UniCa UniCa News Notizie L’UNESCO e il canto a tenore. UniCA c’è.

L’UNESCO e il canto a tenore. UniCA c’è.

Fa tappa in Sardegna dal 20 al 23 settembre l’iniziativa Erasmus+ “Network of UNESCO Cultural Spaces” che ha lo scopo di valorizzare i Patrimoni Culturali Immateriali. L’Università di Cagliari, in prima fila per l’intensa attività di ricerca etnomusicale svolta intorno al canto a tenore, è parte del progetto coordinato dall’istituto di cultura lettone Ethnic Culture Center “Suiti” Foundation.
21 settembre 2022
Canto a tenore, un'immagine simbolo

Lettonia, Estonia, Repubblica della Macedonia del Nord, Georgia, Croazia e Portogallo. Sono 38 i delegati giunti in Sardegna dai diversi paesi europei per partecipare al progetto Erasmus+ “Network of Unesco Cultural Spaces” in programma dal 20 al 23 settembre. Si tratta di uno dei sei progetti approvati nel 2020 nell’ambito del Programma Erasmus+, dopo i primi incontri avvenuti in remoto a causa delle limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria, dalla scorsa primavera sono iniziate le attività in presenza con un meeting nella Repubblica della Macedonia del Nord (marzo 2022) e uno in Estonia (maggio 2022).  L'obbiettivo principale degli incontri è la creazione di una rete tra istituzioni che studiano e contribuiscono alla valorizzazione e salvaguardia dei Patrimoni Culturali Immateriali (Intangible Cultural Heritage) riconosciuti dall’UNESCO. 

L’Università di Cagliari è partner del progetto per ciò che concerne lo studio e la salvaguardia del canto a tenore, riconosciuto come Capolavoro Immateriale dell’Umanità nel 2005 e inscritto nelle Liste rappresentative dei Patrimoni Culturali Immateriali nel 2008. L’ateneo cagliaritano è da tempo impegnato, in collaborazione con le associazioni dei cantori e con l’Istituto Superiore Regionale Etnografico (ISRE), nella realizzazione di progetti di ricerca incentrati sullo studio delle peculiarità musicali e culturali di questa affascinante modalità espressiva. Referente locale del progetto è il docente di etnomusicologia Marco Lutzu

I lavori del “Network of Unesco Cultural Spaces” sono cominciati ieri, martedì 20 settembre, alla Cittadella dei Musei con gli interventi di Alessandra Carucci, prorettrice all’internalizzazione dell’Università di Cagliari, di Ignazio Macchiarella, vicedirettore del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni culturali e di Caterina Lilliu, vicepresidente della Fondazione Barumini Sistema Cultura. Nella giornata di oggi, mercoledì 21 settembre, la delegazione europea è nel nuorese, zona dove il canto a tenore è particolarmente radicato. All’Istituto Superiore Regionale Etnografico (ISRE verrà illustrato il progetto Modas, nato dalla collaborazione tra IRSE, Associazione Tenores Sardegna e Associazione Campos. Giovedi 22, a Orosei verranno presentate le attività del Labimus, articolazione scientifica del Dipartimento di Storia Beni Culturali e Territorio dell’Università di Cagliari, e il progetto Tedimus, anch’esso nato all'interno di UniCA.

Nella giornata conclusiva del 23 settembre, i 38 delegati di Erasmus+ “Network of Unesco Cultural Spaces” visiteranno Orgosolo e incontreranno i cantori del centro barbaricino.   

I delegati del progetto Erasmus+ assistono alla performance del suonatore di launeddas Graziano Montisci
I delegati del progetto Erasmus+ assistono alla performance del suonatore di launeddas Graziano Montisci

Link

Ultime notizie

28 settembre 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 settembre 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

27 settembre 2022

BESTMEDGRAPE, al via la conferenza internazionale

L'appuntamento è per martedì 27 settembre dalle 9 nell'Aula magna del Polo di via Marengo: si tratta del progetto finanziato dalla Commissione Europea con oltre tre milioni di euro, guidato dall'Università di Cagliari, che punta a promuovere il riutilizzo degli scarti della vinificazione per ottenere creme di bellezza, integratori e prodotti farmaceutici, creando al contempo nuove opportunità commerciali per giovani imprenditori

27 settembre 2022

La Banca del Germoplasma compie 25 anni

La struttura ospitata all'interno del polmone verde del nostro Ateneo taglia un importante traguardo: giovedì 29 settembre iniziano le celebrazioni nell'Aula Eva Mameli Calvino. BG-SAR, con il suo scrigno di biodiversità a 25 gradi centigradi sotto zero, attualmente custodisce circa 3500 lotti di semi riferibili a circa 1500 taxa vegetali provenienti da numerosi territori del Mediterraneo, specialmente insulari. Una realtà importantissima per la nostra Isola, ma non solo, in cui si confrontano ogni giorno ricercatrici e ricercatori provenienti da tutto il mondo

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie