UniCa UniCa News Notizie Natura e Artificio. Giuseppe Carta all’Orto Botanico

Natura e Artificio. Giuseppe Carta all’Orto Botanico

LA NOTIZIA SU TUTTA LA STAMPA E NEI TG. L'Ateneo ospita un'installazione diffusa delle opere dell'artista di Banari, pittore e scultore riconosciuto a livello internazionale, negli spazi nel suo polmone verde di viale Sant'Ignazio. Attraverso le opere sapientemente inserite nei viali e nei diversi settori, lo spazio naturale dell’Orto si trasforma, germoglia di nuovi simboli fruttiferi e vitali che si diramano animando i verdi prati di vibranti e colorate presenze, suggerendo connessioni inattese. RASSEGNA STAMPA E SERVIZI DEI TG
01 aprile 2021
Le opere di Giuseppe Carta all'Orto Botanico

L'esposizione potrà essere visitata nei normali orari di apertura dell’Orto: dal martedì alla domenica dalle 9 alle 16 fino al 31 marzo e dalle 9 alle 18 dal 1 aprile (lunedì chiuso per manutenzioni)

Sergio Nuvoli

Cagliari, 5 marzo 2021 - Sarà visitabile a partire da domani, sabato 6 marzo, l’esposizione “Natura e Artificio. Giuseppe Carta all’Orto Botanico di Cagliari” allestita negli spazi del polmone verde dell’Università del capoluogo sardo sito in viale Sant’Ignazio. Potrà essere visitata nei normali orari di apertura dell’Orto: dal martedì alla domenica dalle 9 alle 16 fino al 31 marzo e dalle 9 alle 18 dal 1 aprile (lunedì chiuso per manutenzioni). Si ricorda che per gli studenti e le studentesse regolarmente iscritti, l'ingresso all'Orto è sempre gratuito.

Le sculture dell’artista di Banari, pittore e scultore riconosciuto a livello internazionale, dalle forme levigate e dall’accentuato realismo, incontrano nell’artificio della creazione la poetica centenaria dei luoghi dell’Orto Botanico dell’Università di Cagliari che partecipa ed è coinvolto nella trascinante germinazione messa in atto da Carta. Attraverso le opere sapientemente inserite nei viali e nei diversi settori, lo spazio naturale dell’Orto si trasforma, germoglia di nuovi simboli fruttiferi e vitali che si diramano animando i verdi prati di vibranti e colorate presenze, suggerendo connessioni inattese.

Giuseppe Carta all'Orto Botanico
Giuseppe Carta all'Orto Botanico
GUARDA IL SERVIZIO DI GRAZIANO PINTUS PER IL TG DELLA RAI ANDATO IN ONDA IL 19 MARZO 2021

Per la prima volta viene suggerito, quasi sussurrato, lo stretto connubio tra la natura, l’arte e la scienza, date le numerose pubblicazioni firmate dai ricercatori dell’università del capoluogo sardo sul tema

L’installazione diffusa nell’Orto di sculture raffiguranti melagrane, ciliegie, olive, limoni, pere, ghiande e mele ma anche i suoi famosi peperoncini, raccorda nel suo insieme la ricchezza e la preziosità dei frutti e della terra che li ha generati.

Per la prima volta viene suggerito, quasi sussurrato, lo stretto connubio tra la natura, l’arte e la scienza, date le numerose pubblicazioni firmate dai ricercatori dell’università del capoluogo sardo sui frutti oggetto della creazione poliedrica e multimaterica dell’artista. L’Orto dell’Ateneo cagliaritano è quotidiano terreno di studio e di riflessione da parte di docenti, ricercatori e studenti dell’università di Cagliari ed è da sempre luogo di relazioni per i cagliaritani e i sardi.

L’esposizione rappresenta l’habitat ideale anche per mostrare a studenti e studentesse universitari quel sottile filo che – nell’opera di Carta - così bene lega l’arte alla natura, e da esse può arrivare alla ricerca scientifica, intesa come la più accurata delle rappresentazioni del reale. Le opere d’arte di Giuseppe Carta ritrovano come d’incanto l'ispirazione alla forza e alla bellezza di madre natura, che restituisce l’omaggio con le tante specie arboree e arbustive in un momento di particolare splendore e vitalità.

L'artista mostra un'opera installata negli spazi dell'Orto
L'artista mostra un'opera installata negli spazi dell'Orto
GUARDA IL SERVIZIO DI STEFANO LAI PER IL TG DI SARDEGNA UNO ANDATO IN ONDA IL 20 MARZO 2021

“All’aperto, tra l’arte e la natura, seminiamo il futuro”, conclude Gianluigi Bacchetta, direttore dell’Orto Botanico dell’Università di Cagliari

“Tutti insieme questi frutti si offrono a noi nell'Orto Botanico di Cagliari come apparizione meravigliosa, spettacolo, coinvolgimento emotivo – ha scritto la direttrice del Polo Museale della Puglia e dell'Abruzzo, Mariastella Margozzi, funzionario storica dell'arte del Mibact - Dal prodotto della natura più semplice, che l'uomo ha saputo addomesticare all'interno di una piccola area di sussistenza, nel rispetto dei cicli delle stagioni e per assicurarsi gli elementi vegetali della propria evoluta alimentazione, Carta trae un insegnamento esemplare, quello della riconoscenza ai simboli della semplicità del generarsi e del crescere. E lo fa con la sua arte perfetta”.

In ultimo, ma non per ultimo, l’esposizione di Giuseppe Carta all’Orto Botanico dell’Università di Cagliari vuole essere anche un fortissimo richiamo alla speranza, in quel ritorno alla normalità che – negli spazi verdi di viale Sant’Ignazio – appare come già misteriosamente possibile. “All’aperto, tra l’arte e la natura, seminiamo il futuro”, conclude Gianluigi Bacchetta, direttore dell’Orto Botanico dell’Università di Cagliari.

Gianluigi Bacchetta
Gianluigi Bacchetta
GUARDA IL SERVIZIO DI VERONICA FADDA PER IL TG DI VIDEOLINA ANDATO IN ONDA IL 21 MARZO 2021

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 6 marzo 2021

Cultura - pagina 52

Cagliari: oggi l'inaugurazione

Con “Natura e Artificio” Giuseppe Carta all'Orto Botanico

Sarà visitabile a partire da sabato 6 marzo l'esposizione “Natura e Artificio. Giuseppe Carta all'Orto Botanico di Cagliari” allestita negli spazi del polmone verde dell'Università di viale Sant'Ignazio. Potrà essere visitata nei normali orari di apertura dell'Orto: dal martedì alla domenica dalle 9 alle 16 fino al 31 marzo e dalle 9 alle 18 dal 1 aprile (lunedì chiuso per manutenzioni).
Le opere
Le sculture dell'artista di Banari, pittore e scultore riconosciuto a livello internazionale, dalle forme levigate e dall'accentuato realismo, incontrano nell'artificio della creazione la poetica centenaria dei luoghi dell'Orto Botanico dell'Università di Cagliari che partecipa ed è coinvolto nella trascinante germinazione messa in atto da Carta. Attraverso le opere inserite nei viali e nei diversi settori, lo spazio naturale dell'Orto si trasforma, germoglia di nuovi simboli fruttiferi e vitali che si diramano animando i verdi prati di vibranti e colorate presenze, suggerendo connessioni inattese. L'installazione diffusa nell'Orto di sculture raffiguranti melagrane, ciliegie, olive, limoni, pere, ghiande e mele ma anche i suoi famosi peperoncini, raccorda nel suo insieme la ricchezza e la preziosità dei frutti e della terra che li ha generati. «Tutti insieme questi frutti si offrono a noi nell'Orto Botanico come apparizione meravigliosa, spettacolo, coinvolgimento emotivo», ha scritto la direttrice del Polo Museale della Puglia e dell'Abruzzo, Mariastella Margozzi, funzionario storica dell'arte del Mibact, nel presentare l'esposizione.

La notizia su L'Unione Sarda del 6 marzo 2021 a pagina 52
La notizia su L'Unione Sarda del 6 marzo 2021 a pagina 52
GUARDA IL SERVIZIO DI MAURIZIO MELIS PER IL TG DI TCS ANDATO IN ONDA IL 29 MARZO 2021

L'UNIONE SARDA del 7 marzo 2021

Agenda - pagina 29

Orto Botanico

E' visitabile da ieri l'espozione "Natura e artificio. Giuseppe Carta all'Orto Botanico di Cagliari" allestita negli spazi del polmone verde dell'università, in viale Sant'Ignazio. Potrà essere visitata dalle 9 alle 16 fino al 31 marzo e dalle 9 alle 18 dal 1 aprile (lunedì chiuso).

Il richiamo su L'Unione Sarda del 7 marzo 2021 a pagina 29
Il richiamo su L'Unione Sarda del 7 marzo 2021 a pagina 29

Link

Ultime notizie

27 novembre 2021

Orto Botanico e Musei cittadini, verso il biglietto unico

Definito nei giorni scorsi un accordo che fa muovere i primi passi all'intesa firmata qualche settimana fa tra il Rettore Francesco Mola e il Sindaco Paolo Truzzu: Comune e Università favoriscono le visite ai beni culturali introducendo una speciale scontistica a favore di chi visita prima il polmone verde dell'Ateneo e poi i siti di proprietà del Comune, e viceversa. Cresce la sinergia a favore della cultura e della ricerca scientifica: la soddisfazione del Rettore, del Sindaco e dell'Assessora alla Cultura

26 novembre 2021

Cultura, formazione, supporto e inclusione per dire basta alla violenza sulle donne

Amministratori pubblici, docenti, magistrati, legali, giornalisti e associazioni di categoria assieme in un confronto utile ad innescare pratiche concrete e virtuose su un fenomeno dai numeri agghiaccianti: 109 “muliericidi” solo nel corso di quest’anno. In aula consiglio a Sestu le riflessioni di Maria Paola Secci, Ilaria Annis, Paolo De Angelis, Cristina Ornano, Elisabetta Gola, Antioco Floris, Susi Ronchi, Daniela Pinna e Valeria Aresti

26 novembre 2021

Concerto di beneficenza ''Ti regalo una nota''

Domenica 28 novembre è in programma nell’Aula magna del rettorato "Artisti del Teatro lirico per i bambini del Libano". Stefania Bandino (flauto), Lisa De Renzio (flauto) e Gianluca Pischedda (violoncello) eseguiranno musiche di Vivaldi, Hoffmeister e Haydn. L’iniziativa è organizzata in aiuto al popolo libanese ed è abbinata anche ad una raccolta di farmaci che saranno inviati con un volo speciale operato dal Governo Italiano. Informazioni tramite whatsapp, al numero 347.3416852

26 novembre 2021

‘’Funtaneris’’ vince il Fiorenzo Serra Film Festival

L’edizione 2021 premia su tutte l’opera firmata dal regista Massimo Gasole e nata da una ricerca del professor Marco Cadinu, docente dell’Università di Cagliari che conduce gli studi sull’architettura e l’arte di antichi acquedotti, lavatoi, abbeveratoi e fontane di importanza storica della Sardegna. Grazie alla mappatura di circa 500 monumenti, censiti finora in oltre 160 comuni dell'Isola nell’arco di vari anni, il film-documentario si rivela un formidabile strumento di divulgazione promosso dall’Ateneo, utile alla conoscenza e alla valorizzazione di un ingente patrimonio culturale che merita di essere maggiormente apprezzato e tutelato

Questionario e social

Condividi su: