UniCa UniCa News Notizie Ricerca scientifica e territorio, binomio vincente

Ricerca scientifica e territorio, binomio vincente

Pane carasau e Internet of Things nel progetto IAPC coordinato da Alessandro Fanti (DIEE) e finanziato dal Ministero dello Sviluppo economico con 5 milioni di euro: protagonista nel TG della RAI. Guarda il SERVIZIO andato in onda all'interno di "Buongiorno Regione". VIDEO
20 marzo 2020
GUARDA IL SERVIZIO DI MAURO SCANU INTRODOTTO DA ELISABETTA ATZENI IN "BUONGIORNO REGIONE" DEL 20 MARZO 2020

Grazie al coinvolgimento dei ricercatori di ben quattro dipartimenti dell’Ateneo, l’Università di Cagliari sposa alla perfezione tecnologia, scienza applicata e tradizione

Sergio Nuvoli

Cagliari, 21 marzo 2020 - “E’ il classico esempio di come l’Università di Cagliari collabora con il territorio e con le aziende, cercando di fare con esse un percorso di crescita”. E’ giovane, ma sicuro e determinato, Alessandro Fanti, il ricercatore del Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica che coordina il progetto IAPC, mentre parla al microfono del TG della RAI. Il servizio di Mauro Scanu è andato in onda ieri all’interno di “Buongiorno Regione”, la striscia informativa quotidiana curata dalla redazione giornalistica della RAI. L’acronimo che identifica l’iniziativa sta per “Ingegnerizzazione e Automazione del Processo di produzione tradizionale del pane Carasau mediante l’utilizzo di tecnologie IOT”.

Grazie al coinvolgimento dei ricercatori di ben quattro dipartimenti dell’Ateneo, l’Università di Cagliari sposa alla perfezione tecnologia, scienza applicata e tradizione. Si parte dalla storia: “Un tempo, il pane carasau lievitava di notte. Mia mamma mi diceva di guardare che dovevo imparare”, ha raccontato la signora di Fonni Anna Rosa Murrocu. “Era un alimento ideale per i pastori che vivevano isolati sui monti – ha spiegato il giornalista – Oggi in Sardegna se ne producono tonnellate”.

Alessandro Fanti (ricercatore DIEE) è il responsabile del progetto che coinvolge 4 dipartimenti di UniCa
Alessandro Fanti (ricercatore DIEE) è il responsabile del progetto che coinvolge 4 dipartimenti di UniCa

L’idea alla base dell’iniziativa coordinata da Alessandro Fanti, ricercatore del Dipartimento guidato da Fabrizio Pilo, è integrare le innovazioni prodotte dalla comunità scientifica con le conoscenze e competenze della realtà produttiva regionale

Come si ricorderà, l’idea alla base dell’iniziativa coordinata da Alessandro Fanti, ricercatore del Dipartimento guidato da Fabrizio Pilo, è integrare le innovazioni prodotte dalla comunità scientifica con le conoscenze e competenze della realtà produttiva regionale senza perdere l’artigianalità del prodotto.

I ricercatori stanno intervenendo anche sugli errori di lavorazione: “Causano una perdita di circa tre ore”, taglia corto Mauro Franceschelli, un altro dei docenti coinvolti in IAPC. Tenendo sotto controllo i parametri, si punta a ottimizzare il processo, con un significativo risparmio di energia e di risorse umane.

“Misuriamo le condizioni ambientali e i parametri relativi alle materie prime – spiega Francesco Desogus, ricercatore del Dipartimento di Ingegneria Chimica e dei Materiali – L’umidità dell’aria, la temperatura: tutti indicatori importanti per ottimizzare il processo”.

Un tempo la differenza la faceva l’occhio umano, ora ci pensa la tecnologia. E la ricerca scientifica.

IL TEAM. Il progetto, fortemente caratterizzato da un approccio multidisciplinare, coinvolge gli studiosi di quattro dipartimenti: Piero Cosseddu, Mauro Franceschelli, Giorgio Fumera, Gianluca Gatto, Giuseppe Mazzarella, Giovanna Mura (Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica), Renzo Carta e Massimiliano Grosso (Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei materiali), Alberto Angioni (Dipartimento di Scienze della Vita e dell’Ambiente) e Roberto Baccoli (Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura).

Per la realizzazione delle attività, l’Università di Cagliari collabora con la capofila, lo Studio - A Automazione s.r.l con sede a Serramanna,  in partnership con M.F.M. di Urrai Salvatora & C. S.N.C  di Fonni.

Una parte del team: Alberto Angioni, Mauro Franceschelli, Massimiliano Grosso, Giovanna Mura, Giuseppe Mazzarella, Alessandro Fanti, Gianluca Gatto, Piero Cosseddu
Una parte del team: Alberto Angioni, Mauro Franceschelli, Massimiliano Grosso, Giovanna Mura, Giuseppe Mazzarella, Alessandro Fanti, Gianluca Gatto, Piero Cosseddu

Link

Ultime notizie

03 luglio 2020

On line il Manifesto degli Studi

Contiene i dettagli dell’offerta formativa per l'Anno Accademico 2020/2021 e l’indicazione di tutti i corsi di laurea, con le date delle prove di accesso e di verifica della preparazione iniziale: a disposizione 81 corsi di studio (38 triennale, 6 magistrali a ciclo unico, 37 magistrali biennali), 15 dottorati di ricerca, 35 scuole di specializzazione. ISCRIZIONI POSSIBILI A PARTIRE DAL 9 LUGLIO: per facilitare la scelta sono on line TUTTI I VIDEO degli Open Day di maggio, con la presentazione di ciascun corso e di ogni servizio offerto

01 luglio 2020

Open Day, le magistrali e le specializzazioni di Studi Umanistici

Due giornate di orientamento online dedicate agli studenti e alle studentesse delle discipline umanistiche. L’8 e 9 luglio saranno presentati i corsi di laurea magistrale, i corsi di dottorato e le scuole di specializzazione della Facoltà di Studi Umanistici con la partecipazione di docenti, specialisti e studenti

Questionario e social

Condividi su: