UniCa UniCa News Notizie Sharper 2022, la ricerca tra salute, guerra, formazione avanzata, clima, scienza e filosofia

Sharper 2022, la ricerca tra salute, guerra, formazione avanzata, clima, scienza e filosofia

La Notte europea delle ricercatrici e dei ricercatori si tiene il 30 settembre all’Orto botanico di Cagliari. In programma seminari divulgativi su temi di forte attualità alla Casa della cultura, al Ghetto e alla Fondazione di Sardegna. Previste visite guidate e un evento nei penitenziari di Uta e Massama. La comunicazione scientifica che avvicina e ha linguaggi fruibili su argomenti dibattuti e quotidiani da ampi strati della popolazione, ha per capofila l’Università di Cagliari
15 settembre 2022
Monserrato. Una fase della relazione di Federica PInna. Al tavolo dei lavori, Andrea Loviselli e Bernardo Carpiniello

Terza missione e ricerca. Il ruolo dell’ateneo al servizio dei cittadini, nel e per il territorio

Mario Frongia

Venerdì 30 settembre, dalle 15.30, l’Orto botanico - via Sant’Ignazio n. 11, Cagliari - ospita Sharper-European researchers’night 2022. La Notte delle ricercatrici e dei ricercatori che si tiene venerdì 30 settembre all’Orto Botanico di Cagliari con temi di forte attualità rivolti a un pubblico di tutte le età. Ai lavori interverranno docenti ed esperti dell’Università di Cagliari. Tra i relatori rappresentanti dei partner dell’evento. Sharper è un progetto finanziato dalla Commissione Europea e cofinanziato dalla Fondazione di Sardegna. L’ateneo è capofila del consorzio locale composto da Infn e Inaf-Osservatorio astronomico di Cagliari, Sardegna Ricerche, le associazioni ScienzaSocietàScienza e Laboratorio Scienza, Sardegna Teatro, le amministrazioni comunali di Cagliari e Nuoro, il consorzio universitario UniNuoro. Sharper è organizzato dalla Direzione ricerca e territorio con il Crea Unica (Centro servizi ateneo innovazione e imprenditorialità), e ha il contributo dei Dipartimenti, le Direzioni e i musei dell’Università cagliaritana.

Ansia, depressione, rapporti tra attività fisica e salute al centro del seminario tenutosi alla Casa della cultura
Ansia, depressione, rapporti tra attività fisica e salute al centro del seminario tenutosi alla Casa della cultura

Conoscenza e partecipazione: da Monserrato all'Orto un percorso nobile volto al futuro

La Notte si è aperta ieri con il seminario “Guadagnare salute: rapporti tra stili di vita e benessere”, a cura del dipartimento di Scienze Mediche e sanità pubblica. Stasera, alle 19, la Casa della cultura (via Giulio Cesare, n.37, Monserrato) ospita i docenti del dipartimento di Giurisprudenza su “Il volto accogliente dell’Europa. L’attivazione della “protezione temporanea” per chi fugge dalla guerra in Ucraina”. Lunedì 19, sempre alla Casa della cultura, alle 20, si parlerà di “Semplici strumenti contabili per diventare consumatori critici e sostenibili” a cura del dipartimento di Scienze economiche e aziendali. Il giorno dopo, martedì 20, gli specialisti dell’Infn e di Cagliari e Unica) si parlano di “Cambiamento climatico: la non-logica dei negazionisti alla prova dei fatti”. Il ciclo “monserratino” si chiude, mercoledì 21, sempre alle 19, con “Le persone transgender: percorsi di vita” a cura del dipartimento di Scienze mediche in collaborazione con il dipartimento di Pedagogia, psicologia e filosofia e con l’Aou Cagliari. L’ingresso è libero e non occorre prenotazione.

La festa della ricerca e dei suoi interpreti a contatto con il pubblico
La festa della ricerca e dei suoi interpreti a contatto con il pubblico

Da Dante, a Calvino agli incroci tra scienza e filosofia in una Notte davvero imperdibile

La Notte è anche GravitasFest, festival scientifico curato da Infn al Ghetto il 17 e 18 settembre alle 21.30 e alle 19 sui temi “Dante e la Scienza moderna” e lo spettacolo “Tacchini e raggi di luce - storie di incroci tra scienze e filosofia”. Giovedì 22 settembre la Fondazione di Sardegna ospita, dalle 16, il “Passione scienza day”, organizzato da ScienzaSocietàScienza. Il programma prevede la conferenza “Viaggio nel mondo delle particelle, verso l’Higgs e oltre” e la performance teatrale “Eva Mameli Calvino”. In avvicinamento alla Notte, il 22 settembre si aprono le visite guidate ai musei dell’ateneo, in scaletta anche il 26, 27 e 29. Il 29 settembre si tiene “Alla scoperta della ricerca in Unica”, l’evento curato dal Polo universitario penitenziario d’ateneo nelle carceri di Uta e Massama.  

Ricercatrici e ricercatori di UniCa assieme a enti, istituzioni e amministrazioni pubbliche
Ricercatrici e ricercatori di UniCa assieme a enti, istituzioni e amministrazioni pubbliche

Connubio vincente tra l'ateneo e la municipalità di Monserrato

“Sharper è un momento attesissimo per Unica. Gli eventi sono preziose occasioni per dialogare con la cittadinanza e per proporci come punto di riferimento affidabile, durante un periodo ricco di incertezze” dice il rettore Francesco Mola. “La ricerca scientifica ci regala strumenti importantissimi per comprendere la complessità del mondo, per affrontare e vincere queste sfide” aggiunge il prorettore alla Ricerca scientifica, Luciano Colombo. Sulla rinnovata collaborazione con l'ateneo, la gratitudine del sindaco di Monserrato, Tommaso Locci (“Il percorso intrapreso porta al connubio tra città di Monserrato e Polo Universitario”). Per l’assessora ai Rapporti con l’Università, Emanuela Stara “Siamo parte attiva in un progetto europeo di grande valore ed importanza. La Casa della Cultura ospita eventi che approfondiscono argomenti di grande interesse e sono occasione per i cittadini di interloquire con i ricercatori”.

Il programma completo di su

https://www.sharper-night.it/sharper-cagliari/

 

Sharper, ennesima pregiata occasione per esaltare le relazioni con il territorio e le città di Cagliari e Monserrato
Sharper, ennesima pregiata occasione per esaltare le relazioni con il territorio e le città di Cagliari e Monserrato

Link

Ultime notizie

06 ottobre 2022

Presentazione dei risultati del progetto di ricerca BIRDIE-S

Oggi, nell’aula magna del rettorato di Cagliari, si svolge il convegno sugli importanti studi condotti dalle ricercatrici e dai ricercatori di Enel Foundation, Università di Cagliari e Politecnico di Torino sulle opportunità e prospettive per la Sardegna, che può ambire a diventare un polo di eccellenza per lo studio e l’attuazione delle politiche di transizione energetica. Anche alla luce dell’attuale scenario internazionale, si parla di elettrificazione dei consumi, dello sviluppo di comunità energetiche rinnovabili, di stabilità dei prezzi e della sicurezza energetica. Fabrizio Pilo, prorettore all'innovazione e ai rapporti con il territorio: "L'obiettivo è creare le condizioni affinché la Sardegna diventi il riferimento internazionale per la transizione energetica, dalla quale può ottenere grandi benefici ambientali, sociali ed economici". L'EVENTO ANCHE IN STREAMING, SU TEAMS

05 ottobre 2022

Igag days, si parla di Capitale Naturale

Dal 6 ottobre due giornate in cui il personale dell’Istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Igag) proveniente dalle sedi di Roma, Milano e Cagliari si riunisce in Sardegna per discutere dei temi di ricerca nel campo delle scienze delle Terra solida. Apertura dei lavori nell'Aula magna di via Marengo con la partecipazione del direttore del DICAAR Giorgio Massacci

05 ottobre 2022

Innovation Campus, Samsung e Università di Cagliari annunciano la prossima edizione

Mentre è in conclusione il corso 2022 - a fine ottobre le premiazioni dei migliori finalisti - l'ateneo e la company coreana confermano l'iniziativa anche per il 2023. Intelligenza artificiale e Internet of things al centro dei training a cui potrà partecipare gratuitamente una selezione di studenti e studentesse provenienti dalle facoltà STEM di UniCa. Il prorettore vicario con delega all'ICT, Gianni Fenu: "Un’ulteriore esperienza di crescita per i partecipanti, in termini di arricchimento professionale e funzionale al miglior inserimento nei contesti lavorativi pubblici e privati”

05 ottobre 2022

Archeologia, le scoperte di Nora

Una statuetta in maiolica di un babbuino del VII secolo avanti Cristo, proveniente probabilmente dall’Egitto. Tombe integre contenenti piccole statue e monili: sono queste i ritrovamenti emersi dagli scavi nella necropoli. Il lavoro dei ricercatori dell'ateneo, e delle Università di Padova, Genova e Milano, si è aperto nel 2013. Ieri, l'area archeologica è stata visitata dal rettore Francesco Mola e dal direttore del dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali, Ignazio Putzu. Alla visita hanno preso parte i docenti Marco Giuman, Rossana Martorelli, Romina Carboni ed Emiliano Cruccas

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie