UniCa UniCa News Notizie Ricerca, imprese, territorio: The Shifters, trampolino efficace per le nuove generazioni

Ricerca, imprese, territorio: The Shifters, trampolino efficace per le nuove generazioni

Online il secondo episodio della web serie ispirata al sapere scientifico dell’Università di Cagliari. Innovazione, agenda Onu 2030 e dipendenze dalle droghe per filo conduttore. Dieci ricercatori e altrettanti approfondimenti multidisciplinari. A Sa Manifattura applausi per il progetto curato dal Crea e per la relazione di Gian Luigi Gessa. Le parole dei prorettori Fabrizio Pilo ed Elisabetta Gola, e delle direttrici del Crea e di Sardegna Ricerche, Maria Chiara di Guardo e Maria Assunta Serra  
26 febbraio 2022
The Shifters. Da sinistra, Gianluca Macialis, Giovanni Pintus, Gabriele Meloni, Elisabetta Gola, Maria Antonietta De Luca, Miriam Melis, Francesca Cabiddu, Tiziana Pivetta, Gian Luigi Gessa, Maria Assunta Serra, Maria Chiara Di Guardo e Laura Poletti

Dieci ricercatori, altrettanti temi per un sapere inclusivo al servizio della comunità

Mario Frongia

Dalle 13 di ieri, venerdì 25 febbraio, è online il secondo episodio della web serie ispirata alle ricerche dell’ateneo. Il progetto pilota innovativo di comunicazione transmediale racconta la Terza missione da una prospettiva differente. Un percorso avvicinante che supera l’ambito accademico. La forza dell’interdisciplinarietà, dopo il successo del primo episodio, ispirato alle ricerche sul cambiamento climatico, con oltre cinquantamila visualizzazioni web, la firmano Ivan Blecic e Paolo Sanjust (su I videogiochi interattivi e Restauro del moderno - dipartimento Ingegneria civile, ambientale e architettura), Francesca Cabiddu (Digital marketing - Scienze economiche e aziendali), Maria Antonietta De Luca e Miriam Melis (Nuove droghe e Tossicodipendenze - Scienze biomediche), Domenica Farci (Estrazione di carotenoidi da batteri e scarti alimentari - Biologia e farmacia), Elisabetta Gola e Loredana Lucarelli (Metafore linguistiche di narrazione e Disturbi alimentari - Pedagogia, psicologia, filosofia), Gian Luca Marcialis (Sistemi di riconoscimento biometrico - Ingegneria elettrica ed elettronica) e Tiziana Pivetta (Sistemi di sintesi di farmaci antitumorali - Scienze chimiche e geologiche). Il video è stato presentato a Sa Manifattura dal Crea UniCa (Centro servizi innovazione e imprenditorialità, Università Cagliari), in collaborazione con Sardegna Ricerche.  

Un'immagine emblematica del video The Shifters
Un'immagine emblematica del video The Shifters

Investimenti, formazione e divulgazione di qualità per uno sviluppo durevole

“I dati dicono che da più di vent’anni abbiamo smesso di investire. La Sardegna è agli ultimi posti per programmi di formazione che coinvolgano la popolazione attiva. Se vogliamo essere al centro dello sviluppo bisogna puntare su iniziative che formano le persone”. Fabrizio Pilo, prorettore per Innovazione e territorio, ha centrato il bersaglio. “Dobbiamo investire il più possibile in questo tipo di iniziative, lo stiamo facendo e vogliamo farlo ancora di più. Ai giovani ricercatori suggerirei di ragionare e di pensare, di guardare al mondo e capire che quel che fa serve a far crescere il territorio in cui vive. Un territorio in cui è giusto che si trasferisca la conoscenza”.

Fabrizio Pilo, ordinario di Impianti di produzione dell'energia elettrica, facoltà di Ingegneria e architettura dell'Università di Cagliari, con Maria Assunta Serra
Fabrizio Pilo, ordinario di Impianti di produzione dell'energia elettrica, facoltà di Ingegneria e architettura dell'Università di Cagliari, con Maria Assunta Serra

Sardegna ricerche, tra innovazione, ambiente e sostenibilità

“Ci poniamo come trait d’union tra la ricerca e le imprese affinché le imprese della Sardegna possano crescere grazie all’innovazione. Nel progetto The Shifters vediamo l’innovazione nel trasferimento della comunicazione della scienza alla gente comune. Cambiare e innovare - ha puntualizzato Maria Assunta Serra, direttrice generale di Sardegna ricerche - è necessario per migliorare la qualità della vita, senza perdere di vista l’ambiente e la sostenibilità. La collaborazione con l’Università di Cagliari porterà ad azioni sempre più forti e a una sinergia sempre più importante. Sosteniamo giovani ricercatori con finanziamenti fino a centomila euro per stare in Sardegna, insediarsi nei nostri centri e condurre ricerche importanti”.

Maria Assunta Serra e Fabrizio Pilo hanno aperto la presentazione del secondo episodio di The Shifters
Maria Assunta Serra e Fabrizio Pilo hanno aperto la presentazione del secondo episodio di The Shifters

Un progetto diverso, fruibile, attrattivo. La fiction che ammalia

“La nostra università si apre per ingaggiare giovani e imprese. The Shifters - ha spiegato Maria Chiara Di Guardo, direttrice del Crea - è una fiction che nasconde le ricerche universitarie e una serie di attività dei nostri ricercatori. Attiriamo l’attenzione con uno strumento transmediale per raccontare un progetto innovativo frutto dell’incontro dei saperi di dieci ricercatori. Vogliamo rendere la ricerca scientifica il più fruibile possibile. Dalla piattaforma si possono sentono i ricercatori che illustrano la loro ricerca celata nell’episodio. Poi, si arriva ad approfondimenti più dettagliati fino al livello di paper scientifico. Partiamo da una fiction per arrivare a spingere anche le persone al di fuori dell’ambito accademico ad incuriosirsi. E sperimenteremo modelli nuovi che poi potranno essere utilizzati e copiati anche da altri protagonisti della comunità scientifica"..

Maria Chiara Di Guardo, ha fondato il ContaminationLab e guida il Crea di UniCa
Maria Chiara Di Guardo, ha fondato il ContaminationLab e guida il Crea di UniCa

La comunicazione che avvicina. Un messaggio e tante preziose domande

“The Shifters ha affrontato un modo di comunicare coraggioso. Non è per nulla facile - ha detto Elisabetta Gola, prorettrice per la Comunicazione e l’immagine -  vedere espresso in questo modo un percorso di ragionamento scientifico che è rivolto a un pubblico vasto e variegato. Si va oltre all’utente di una lezione di farmacologia o di ingegneria elettronica. C’è bisogno di specializzarsi sempre più, così come di diffondere conoscenze fondate al maggior numero di persone. La comunicazione funzionale deve coinvolgere anche chi la fruisce, non deve essere solo una divulgazione da parte di chi la fa. Nell’episodio - ha concluso la presidente del corso di laurea in Scienze della comunicazione - non c’è un vero e proprio messaggio, ma tanti stimoli e tante domande: incuriosire è già un gran bel risultato”.

 

Una fase dell'intervento di Elisabetta Gola, ordinario di Teoria dei linguaggi, facoltà di Studi umanistici
Una fase dell'intervento di Elisabetta Gola, ordinario di Teoria dei linguaggi, facoltà di Studi umanistici

Scienza e competenze al servizio delle nuove generazioni e del tessuto imprenditoriale.

“La nostra Università racchiude uno scrigno di saperi e know how che vanno comunicati all'esterno per innescare cambiamento, sviluppo e innovazione del territorio. Con The Shifters - ha aggiunto la professoressa di Guardo, direttrice del Crea e responsabile scientifico del progetto - il linguaggio scientifico dell'ateneo si trasforma ed entra in contatto con una platea di utenti vasta e variegata. Le ricerche possono rappresentare interessanti spunti di innovazione per piccole e medie imprese che intendono innovarsi in un mercato in continuo cambiamento”. Terza missione, talenti e idee da valorizzare.  “Una delle ricerche racchiuse all’interno del #02Episodio ha dato origine a un Junior spin off dell’ateneo. Bacfarm, startup nata nel Contamination Lab, è un esempio di impresa nata a partire da un brevetto dell’Università raccontato all’interno del secondo episodio e oggi - ha rimarcato Maria Chiara Di Guardo - è insediata nel Parco tecnologico di Sardegna Ricerche a Pula”. La direttrice del Crea ha ricordato il boom del primo episodio (“Oltre cinquantamila visualizzazioni”) e ringraziato il pool di lavoro, coordinato da Laura Poletti, e la direzione Ricerca, guidata da Gaetano Melis. The Shifters è finanziato dalla Legge regionale n. 7 ed è supportato da Sardinia Film Commission, Società italiana farmacologia (Sif), Società italiana tossicodipendenze (Sitd), Ministero della ricerca, Rete università sostenibile (Rus), Alleanza italiana sviluppo sostenibile (Asvis), Netval, Icnoderm, Numera, Play car e Studio dentistico Cocco.

Cagliari. La sala di Sa Manifattura che ha ospitato la proiezione e la presentazione di The Shifters
Cagliari. La sala di Sa Manifattura che ha ospitato la proiezione e la presentazione di The Shifters

La pregiata filiera della ricerca in ateneo narrata dai Naked Panda

Il progetto, con video, blog e podcast, racconta i risultati della ricerca universitaria in modo innovativo e non convenzionale. Ispirato agli obiettivi dell’Agenda Onu 2030, il secondo episodio parla di salute e benessere, ma anche di innovazione, tecnologia e infrastrutture. Con vari partner e sponsor, il progetto è lo strumento di collegamento tra mondo universitario e società. Sardegna Ricerche, partner ufficiale dell’evento, si inserisce nella filiera dell'innovazione, supporta i soggetti interessati ad avviare attività innovative e offre supporto tecnico ed economico. Anche da qui, nasce una comunicazione articolata e fruibile da tutti. I corti sono stati realizzati in coproduzione con i Naked Panda. “Il confronto tra creativi del mondo cinematografico, ricercatori, professori e dottorandi,ha portato a indagare, con linguaggi diversi, su sviluppi e ripercussioni che la ricerca, declinata nei suoi vari ambiti, può avere sulla società. Gli episodi della web serie fanno parte di una cornice comunicativa articolata e composita che si completa con contenuti di approfondimento sul sito web e sui principali social del progetto. “Collaborando con l’Università di Cagliari è nata di l’idea di comunicare con l’intrattenimento. Abbiamo cercato di trovare un equilibrio tra quello che facciamo noi e quello che è la ricerca” hanno sottolineato  Giovanni Pintus e Gabriele Meloni, registi e coproduttori della serie. “La sfida? Riunire tante ricerche diverse tra loro e farle passare in dieci minuti di cortometraggio. Il progetto punta ad accorciare la distanza tra la scienza scritta, che magari è più per altri addetti ai lavori, e il “succo” che invece è quella parte che la gente comune può arrivare a cogliere”. Dall’episodio - diretto, sferzante, incuriosente e sarcastico - della web serie si passa a video featurette che svelano, con la voce dei ricercatori, le ricerche nascoste nella trama. Il blog approfondisce l’ambito di ricerca, mentre i podcast presentano i ricercatori e illustrano nel dettaglio le loro ricerche. "Il connubio tra realtà e fiction, mondo della ricerca e del cinema, si conferma un incontro affascinante e istruttivo. Per noi è stato un modo per sperimentare nuove vie, come se la forza che spinge l’innovazione della ricerca – hanno aggiunto i Naked Panda - si sia dispiegata anche nel nostro lavoro”.

Lo staff e la troupe di Naked Panda, Crea e The Shifters
Lo staff e la troupe di Naked Panda, Crea e The Shifters

Le droghe, un marziano con la cravatta e uno straordinario scienziato divulgatore: Gian Luigi Gessa

Eminenza mondiale della neurofarmacologia, professore emerito dell’Università di Cagliari, ha guidato a lungo il dipartimento di Neuroscienze di UniCa, è responsabile del gruppo italiano sullo studio delle dipendenze da droghe e da farmaci, ha diretto gruppi di ricerca del Cnr e ha lavorato al National institutes of health di Bethesda (Maryland) e allo Scripps research institute di La Jolla (California). Gian Luigi Gessa è tra i più autorevoli esperti della neurofarmacologica al mondo. Sotto la sua direzione il dipartimento di Neuroscienze dell'Università di Cagliari si è classificato al ventitreesimo posto al mondo tra gli istituti di ricerca nel campo della Farmacologia. La Neurofarmacologia cagliaritana, per il ministero dell'Università e della ricerca scientifica e tecnologica, è Centro di eccellenza per le ricerche sulla Neurobiologia delle tossicodipendenze. “The Shifters mi è piaciuto. Specie il guardiano e lo svizzero, una sorta di marziano con la cravatta: due personaggi interpretati magnificamente. Il cortometraggio pone quesiti di rilievo non solo per un farmacologo ma anche antropologi, genetisti, filosofi. Pensate a temi quali il destino di un figlio di un alcolizzato o di un drogato: potrà diventare come il proprio padre? La genetica dice di sì, saranno individui più fragili. Oppure - ha detto lo scienziato, magnetizzando la sala – al piacere che provano le scimmie per il rhum. O magari, ai percorsi degli umani nel cercare e rafforzare l’euforia”. Applausi.   

Hanno collaborato Simone Pucci (testi, tirocinante-corso laurea Scienze della comunicazione) e Francesca Sanna (foto, staff Crea).

Informazioni su

https://znap.link/https-www.theshifters.it

https://www.youtube.com/watch?v=Zhx0326tvRU

www.theshifters.it

Gian Luigi Gessa, la deflagrante potenza del sapere e della passione
Gian Luigi Gessa, la deflagrante potenza del sapere e della passione

Ultime notizie

06 luglio 2022

Esperti di logica e filosofia in arrivo a Cagliari da tutto il mondo

Il 22° workshop ‘'Trends in Logic’' si terrà nell’ateneo cagliaritano dal 18 al 20 luglio 2022. L’evento, intitolato '‘Strong & Weak Kleene Logics’', è organizzato dal gruppo di ricerca Alophis del Dipartimento di Pedagogia, Scienze psicologiche e Filosofia in collaborazione con il Dipartimento di Matematica e Informatica. Il professor Roberto Giuntini nel comitato scientifico internazionale che presiede i lavori

04 luglio 2022

UniCa4Ukraine, conclusi i corsi di italiano

Venti cittadine ucraine hanno seguito le lezioni tenute da studentesse e studenti dei corsi di laurea magistrale in Lingue e letterature europee ed americane, Traduzione specialistica dei testi e in Filologie e letterature classiche e moderne. Nei giorni scorsi la consegna degli attestati di partecipazione

30 giugno 2022

STOREM. Giornate di studio internazionale sul tema della sostenibilità legata alle attività turistiche

Giovedì 30 giugno e venerdì 1 luglio il nostro ateneo ospita docenti e ricercatori delle università UNA e UCI del Costa Rica, Eafit della Colombia e, in collegamento, esperti dell'università UWI (Barbados) e Paul Valery (Francia) per due giornate di confronto sul progetto Erasmus+ Cbhe “Storem”. L’incontro del primo luglio è aperto al pubblico, dalle 9,30, nell’Aula 11 del polo universitario di via San Giorgio 12 (Campus Aresu) per gli interventi del professor Mario Socatelli, dell’Universidad para la Coperaticion Internacional (Costa Rica) e, a seguire, del professor Corrado Zoppi, dell’Università di Cagliari, e di Francesca Uleri (Associazione Culturale Terras)

30 giugno 2022

Malattie genetiche, l'Università di Cagliari nel nuovo Centro nazionale di ricerca

L'ateneo è tra i fondatori della struttura sorta per lo “Sviluppo di terapia genica e farmaci con tecnologia a Rna” finanziata dal Pnrr con 320 milioni di euro. Le specialiste Raffaella Origa, referente scientifica, e Patrizia Zavattari, sono le coordinatrici del progetto. Il rettore Francesco Mola: "Abbiamo conferma delle valide e riconosciute competenze del settore acquisite negli anni"  

Questionario e social

Condividi su: