UniCa UniCa News Notizie Piano di rientro in presenza

Piano di rientro in presenza

Riepiloghiamo quanto stabilito dagli organi collegiali dell’Ateneo per la ripresa delle attività: la didattica sarà impartita in forma mista: saranno garantite a tutti gli studenti le stesse possibilità per qualità dell’insegnamento e accessibilità. L’appello del Rettore, Maria Del Zompo: “Con la massima prudenza e nel rispetto delle regole sanitarie ci troviamo ora ad affrontare insieme una nuova fase, ognuno nel rispetto del proprio ruolo e delle proprie competenze, per rendere l’Ateneo più efficace e più efficiente”. RISPETTIAMO LE REGOLE
14 settembre 2020
Il Rettore Del Zompo con un gruppo di studenti

Gli studenti saranno chiamati ad optare per la presenza o la distanza prima dell’avvio dell’Anno Accademico e la loro scelta sarà vincolante per l’intero semestre. In caso di numeri elevati le Facoltà organizzeranno la turnazione dei presenti in aula


CONSULTA I PROTOCOLLI PREDISPOSTI DAL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE


Sergio Nuvoli

Cagliari, 14 settembre 2020 - Le attività didattiche dell’Università degli Studi di Cagliari riprenderanno nelle prossime settimane in forma mista: le lezioni saranno impartite sia in presenza sia in modalità a distanza. Attraverso sistemi di prenotazione e turnazione agli studenti che seguiranno i due canali saranno garantite le stesse possibilità in termini di accessibilità e qualità. E’ quanto hanno stabilito gli organi collegiali dell’Ateneo approvando nei mesi scorsi il Piano presentato dal Rettore Maria Del Zompo elaborato e messo a punto con la collaborazione e il coinvolgimento delle strutture.

“E’ sicuramente desiderio e volontà di tutti avere nuovamente un Ateneo aperto e vissuto come merita da studentesse, studenti, docenti, ricercatori, personale, Erasmus, Visiting professor – spiega la prof.ssa Del Zompo - ma altrettanto grande è il senso di responsabilità sociale che ci impone di contribuire a mantenere alto il controllo della pandemia, eliminando tutte le situazioni a rischio, per evitare che quanto fatto finora risulti vano e per il rispetto dovuto alle tante, troppe, persone che sono decedute, e che purtroppo continuano a mancare, a causa dell’infezione da COVID-19 e alle loro famiglie. Con la massima prudenza e nel rispetto delle regole sanitarie ci troviamo pertanto ora ad affrontare insieme una nuova fase, ognuno nel rispetto del proprio ruolo e delle proprie competenze, per rendere l’Ateneo più efficace e più efficiente”.

Gli studenti – secondo quanto approvato dal Senato accademico e dal Consiglio di amministrazione - saranno chiamati ad optare per la presenza o la distanza prima dell’avvio dell’Anno Accademico e la loro scelta sarà vincolante per l’intero semestre. Se il numero degli studenti che opteranno per la didattica in presenza supererà la capienza massima delle aule, ciascuna Facoltà provvederà a definire un sistema di turnazione.

L’Ateneo, attraverso il Centro EFIS, sta sviluppando un’applicazione denominata “ApPosto” per la prenotazione delle lezioni in presenza da parte degli studenti.

Quanto agli esami di profitto e di laurea, anch'essi si terranno in modalità mista: le modalità più precise sono demandate alle singole Facoltà.

Dalle prossime settimane i servizi di tutorato di orientamento, di tutorato disciplinare e di Counseling psicologico, garantiti durante la fase 2 in modalità a distanza, riprenderanno in modalità mista, in presenza previo appuntamento e nel rispetto delle norme di igiene e distanziamento e a distanza attraverso i canali già utilizzati durante la Fase 2.

Il Rettore incontra gli studenti alle Giornate di Orientamento
Il Rettore incontra gli studenti alle Giornate di Orientamento
GUARDA LA VIDEOINTERVISTA CON IL RETTORE IN CUI SPIEGA COME AVVERRA' LA RIPRESA DELLE ATTIVITA' (luglio 2020)

SEGRETERIE STUDENTI

Il servizio delle Segreterie studenti è organizzato attraverso uno sportello virtuale, gestito con un applicativo associato con Microsoft Teams, accessibile anche via Skype, che consentirà di ricevere gli studenti tramite prenotazione di un appuntamento da un calendario visibile direttamente dall’utente.

Contestualmente verrà attivato, sulla base di fasce orarie di reperibilità anche differenziate tra Segreterie e in funzione delle esigenze dell’utenza,  uno sportello telefonico attraverso la  deviazione dei numeri fissi degli uffici su telefoni cellulari assegnati temporaneamente alle singole persone.

La Facoltà di Studi umanistici a Sa Duchessa
La Facoltà di Studi umanistici a Sa Duchessa

L’ACCESSO AGLI SPAZI DELL’ATENEO

Anche l’accesso agli spazi dell’Ateneo e l’attività svolta al suo interno sono regolati dai protocolli di prevenzione rischi già in vigore e quelli in fase di aggiornamento o da emettere per le varie casistiche, che saranno vigenti prima della ripresa delle attività. Per quanto riguarda l’accesso ad aule, laboratori e biblioteche si è proceduto all’individuazione delle sedute utilizzabili e all’apposizione di opportuna segnaletica identificativa. E’ stato adottato il criterio del distanziamento di un metro tra una seduta e l’altra e sarà sempre previsto l’utilizzo della mascherina, con particolare attenzione ai luoghi di accesso comune.

In questi mesi è stata condotta l’analisi del sistema delle vie di accesso agli edifici per evitare assembramenti all’interno e all’esterno degli stessi, anche attraverso opportune turnazioni e sfalsamento temporale delle attività didattiche: di tutto quanto previsto sarà data ampia informazione, anche attraverso la realizzazione di apposita cartellonistica.

E’ in fase finale la ricognizione di tutte le aule dell’Ateneo per determinarne la capienza massima e per valutare i sistemi di condizionamento e trattamento dell’aria presenti in ciascuna di esse.

Il prospetto della sede di viale Sant'Ignazio della Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche
Il prospetto della sede di viale Sant'Ignazio della Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche

BIBLIOTECHE E SALE LETTURA

Già dal 6 maggio è ripreso il servizio di prestito su appuntamento in 4 biblioteche, a partire dal 30 giugno sono state invece riaperte le sale lettura su prenotazione in 4 biblioteche, l’accesso alle sale lettura e al prestito è libero a partire dal 13 luglio in 10 biblioteche. A partire da settembre tutti i servizi saranno riattivati in presenza, l’accesso alle sale lettura rimarrà su prenotazione per garantire il contingentamento delle presenze, nel rispetto dei protocolli sanitari.

E’ inoltre assicurata la continuità e la frequenza del servizio di pulizia, igienizzazione, sanificazione e disinfezione di tutti gli spazi dell’Ateneo conformemente a tutte le prescrizioni dei protocolli nazionali e dei protocolli di Ateneo ed è già stato anche implementato un sistema di monitoraggio per la verifica costante del livello del servizio erogato.

Il controllo degli accessi è assicurato tramite il servizio di portierato, onde assicurare la corretta regolamentazione del flusso in entrata e in uscita.

La Biblioteca del Distretto Tecnologico
La Biblioteca del Distretto Tecnologico

Link

Ultime notizie

21 gennaio 2021

GramsciLab, premiazione delle tesi di laurea

Lunedì 25 gennaio alle 11 il GramsciLab e l'Istituto Gramsci della Sardegna premieranno le migliori tesi di laurea sul tema delle possibili letture analitiche gramsciane di contesti sociopolitici internazionali e sulla traducibilità delle categorie gramsciane in differenti ambiti disciplinari. La cerimonia si svolgerà sulla piattaforma Teams

21 gennaio 2021

Università e recupero sociale, un seminario per i 400 anni di UniCa

Giovedì 21 gennaio alle 17 un nuovo incontro organizzato dalla Facoltà di Studi Umanistici per celebrare i 400 anni dell'Ateneo. L'appuntamento, dal significativo titolo "L’Università e il recupero sociale: dalle carceri alle comunità" sarà coordinato da Cristina Cabras, docente di Psicologia sociale, e vedrà la partecipazione - con il Rettore Maria Del Zompo - di Gianfranco De Gesu, Maurizio Veneziano, Franco Prina, Maria Elena Magrin, Claudia Secci e Don Ettore Cannavera. DIRETTA STREAMING SUI CANALI SOCIAL DELL'ATENEO. RASSEGNA STAMPA

21 gennaio 2021

Rifiuti sui fondali marini, ora è emergenza

Pubblicato sulla rivista "Environmental Research Letters" uno studio che rivela la minaccia nel Mediterraneo. L'allarme arriva da un team di studiosi, tra i quali Alessandro Cau, ricercatore del Dipartimento di Scienze della Vita e dell’Ambiente del nostro Ateneo. Ad elevate profondità, oltre i mille metri, spesso la biomassa pescata con lo strascico (pesci, crostacei, molluschi) è uguale o inferiore a quella dei rifiuti. Indagati dai ricercatori anche i fondali del canyon di Nora e delle Bocche di Bonifacio. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: