioni di altissimo livello, con l'Ateneo e la sua formazione a fare da fiore all'occhiello nel campo del cinema

Grande emozione e meritata soddisfazione in Laguna per chi ha partecipato alla realizzazione e compie in questo modo un passo decisivo nel proprio percorso formativo. Per loro a Venezia – sul red carpet delle Giornate degli Autori – sorrisi, strette di mano e selfie, ma anche – ciò che più conta - i complimenti del regista, della Direttrice della Fondazione Sardegna Film Commission Nevina Satta e di quanti hanno già potuto vedere il film, che sarà nelle sale a partire dal 15 settembre.

Alla proiezione e agli eventi collaterali erano presenti – con le studentesse nella foto, a cui si è unita la loro collega Eleonora Angiargiu - il cast, la giovane e simpatica troupe al completo, il direttore generale dell’assessorato PI della Regione Renato Serra e la dirigente Laura Tascedda, il dirigente dell’ISRE Marco Mulas, la sindaca di Guasila Paola Casula, l’assessora Paola Carta e la vicesindaca di Sanluri Antonella Pilloni, e tanti altri.

Un successo davvero di tutti: per l’Ateneo, che con i suoi corsi di laurea mostra di offrire agli studenti e alle studentesse un’offerta formativa all’altezza delle sfide più moderne, per il Dipartimento diretto da Ignazio Putzu, che ancora una volta può vantare ricerche di primo livello in un campo fortemente innovativo, ma anche per la rete di enti e professionisti che è stata costruita in questi anni intorno a prodotti cinematografici realizzati in Sardegna ed in cui l’Ateneo è il motore pulsante.

Dietro a «Bentu» c' è infatti un'esperienza di didattica del cinema che da anni il regista Mereu – e non soltanto lui, ma anche tanti altri registi - porta avanti con il corso di laurea magistrale in Produzione Multimediale del nostro Ateneo diretto da Antioco Floris.

Foto di gruppo prima della proiezione
Foto di gruppo prima della proiezione

Link

Ultime notizie

06 ottobre 2022

Presentazione dei risultati del progetto di ricerca BIRDIE-S

Oggi, nell’aula magna del rettorato di Cagliari, si svolge il convegno sugli importanti studi condotti dalle ricercatrici e dai ricercatori di Enel Foundation, Università di Cagliari e Politecnico di Torino sulle opportunità e prospettive per la Sardegna, che può ambire a diventare un polo di eccellenza per lo studio e l’attuazione delle politiche di transizione energetica. Anche alla luce dell’attuale scenario internazionale, si parla di elettrificazione dei consumi, dello sviluppo di comunità energetiche rinnovabili, di stabilità dei prezzi e della sicurezza energetica. Fabrizio Pilo, prorettore all'innovazione e ai rapporti con il territorio: "L'obiettivo è creare le condizioni affinché la Sardegna diventi il riferimento internazionale per la transizione energetica, dalla quale può ottenere grandi benefici ambientali, sociali ed economici". L'EVENTO ANCHE IN STREAMING, SU TEAMS

05 ottobre 2022

Igag days, si parla di Capitale Naturale

Dal 6 ottobre due giornate in cui il personale dell’Istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Igag) proveniente dalle sedi di Roma, Milano e Cagliari si riunisce in Sardegna per discutere dei temi di ricerca nel campo delle scienze delle Terra solida. Apertura dei lavori nell'Aula magna di via Marengo con la partecipazione del direttore del DICAAR Giorgio Massacci

05 ottobre 2022

Innovation Campus, Samsung e Università di Cagliari annunciano la prossima edizione

Mentre è in conclusione il corso 2022 - a fine ottobre le premiazioni dei migliori finalisti - l'ateneo e la company coreana confermano l'iniziativa anche per il 2023. Intelligenza artificiale e Internet of things al centro dei training a cui potrà partecipare gratuitamente una selezione di studenti e studentesse provenienti dalle facoltà STEM di UniCa. Il prorettore vicario con delega all'ICT, Gianni Fenu: "Un’ulteriore esperienza di crescita per i partecipanti, in termini di arricchimento professionale e funzionale al miglior inserimento nei contesti lavorativi pubblici e privati”

05 ottobre 2022

Archeologia, le scoperte di Nora

Una statuetta in maiolica di un babbuino del VII secolo avanti Cristo, proveniente probabilmente dall’Egitto. Tombe integre contenenti piccole statue e monili: sono queste i ritrovamenti emersi dagli scavi nella necropoli. Il lavoro dei ricercatori dell'ateneo, e delle Università di Padova, Genova e Milano, si è aperto nel 2013. Ieri, l'area archeologica è stata visitata dal rettore Francesco Mola e dal direttore del dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali, Ignazio Putzu. Alla visita hanno preso parte i docenti Marco Giuman, Rossana Martorelli, Romina Carboni ed Emiliano Cruccas

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie