UniCa UniCa News Notizie Patrick George Zaky, l’Università di Cagliari al fianco del ricercatore detenuto in Egitto

Patrick George Zaky, l’Università di Cagliari al fianco del ricercatore detenuto in Egitto

Oggi Amnesty International, in occasione dell’udienza che si apre domani a Il Cairo, ha tenuto un presidio nella facoltà di Studi umanistici e nella biblioteca del Distretto di Scienze umane. Aperta la raccolta delle firme per chiedere il rilascio del giovane iscritto all’ateneo di Bologna. “È incredibile che situazioni simili possano ancora trovare asilo. Siamo fiduciosi nell’azione dell’Unione Europea e del Governo” dice Maria Del Zompo   
21 febbraio 2020
Patrick George Zaky

Mario Frongia

 

Domani, sabato 22 febbraio, Patrick George Zaki è atteso da un’ulteriore udienza. “La detenzione preventiva potrebbe essere confermata e nuovamente prorogata. Crediamo che solo una mobilitazione continua e pressante possa mantenere alta l’attenzione sulla procedura illegale che ha portato al suo arresto. La condivisione della mozione approvata dall’Alma Mater Studiorum da parte del Senato accademico e dal Consiglio di amministrazione va esattamente in tale direzione. Come già avvenuto a Bologna e in altre città italiane, stiamo promuovendo foto petizioni, sit-in, fiaccolate, mobilitazioni collaborando principalmente con le Università e le associazioni di universitari. Vorremmo che ciò avvenisse anche a Cagliari” scrive Tiziana Fresu (responsabile Circoscrizione Sardegna Amnesty International-sezione italiana) al rettore Maria Del Zompo. La risposta della professoressa non si è fatta attendere. “Siamo vicini alla famiglia di Patrick e vi affianchiamo nelle battaglia di civiltà e rispetto dei diritti umani. Con l’Università di Bologna chiediamo che il Governo italiano e l’Unione europea non smettano di prodigarsi in ogni modo per favorire il rientro di Patrick nella sua comunità”.

 

Mobilitazioni e iniziative coinvolgono i cittadini con la popolazione universitaria italiana in prima fila (ravenna&dintorni.it)
Mobilitazioni e iniziative coinvolgono i cittadini con la popolazione universitaria italiana in prima fila (ravenna&dintorni.it)

Sensibilizzazione, presidio e banchetto raccolta firme tra Studi umanistici e biblioteca Dante Alighieri

La facoltà di Studi umanistici – Sa Duchessa, piazza D’Armi – e la biblioteca del Distretto di Scienze Umane “Dante Alighieri”, dalle 9 di oggi, venerdì 21 febbraio, ha ospitato il presidio e i banchetti per la raccolta delle firme e per sensibilizzare studentesse, studenti e cittadini su una vicenda che lascia sconcertati. Patrick Zaki per Amnesty International è un prigioniero di coscienza detenuto esclusivamente per il suo lavoro sui diritti umani e per le opinioni politiche espresse sui social media. L’Università di Cagliari, con il Senato accademico e il Consiglio di amministrazione, su input del rettore ha fatto propria la mozione approvata dall’Alma Mater Studiorum relativa all’arresto del giovane studente. Ieri, la richiesta di Amnesty. “Magnifica rettrice, a distanza di poco più di un anno dalla affissione in Rettorato dello striscione “Verità per Giulio Regeni”, in occasione dei tre anni dalla sua scomparsa in Egitto, ci rivolgiamo nuovamente a Lei e all’Ateneo tutto per condividere insieme, ancora una volta, l’impegno e l’appello del mondo accademico e della nostra associazione verso il ricercatore Patrick George Zaky”.  La professoressa Del Zompo non ha esitato: “Siamo al vostro fianco. Da questa situazione emerge un atteggiamento che denota la volontà di sopprimere la libertà di pensiero e di ricerca che non può essere tollerata dallo Stato italiano. Siamo vicini alla famiglia e chiediamo insieme all’Università di Bologna che il Governo italiano e l’Unione europea non smettano di prodigarsi in ogni modo per favorire il rientro di Patrick nella sua comunità”.

Maria Del Zompo
Maria Del Zompo

Ultime notizie

07 aprile 2020

Coronavirus, la ricerca a portata di mano: le indicazioni multidisciplinari di decine di specialisti dell'ateneo

La risposta alla pandemia, scientifica e accreditata. Tra articoli e pubblicazioni su riviste internazionali, con informazioni corrette e puntuali, dei ricercatori dell'Università di Cagliari. Coordinati dal pro rettore Micaela Morelli hanno già preso parte all'iniziativa Luciano Colombo, Cristina Cabras, Aldo Manzin, Vittorio Pelligra, Donatella Petretto, Marco Pistis, Enzo Tramontano, Miriam Melis, Mauro Carta, Germano Orrù, Paola Fadda, Stefano Angioni, Maurizio Nicola D'Alterio, Eugenia Tognotti, Valentina Paraluppi, Marianna Boi, Sara De Matteis, Marco Guicciardi, Luigi Atzori, Fabrizio Sanna, Roberta Fadda, Bernardo Carpiniello, Matteo Ceccarelli, Alessandra Pani, Luigi Minerba, Antonio Pusceddu. Focus su farmaci, cure, quarantena, stress, impatto su economia e sociale, risposte mediche e cliniche, valutazioni epidemiologiche, percorsi e prospettive

07 aprile 2020

UniCa contro la violenza sulle donne

Da Maria Del Zompo, Rettore dell’Ateneo, un accorato appello alla comunità accademica per evitare che l’emergenza sanitaria determini un’ulteriore impennata di violenze sulle donne e di femminicidi: “Le restrizioni che stiamo affrontando aggravano la situazione di molte donne in difficoltà: ricordate che è attivo il numero nazionale antiviolenza e stalking 1522 e che esiste l’app 1522 scaricabile sullo smartphone per comunicare con le operatrici e chiedere aiuto”. DIFFONDIAMO IL NOSTRO SPOT ANTIVIOLENZA: la notizia dell'appello del Rettore rilanciata SU TUTTA LA STAMPA. Guarda la Rassegna

04 aprile 2020

Didattica, primi esami on line

Prima prova a distanza in tempi di coronavirus secondo le modalità stabilite dai manuali operativi: Martina Piccu, studentessa di Orune, ha sostenuto con profitto l’esame di Reti di calcolatori, interrogata da Gianni Fenu, docente della materia e delegato del Rettore per l’ICT. Tutto si è svolto regolarmente: prova superata brillantemente. La notizia su tutta la stampa: on line la RASSEGNA STAMPA

03 aprile 2020

I pastori sardi donano fondi per la ricerca all'Università di Cagliari

L'iniziativa solidale è stata attivata sui social da un gruppo di allevatori di Bitti. Le risorse andranno ai ricercatori del dipartimento di Scienze chirurgiche e al team di Biologia molecolare impegnati sul fronte Coronavirus. Si registrano oltre mille adesioni. Tra queste, quelle di Aldo Berlinguer, Gigi Sanna e gli Istentales, la stilista Rita Piredda. "Sono grata e particolarmente compiaciuta per un gesto di alto significato" dice Maria Del Zompo

Questionario e social

Condividi su: