UniCa UniCa News Rassegna stampa Martedì 17 dicembre 2019

Martedì 17 dicembre 2019

Rassegna quotidiani locali a cura dell’Ufficio stampa e redazione web
17 dicembre 2019

L'Unione Sarda

1 - L’UNIONE SARDA di martedì 17 dicembre 2019 / PRIMO PIANO - Pagina 2
LA PROTESTA. I medici dirigenti dell’Anaao: no all’amministrazione creativa
«INACCETTABILI I NEOLAUREATI NEI REPARTI SPECIALISTICI»

I medici si sono sacrificati non poco nell'intento di mantenere elevati i livelli di assistenza, ma a questo non è corrisposto lo stesso impegno della parte politica e amministrativa. È la posizione dell'associazione Medici dirigenti (Anaao Assomed Ats Sardegna) sul problema della carenza di personale che caratterizza il sistema sanitario regionale tanto da causare la chiusura di alcuni reparti.
GESTIONE CERATIVA. Secondo il segretario Luigi Curreli, «ci siamo trovati a combattere contro una sorta di amministrazione creativa, attenta più ad aspetti di facciata che alla sostanza. Si è arrivati a disconoscere il valore delle specializzazioni mediche».
MODELLO SBAGLIATO. Ad esempio, «emergono tentazioni di importare anche nella nostra Regione modelli che prevedono l'impiego di infermieri al posto di medici, di medici neolaureati o ai primi anni di specializzazione nei reparti specialistici, di medici con specializzazione non affine in diversi reparti compreso il Pronto soccorso». Ora, aggiunge, «non siamo disposti a prendere atto passivamente di situazioni che possono comportare grave danno per i pazienti e per i medici che vengono coinvolti come succede nei punti Pronto soccorso, per esempio nell'ospedale di Bosa». ( ro. mu.)



 

2 - L’UNIONE SARDA di martedì 17 dicembre 2019 / ECONOMIA - Pagina 14
VIA AL CONTAMINATION LAB
Il prorettore all'Innovazione dell'Università di Cagliari Chiara Di Guardo ha aperto ieri il Contamination lab per le startup.

 

 

3 - L’UNIONE SARDA di martedì 17 dicembre 2019 / Speciale LAVORO OGGI - Pagina VIII
COME PARTECIPARE
Dalla numismatica al fisco, i premi alle tesi di laurea
Da associazioni e centri di ricerca assegni agli studenti

I premi di laurea sono contributi in denaro concessi - con determinati requisiti - per particolari tesi di laurea, magistrali o triennali. Questo riconoscimento monetario ha lo scopo di premiare lo sviluppo di una specifica argomentazione da parte dello studente nella sua elaborazione di fine percorso accademico: non solo le stesse università ma anche aziende, associazioni o fondazioni sono solite indire concorsi che premino tesi su temi inerenti il loro specifico campo d'azione. Sono quindi diversi sia i premi di laurea che ogni anno vengono pubblicati online, che le differenti tematiche che ogni concorso vuole valorizzare.
PREMI NEL 2019. Tre sono i premi di laurea del valore di 2000 euro ciascuno per le migliori tesi magistrali su legalità ed equità fiscale: l'associazione Lef ha pubblicato sul sito www.fiscoequo.it un bando con scadenza al 31 dicembre 2019. Dedicato non solo alle tesi magistrali ma anche ai laureati triennali è invece il premio pubblicato su www.abi.it dall'associazione bancaria italiana, del valore di 5.000 euro. L'argomento prescelto in questo caso sono le materie giuridiche e socio-economiche, con focus sui rapporti di lavoro nel settore del credito: anche in questo caso la scadenza è fissata per il 31 dicembre.
DALL'ARALDICA ALLA STORIA. Le tematiche da premiare sono varie, e riguardano differenti ambiti di studio: il premio di laurea Scudo d'oro, pubblicato dal Centro studi araldici (www.centrostudiaraldici.org), ha lo scopo di premiare con 1000 euro la miglior tesi di laurea avente come soggetto l'araldica, disciplina che studia armi e stemmi. La scadenza è fissata per il 30 aprile, mentre entro il 7 novembre 2020 è possibile avanzare la propria candidatura per i premi “Pro Mario Traina”, pubblicati su www.accademianumismatica.org dall'Accademia Italiana di Studi Numismatici: 1000 euro per la miglior tesi di laurea in ambito numismatico, 750 per la seconda miglior tesi in classifica e 500 per la terza sullo studio della moneta e della sua storia.
ELETTRONICA. Da annotare anche i cinque premi pubblicati dal Comitato elettrotecnico italiano (www.ceinorme.it) in scadenza il 15 marzo 2020: del valore di 2000 euro ciascuno, valorizzano le tesi sull'attività normativa nei settori elettrotecnico, elettronico e delle Tlc, industriale, commerciale e terziario.
Lisa Ferreli

CAGLIARI
Specializzazione in Genetica medica

Entro le ore 12 dell'8 gennaio 2020 è possibile iscriversi alla Scuola di specializzazione di area sanitaria, afferente alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Ateneo di Cagliari, in Genetica medica ad accesso riservato ai non medici. I posti a concorso sono due, per i quali è richiesta una laurea specialistica/magistrale in Biologia o una laurea (secondo il vecchio ordinamento) in Scienze Biologiche.
LA FORMAZIONE. La Scuola di specializzazione ha una durata di quattro anni: l'inizio dell'attività didattica è fissata per il 3 febbraio 2020, ed è caratterizzata da una formazione specialistica a tempo pieno, con totale partecipazione alle attività formative. La possibilità di presentare la propria domanda di partecipazione al concorso è già attiva online, sul sito www.unica.it , nella sezione Servizi online, seguendo le indicazioni presenti sul sito di Unica. Maggiori informazioni in merito alle modalità di candidatura, ai requisiti richiesti, e alle varie caratteristiche della Scuola in Genetica medica sono contenute nel bando disponibile online sul sito di Unica, nella sezione Avvisi. (l. f.)

SASSARI
Master in Tecnologie farmaceutiche

È attiva fino al 20 gennaio 2020 sul portale Self Studenti di Uniss la procedura di presentazione delle domande di partecipazione al Master universitario di II livello in Tecnologie farmaceutiche e Attività regolatorie, organizzato dal Dipartimento di Chimica e Farmacia dell'Università di Sassari, in collaborazione con il Consorzio interuniversitario nazionale di Tecnologie farmaceutiche innovative Tefarco Innova, e l'Associazione farmaceutici industria (A.F.I).
I REQUISITI. L'obiettivo del Master è fornire conoscenze avanzate nel campo della tecnologia farmaceutica e nel settore regolatorio, il tutto per una durata di 12 mesi. I posti disponibili sono quindici, mentre requisito principale è una Laurea specialistica/magistrale in Farmacia e Farmacia industriale, Scienze chimiche, Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche, Biologia o Medicina veterinaria, oppure una laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, Farmacia o Chimica. Maggiori informazioni in merito al Master sono disponibili online sul sito www.uniss.it nella sezione Bandi. (l. f.)




 

4 - L’UNIONE SARDA di martedì 17 dicembre 2019 / SASSARI E ALGHERO - Pagina 40

SASSARI. Il 26 settembre la struttura era stata chiusa per mancanza di fondi e tecnici

CLINICA VETERINARIA, REGALO DI NATALE

L'ultimo cane di proprietà era stato ricoverato e curato dall'ospedale didattico Veterinario il 25 settembre scorso. Il giorno dopo la struttura era stata chiusa per mancanza di fondi e della figura di un tecnico amministrativo. Da allora sono passati quasi tre mesi e, tra rinvii e trattative, ieri mattina, certificazioni alla mano, si sono riaperte le porte della clinica e degli ambulatori dove sono riprese le attività cliniche e di ricovero di tutti gli animali sia in regime di routine che di urgenza.

RISULTATI. Un parto difficile, un risultato passato attraverso continui incontri tra il dipartimento di medicina Veterinaria e i vertici dell'Ateneo, un confronto difficile tra il rettore Massimo Carpinelli e il direttore del dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie, Eraldo Sanna Passino «un tavolo di discussione che ha portato a superare lo scoglio più difficile quale era la carenza dell'organico», ha detto il direttore sanitario, Lucia Manunta. L'ok è arrivato dal Consiglio di dipartimento che ha approvato all'unanimità il documento proposto dal comitato di gestione dell'ospedale di Veterinaria. Attesta il quadro clinico della struttura, le sue prospettive di sviluppo, le criticità economiche e di organico, oltre agli investimenti necessari per far camminare l'ospedale ed evita che cada nella stessa trappola che ha portato alla chiusura. «Tutto questo tempo è servito per avere un quadro preciso sulla riorganizzazione amministrativa con due unità di personale che arrivano dall'Ateneo e che ci hanno permesso di riaprire – spiega Sanna Passino - Un accordo raggiunto attraverso la sostituzione del responsabile amministrativo con un'altra persona a cui si aggiunge un'altra figura tecnica amministrativa». Sul tavolo delle trattative tutte le problematiche di una struttura all'avanguardia.

PERCORSO. Inizia un percorso di recupero dell'ospedale, rimasto aperto in questi tre mesi solo per le attività istituzionali e didattiche, per affrontare le emergenze per i cani senza padrone, con la difficoltà a stipulare le convenzioni ed una conseguente interruzione del servizio notturno a causa del personale ridotto all'osso. «È venuta a mancare la continuità del servizio come punto di riferimento - ha sottolineato Sanna Passino – e una chiusura così lunga ci preoccupa perché si è perso il rapporto di fidelizzazione con i clienti. Ma oggi con la riapertura possiamo dire di esserci fatti un bel regalo di Natale».
Mariangela Pala




 

5 - L’UNIONE SARDA di martedì 17 dicembre 2019 / CULTURA - Pagina 46
RASSEGNA. Tre giorni di dibattiti, spettacoli  musica dedicati alle culture minoritarie
Poeti argentini, baschi, corsi e sardi : la grande sfida tra improvvisatori
Domani al Conservatorio di Cagliari concerto finale di “Musas e terras”

Improvvisatori baschi, bertsolaris, i rapsodi argentini e uruguagi, payadores, i cantori estemporanei corsi del chjama e rispondi. È iniziata ieri una tre giorni dedicata alla “poesia cantata” alla quale partecipano alcuni tra i migliori improvvisatori al mondo. Tre giorni di manifestazioni, spettacoli e convegni scientifici, dedicati alla poesia e alle espressioni musicali di tradizione orale del mondo che si concluderanno domani con il concerto conclusivo della manifestazione “Musas e terras”.

IL PROGRAMMA. Ieri Quartucciu, alla DoMusArt, laboratori di launeddas e un concerto dedicato alle musiche tradizionali e al ballo con le launeddas della Associazione launeddas Sardigna, il Tenore Santu Larettu di Silanus e i canti di Antoni Porcu e Antonengelo Salis, accompagnati alla chitarra da Alessandro Carta, la fisarmonica di Celio Mocco e l'organetto diatonico di Giampaolo Piredda.

Oggi spazio al dibattito con un convegno coordinato dall'Università di Cagliari, Labimus, sulla oralità e le leggi che guidano la comunicazione poetica. Parteciperanno alcuni dei più titolati studiosi degli atenei di Oxford, Las Palmas, Bilbao, Corte, oltre a illustri cattedratici italiani e sardi. La conferenza si svolgerà, dalle 9.30 alle 17, nella sala settecentesca della Biblioteca universitaria di Cagliari, in via Università.

A SINNAI. Sempre oggi, ma alle 20, la manifestazione si sposta a Sinnai al Teatro Civico dove si esibiranno in concerto il Tenore Milia di Orosei, i pajadores argentini Emanuel Gabotto e David Tokar, i poeti corsi Ghjuvanpetru Ristori, Paulu Calzarelli, Paulusantu Pariggi con il “Chjama e rispondi”, il coro polifonico corso “A Cumpagnia” e gli improvvisatori sardi Robertu Zuncheddu, Daniele Filia e Antonello Orrù accompagnati da su basciu e Contra: Paolo Pilleri e Giuseppe Tatti.

LO SHOW. Domani, alle 20, nell'auditorium del Conservatorio di Cagliari il grande concerto che farà calare il sipario su “Musas e terras”. In cartellone un ricco programma che comprende gli interpreti delle arti poetiche e musicali sarde e una sfida davvero inedita tra i nostri cantadoris e alcuni tra i migliori improvvisatori al mondo, rappresentanti delle tradizioni basca, corsa e argentina. Durante le esibizioni, il testo poetico sarà proiettato, nel momento stesso in cui viene cantato, su un grande schermo. Attraverso un sistema di traduzione e trascrizione simultanea gli spettatori potranno capire pienamente il senso della creazione poetica e seguire il confronto dialettico tra artisti che cantano anche con melodie, sistemi metrici e lingue diverse. La serata sarà condotta da Elio Turno Arthemalle, con la direzione di palco di Ottavio Nieddu.

L'OBIETTIVO. L'organizzazione è curata e coordinata dall'Istituto superiore etnografico della Sardegna, grazie all'associazione culturale Campos che promuove la riscoperta di launeddas, cantu a tenore, poesia di improvvisazione a otada, mutetus, mutos e a s'arrepentina, cantu a cuncordu, musica tradizionale di accompagnamento al ballo e il cantu a chiterra. (red. cult.)

 
 

 

La Nuova Sardegna

 

 

6 - LA NUOVA SARDEGNA di martedì 17 dicembre 2019 / ECONOMIA - Pagina 14

Investimenti boom nelle start up,

+38% a 723 milioni

I «segnali dal futuro» che arrivano sono quelli di un'Italia che sa innovare. Lo testimoniano oltre 1.000 start up che si sono date appuntamento per la quarta edizione dello StartupItalia Open Summit, la prima organizzata in collaborazione con l'Università Bocconi e che ha visto 15mila partecipanti. «Nel 2019 sono stati investiti 723 milioni di euro (+38%)», riassume David Casalini, Ceo e fondatore di StartupItalia che diventeranno quasi due miliardi ora che entrerà in azione il Fondo Nazionale Innovazione voluto dal Mise.

Questionario e social

Condividi su: