UniCa UniCa News Notizie Incendi estivi. Prosegue l’intesa degli specialisti dell’Università di Cagliari con Protezione civile e Ordine dei geologi

Incendi estivi. Prosegue l’intesa degli specialisti dell’Università di Cagliari con Protezione civile e Ordine dei geologi

Patrimonio boschivo devastato, erosione e instabilità del territorio. Una tesi di laurea sul rogo del Montiferru e un progetto dell’ateneo su un tema che affligge da sempre la Sardegna. “Per la prevenzione e la tutela occorrono pianificazione e metodologie precise. E una cartografia aggiornata per poter valutare il dissesto e le eventuali aree a rischio” dice Stefania Da Pelo
05 settembre 2022
Montiferru, dramma, devastazione e cenere

Il lavoro degli specialisti su incendi e danni ingenti al territorio

Mario Frongia

La Sardegna, terra martoriata dai roghi estivi. Sul tema è stata sviluppata la tesi di Francesco Gallittu (originario di Iglesias) e Giuseppina Pintus (Seneghe), relatrice Stefania Da Pelo. Ed è tuttora in corso un progetto di collaborazione scientifica tra i docenti del dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell’Università di Cagliari con la Protezione civile. In breve, relazioni proficue e consolidate su un argomento che puntualmente determina danni irreparabili. Nello specifico, i neo dottori in Scienze e tecnologie geologiche si sono laureati lo scorso giugno dopo aver concentrato ricerca, dati e analisi sull’incendio del 24 luglio 2021 nel Montiferru e in particolare attorno a Santu Lussurgiu. Con la supervisione della professoressa Da Pelo (docente di Geologia applicata e progettazione geologica) i candidati hanno esplorato il dramma dei roghi estivi che affliggono la regione da vari punti di vista. “Proposta metodologica per la valutazione della suscettività dinamica al dissesto in aree percorse da incendio. Caso studio di Santu Lussurgiu, Montiferru, Sardegna centro-occidentale” è stata la cornice della discussione.

Stefania Da Pelo (archivio Unica)
Stefania Da Pelo (archivio Unica)

Dal Montiferru alla facoltà di Scienze. La tesi di laurea su un inferno di oltre dodicimila ettari

“La prima considerazione ha riguardato i considerevoli effetti degli incendi sul territorio. Non solo per la perdita del patrimonio boschivo, ma anche per le modifiche che possono portare sui suoli, modificandone le caratteristiche, e per i conseguenti effetti di erosione e instabilità che possono presentarsi sui versanti” hanno spiegato Francesco Gallittu e Giuseppina Pintus. Dal quadro è emerso un aspetto chiave: l’analisi dei territori è decisiva. Sono state queste le premesse che hanno permesso un cammino in comune tra Dipartimento, Ordine dei geologi regionale e Protezione civile. “Un gruppo di volontari dell’Ordine, presieduto da Davide Boneddu, si è attivato al fianco della Protezione Civile e delle municipalità colpite. L’obiettivo? Individuare le aree critiche che avrebbero potuto manifestare fenomeni di dissesto. Alle prime piogge le previsioni sono state confermate, con diffusi fenomeni di erosione e dissesto, fortunatamente di bassa e media intensità” ha rimarcato la professoressa Da Pelo.

Cagliari. Una fase del confronto tra specialisti e laureandi dell'ateneo con gli esperti della Protezione civile
Cagliari. Una fase del confronto tra specialisti e laureandi dell'ateneo con gli esperti della Protezione civile

Dodici comuni coinvolti in un rogo di dimensioni, durata e danni abnormi

Intesa proficua e bersagli comuni. Utili alla formazione, alla rocerca e al territorio. La Terza missione che coniuga opportunità ed esigenze e apre interessanti scenari. Alla presentazione dei risultati delle ricerche, poi raccolte nella tesi, hanno preso parte per la Protezione civile, il direttore generale Antonio Pasquale Belloi e i geologi Stefano Loddo e Vittorio Uras, e una delegazione del consiglio nazionale e regionale dell’Ordine dei geologi. Nel dettaglio, l’incendio si è sviluppato dal 23 al 28 luglio del 2021, ha interessato 12.235 ettari di bosco del Montiferru, e ha coinvolto i comuni di Bonarcado, Cuglieri, Flussio, Magomadas, Sagama, Santu Lussurgiu, Scano di Montiferro, Sennariolo, Sindia, Suni, Tinnura e Tresnuraghes. Organizzata da Consiglio nazionale dei geologi e dall’Ordine, la sinergia con l’ateneo è strategica anche per gli enti locali. E si lavora per il tirocinio di uno dei laureati da svolgersi con la Protezione civile. Ma le relazioni istituzionali, maturate nel tempo, sono in continuo divenire. I docenti del Dipartimento, Maria Teresa Melis, Laura Pioli e Giacomo Deiana, curano un progetto che deriva dalla collaborazione con la Protezione civile sorta nel 2017. La ricerca ha al centro anche vari aspetti inerenti il rogo del Montiferru e l'applicazione del telerilevamento.  

Altre immagini tratte dal disastro del Montiferru
Altre immagini tratte dal disastro del Montiferru

Scienza, relazioni istituzionali e territorio, un rapporto prezioso in continua ascesa

“Abbiamo riscontrato le criticità degli strumenti di pianificazione che applicano metodi di valutazione della suscettività in maniera statica, facendo una fotografia della situazione aggiornato al momento della redazione della cartografia” rimarca Stefania Da Pelo. “Gli strumenti cartografici sono strumenti che necessitano di continui aggiornamenti per l’intrinseca caratteristica dei sistemi naturali di evolvere nel tempo. Lo studio condotto dagli studenti con la mia supervisione ha dimostrato che è possibile costruire dei modelli dinamici per la valutazione della suscettività, considerando gli scenari possibili in seguito a modifiche del territorio, come quelli causati dagli incendi”.

 

 

Un dissesto dalle ripercussioni deleterie per le comunità locali
Un dissesto dalle ripercussioni deleterie per le comunità locali

“Flash” significativi delle aree basati su dati attendibili per approdare metodologie specifiche

“I modelli su cui si indaga e si approfondisce hanno bisogno di essere alimentati con dati che descrivano in maniera accurata il processo, e quindi sono tanto più validi quanto maggiore, pertinente e accurato è il set di dati utilizzati” è a sintesi di uno dei capitoli chiave della tesi. “Il risultato finale? Una proposta metodologica utile a valutare la suscettività dinamica al dissesto in aree percorse da incendio, come strumento di previsione e prevenzione più efficace, che consenta - hanno sottolineato  Francesco Gallittu e Giuseppina Pintus - di evidenziare gli areali che potrebbero modificare la propria suscettività in seguito agli incendi e sulle quali intervenire con strumenti di mitigazione in maniera mirata”.

Santu Lussurgiu. Dal rogo danni ingenti anche alla viabilità, agli allevamenti e alle colture
Santu Lussurgiu. Dal rogo danni ingenti anche alla viabilità, agli allevamenti e alle colture

Ultime notizie

06 ottobre 2022

Presentazione dei risultati del progetto di ricerca BIRDIE-S

Oggi, nell’aula magna del rettorato di Cagliari, si svolge il convegno sugli importanti studi condotti dalle ricercatrici e dai ricercatori di Enel Foundation, Università di Cagliari e Politecnico di Torino sulle opportunità e prospettive per la Sardegna, che può ambire a diventare un polo di eccellenza per lo studio e l’attuazione delle politiche di transizione energetica. Anche alla luce dell’attuale scenario internazionale, si parla di elettrificazione dei consumi, dello sviluppo di comunità energetiche rinnovabili, di stabilità dei prezzi e della sicurezza energetica. Fabrizio Pilo, prorettore all'innovazione e ai rapporti con il territorio: "L'obiettivo è creare le condizioni affinché la Sardegna diventi il riferimento internazionale per la transizione energetica, dalla quale può ottenere grandi benefici ambientali, sociali ed economici". L'EVENTO ANCHE IN STREAMING, SU TEAMS

05 ottobre 2022

Igag days, si parla di Capitale Naturale

Dal 6 ottobre due giornate in cui il personale dell’Istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Igag) proveniente dalle sedi di Roma, Milano e Cagliari si riunisce in Sardegna per discutere dei temi di ricerca nel campo delle scienze delle Terra solida. Apertura dei lavori nell'Aula magna di via Marengo con la partecipazione del direttore del DICAAR Giorgio Massacci

05 ottobre 2022

Innovation Campus, Samsung e Università di Cagliari annunciano la prossima edizione

Mentre è in conclusione il corso 2022 - a fine ottobre le premiazioni dei migliori finalisti - l'ateneo e la company coreana confermano l'iniziativa anche per il 2023. Intelligenza artificiale e Internet of things al centro dei training a cui potrà partecipare gratuitamente una selezione di studenti e studentesse provenienti dalle facoltà STEM di UniCa. Il prorettore vicario con delega all'ICT, Gianni Fenu: "Un’ulteriore esperienza di crescita per i partecipanti, in termini di arricchimento professionale e funzionale al miglior inserimento nei contesti lavorativi pubblici e privati”

05 ottobre 2022

Archeologia, le scoperte di Nora

Una statuetta in maiolica di un babbuino del VII secolo avanti Cristo, proveniente probabilmente dall’Egitto. Tombe integre contenenti piccole statue e monili: sono queste i ritrovamenti emersi dagli scavi nella necropoli. Il lavoro dei ricercatori dell'ateneo, e delle Università di Padova, Genova e Milano, si è aperto nel 2013. Ieri, l'area archeologica è stata visitata dal rettore Francesco Mola e dal direttore del dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali, Ignazio Putzu. Alla visita hanno preso parte i docenti Marco Giuman, Rossana Martorelli, Romina Carboni ed Emiliano Cruccas

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie