UniCa UniCa News Notizie Rifiuti sui fondali marini, ora è emergenza

Rifiuti sui fondali marini, ora è emergenza

Pubblicato sulla rivista "Environmental Research Letters" uno studio che rivela la minaccia nel Mediterraneo. L'allarme arriva da un team di studiosi, tra i quali Alessandro Cau, ricercatore del Dipartimento di Scienze della Vita e dell’Ambiente del nostro Ateneo, INTERVISTATO DAL TG RAI LEONARDO in onda in tutta Italia, e dal TG RAI Sardegna. Ad elevate profondità, oltre i mille metri, spesso la biomassa pescata con lo strascico (pesci, crostacei, molluschi) è uguale o inferiore a quella dei rifiuti. Indagati dai ricercatori anche i fondali del canyon di Nora e delle Bocche di Bonifacio. RASSEGNA STAMPA con il servizio del TGR SETTIMANALE
31 gennaio 2021
Un'aragosta intrappolata in una rete da pesca abbandonata sul fondale marino

L'articolo segue l’importante workshop sul tema organizzato a Bremerhaven (Germania) dal Joint Research Center della Commissione Europea e l’Alfred Wegener-Institut per mettere a confronto i massimi esperti mondiali e giungere ad un documento comune

Sergio Nuvoli

Cagliari, 21 gennaio 2021 - E’ stato pubblicato sulla rivista scientifica Environmental Research Letters un articolo sulla problematica dei rifiuti depositati sul fondo dei mari del mondo. Lo studio segue a distanza di due anni – e dopo ricerche specifiche approfondite – l’importante workshop sul tema organizzato a Bremerhaven (Germania) dal Joint Research Center della Commissione Europea e l’Alfred Wegener-Institut. In quell’occasione, furono messi a confronto i massimi esperti mondiali con l’obiettivo di giungere alla stesura di un documento che fornisse la sintesi delle attuali conoscenze sui materiali di origine umana depositati sul fondo e sulle metodologie per migliorare il lavoro futuro, al fine di fornire informazioni dettagliate per le future misure di gestione della problematica.

Tra gli autori – presenti anche al simposio tedesco - figura Alessandro Cau, ricercatore di Ecologia al Dipartimento di Scienze della Vita e dell’Ambiente dell’Università di Cagliari, insieme ad altri 27 studiosi di numerosi istituti di ricerca tra i quali l'Università di Barcellona (Spagna), Università delle Azzorre (Portogallo), l'Alfred Wegener-Institut (Germania), Università di Utrecht (Paesi Bassi), del Bergen Marine Research Institute (Norvegia), il Monterey Bay Aquarium Research Institute (MBARI, California, USA), l'Agenzia giapponese per la scienza e la tecnologia marina e terrestre (JAMSTEC, Giappone), l'Istituto di ricerca francese per lo sfruttamento del mare (IFREMER, Francia) e l'Università di Oxford (Regno Unito).

Alessandro Cau intervistato qualche mese fa dal TG della RAI
Alessandro Cau intervistato qualche mese fa dal TG della RAI
Alessandro Cau intervistato da TG Leonardo su RaiTre, introdotto da Silvia Rosa Brusin

Lo studio indica come i rifiuti stiano aumentando nei fondali marini di tutto il mondo: secondo gli esperti questo trend è destinato a continuare, tanto che entro i prossimi 30 anni il volume dei rifiuti marini potrà superare i tre miliardi di tonnellate

Il ricercatore cagliaritano, componente del gruppo di Biologia Marina dell’Università di Cagliari, ha contribuito alla stesura dell’articolo con le competenze acquisite grazie alle ricerche svolte nei mari di Sardegna e nel Mediterraneo, il mare più inquinato al mondo. Di recente, uno studio a cui il dottor Cau ha partecipato ha dimostrato che ad elevate profondità, oltre i 1000 metri, spesso la biomassa pescata con lo strascico (pesci, crostacei, molluschi) è uguale o inferiore a quella dei rifiuti. Come dire che a certe profondità ci sono più rifiuti che pesci.

Numerosi siti dei nostri mari, infatti, hanno suscitato l’interesse della comunità scientifica per la loro posizione in prossimità di alcune tra le rotte navali più trafficate del Mediterraneo e del mondo: ne sono un esempio il canyon di Nora e le bocche di Bonifacio, siti che ospitano una ricchissima biodiversità che purtroppo è minacciata dalle attività umane e dalla pesca.

Sul fondo di entrambi i siti – anche a 450 metri di profondità - sono stati ritrovati diversi oggetti, come pneumatici e altri detriti. Plastiche, metalli, vetro, ceramica, attrezzature da pesca, tessuti e carta sono tra i materiali più abbondanti. Lo studio indica come i rifiuti stiano aumentando nei fondali marini di tutto il mondo: in alcuni casi la loro densità sarebbe addirittura paragonabile a quella delle grandi discariche presenti sulla terraferma. Secondo gli esperti questo trend è destinato a continuare, tanto che entro i prossimi 30 anni il volume dei rifiuti marini potrà superare i tre miliardi di tonnellate.

Un pneumatico ritrovato sul fondale: al suo interno sono state ritrovate uova di calamari
Un pneumatico ritrovato sul fondale: al suo interno sono state ritrovate uova di calamari
il servizio di Elena Laudante per il TGR RAI Sardegna andato in onda nell'edizione delle 14 del 29 gennaio 2021 condotto da Maria Spigonardo

Delle milioni di tonnellate di rifiuti che entrano in mare ogni anno, meno dell’1% è visibile, perché viene spiaggiato o galleggia sulla superficie del mare, mentre il restante 99% sprofonda e finisce sul fondo, di cui conosciamo ancora molto poco. Anche per questo la problematica dei rifiuti in mare è globalmente riconosciuta come minaccia dilagante. Un esempio tra i tanti è la Direttiva Europea sulla Strategia Marina (Marine Strategy Framework Directive), che mira al raggiungimento di un buono stato ambientale tramite l’analisi di undici descrittori. Il decimo è specificatamente dedicato alla presenza e all’impatto dei rifiuti in mare.

Servizio di Elena Laudante andato in onda il 6 febbraio 2021 nel TGR Settimanale della RAI

Link

Ultime notizie

17 settembre 2021

Transizione energetica, la roadmap della Sardegna

Università di Cagliari, Sotacarbo ed Enea curano la due giorni sul tema chiave per lo sviluppo del sistema Italia. Tecnologie, scenari e politiche di riqualificazione, formazione e neutralità climatica al centro del dibattito con le massime cariche regionali e nazionali del comparto. Apertura dei lavori con i rettori Francesco Mola e Gavino Mariotti. Nel team organizzativo lo staff di Fabrizio Pilo, prorettore per Innovazione e territorio

17 settembre 2021

A Giacomo Cao il Premio Navicella Sardegna 2021

Il docente del Dipartimento di Ingegneria meccanica, chimica e dei materiali premiato nella sua qualità di scienziato con il prestigioso riconoscimento assegnato annualmente a personalità sarde, di nascita, di origine o di adozione, che abbiano dato lustro alla Sardegna a livello nazionale ed internazionale. Sabato 18 settembre alle 21 su Videolina uno speciale sul Premio

16 settembre 2021

Cagliari capitale mondiale delle scienze computazionali

Organizzata con successo dal DICAAR la ventunesima conferenza internazionale ICCSA su “Computational Science and its Applications”. Inaugurate il 13 settembre dal prorettore vicario Gianni Fenu, le quattro giornate di lavori in modalità mista, in presenza e online, ospitate dalla facoltà di Ingegneria di UniCa, contano oltre 400 partecipanti di ben 58 diverse nazioni. Oggi la conclusione e l’appuntamento in Spagna per la prossima edizione

16 settembre 2021

CyberChallenge 2021, i campioni premiati dal rettore

Stamani in aula magna i sei giovani vincitori e il team dell’Università di Cagliari che nell’ultima edizione ha superato la concorrenza di trentuno atenei e due scuole militari conquistando il titolo nazionale nelle sfide di difesa e attacco informatico. Francesco Mola: “Portiamo l’orientamento e la divulgazione nei singoli Comuni e in tutte le scuole”

Questionario e social

Condividi su: