UniCa UniCa News Notizie Le orchidee? Nascono anche in una miniera dismessa di zinco e piombo a Domusnovas

Le orchidee? Nascono anche in una miniera dismessa di zinco e piombo a Domusnovas

Lo studio dei ricercatori dell’Università di Cagliari coglie le attenzioni della comunità scientifica internazionale. In collaborazione con scienziati di altri atenei italiani, la ricerca  conquista anche la quotata rivista specializzata Ecotoxicology and environmental safety
30 gennaio 2020
L'orchidea di Barraxiutta (Domusnovas, Cagliari)

Sinergia e ricerca di qualità, tra relazioni e confronto accademico e scientifico di pregio

Mario Frongia

La filiera di ricerca consolidata e di alto profilo scientifico su scala mondiale perseguita dal team della sezione di Botanica (Dipartimento scienze della vita e dell’ambiente, Disva) con in prima fila Annalena Cogoni. Il lavoro e gli studi coordinati da Pierluigi Cortis (borsista di ricerca, Disva). Il rapporto prezioso con il  Dipartimento di scienze chimiche e geologiche. Le relazioni continue, utili a rafforzare confronto, dinamiche e attività scientifiche, con i gruppi di ricerca delle università di Milano Bicocca, Salerno e Varsavia. Un mix vincente. Indispensabile per rafforzare reputazione e ruolo accademico, con innegabili ripercussioni sul territorio. In breve, dietro lo studio sulle orchidee nate in una discarica mineraria di Domusnovas, centro a mezzora da Cagliari, c’è l’insieme degli elementi di una best practice. Ovvero, scenari qualificati su tematiche inerenti botanica, sviluppo, riconversione di siti e luoghi altrimenti destinati.

Cagliari. Il gran gol dei botanici. Da sinistra, Pierluigi Cortis, Cinzia Sanna, Domenica Farci, Antonio De Agostini, Dario Piano. Al centro, Annalena Cogoni
Cagliari. Il gran gol dei botanici. Da sinistra, Pierluigi Cortis, Cinzia Sanna, Domenica Farci, Antonio De Agostini, Dario Piano. Al centro, Annalena Cogoni

Il fiore dei fiori tra i metalli pesanti. Lo studio apre scenari di varia ampiezza

Pubblicato sulla rivista Ecotoxicology and Environmental Safety, lo studio verte sulla presenza dell’orchidea nella miniera abbandonata di Domusnovas. “Abbiamo analizzato le caratteristiche di una popolazione di orchidee, Epipactis helleborine subsp. tremolsii, in grado di vivere nei fanghi di flottazione di una discarica mineraria, caratterizzati da una notevole concentrazione di metalli pesanti. Il sito - spiega il professor Cortis - si trova nell’area mineraria dismessa di Barraxiutta, miniera in cui venivano estratti principalmente zinco e piombo”. Metalli pesanti, territori inquinati. “Lo studio ha permesso di capire come queste orchidee non solo crescano in presenza di contaminanti ambientali, ma siano anche in grado di accumularli all’interno dei loro tessuti. Dal confronto con orchidee della stessa specie cresciute in aree non contaminate è emersa una minore crescita dell'apparato vegetativo e una riduzione dell'efficienza fotosintetica rispetto a queste ultime” aggiunge il coordinatore del gruppo di ricerca. E ancora. “Dallo studio è risultato che l'adattamento a queste condizioni estreme potrebbe essere reso possibile dalla simbiosi con un fungo presente nel suolo. Le future ricerche verteranno sulla caratterizzazione del fungo e dei meccanismi attraverso i quali questo organismo sia in grado di esplicare l'azione detossificante”.

Una recente copertina di Ecotoxicology and Environmental Safety
Una recente copertina di Ecotoxicology and Environmental Safety

I gruppi di ricerca dell’ateneo.

L’ateneo del capoluogo al lavoro e in vetrina. Con le attenzioni mediatiche - e la partecipazione a "Geo", popolare trasmissione televisiva che va in onda su Rai 3 condotta da Sveva Sagramola e Emanuele Biggi - gli scienziati dell’Università di Cagliari hanno colpito sia la comunità scientifica, sia gli addetti ai lavori dei vari segmenti. Con Pierluigi Cortis hanno realizzato e firmato lo studio i ricercatori del Disva, Antonio De Agostini, Annalena Cogoni, Cinzia Sanna, Dario Piano, Michele Lussu e Alberto Caredda. Al lavoro hanno collaborato anche gli studiosi del dipartimento di Scienze chimiche e geologiche Andrea Vacca, Alessandra Garau e Claudia Caltagirone.  La ricerca è stata titolata “Heavy metal tolerance of orchid populations growing on abandoned mine tailings: A case study in Sardinia Island (Italy)” con le firme degli autori Antonio De Agostini, Claudia Caltagirone,  Alberto Caredda, Angela Cicatelli, Annalena Cogoni, Domenica Farci, Francesco Guarino, Alessandra Garau, Massimo, Labra, Michele Lussu, Dario Piano, Cinzia Sanna, Nicola Tommasi, AndreaVacca, PierluigiCortis.

Informazioni: - https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0147651319313491?via%3Dihub http://people.unica.it/annalenacogoni/gruppo-di-ricerca/pierluigi-cortis/
http://www.zooplantlab.btbs.unimib.it/index.php/it/collaboratori/pierluigi-cortis.html -

link di Geo https://www.raiplay.it/video/2020/01/geo-df72139c-46da-46de-81b1-b57b913b8432.html

I ricercatori del Dipartimento di scienze chimiche e geologiche. Da sinistra, Alessandra Garau, Claudia Caltagirone e Andrea Vacca
I ricercatori del Dipartimento di scienze chimiche e geologiche. Da sinistra, Alessandra Garau, Claudia Caltagirone e Andrea Vacca

Ultime notizie

22 febbraio 2020

Premio Francovich al sito di Sant'Eulalia

Durante il TourismA nell’auditorium del Palazzo dei Congressi di Firenze, Paul Arthur, professore di Archeologia medievale all’università del Salento e presidente della Società degli Archeologi Medievisti Italiani ha premiato questa mattina il complesso archeologico in cui si sono formate centinaia di studenti di UniCa. Sul palco con la Presidente di Studi umanistici Rossana Martorelli i rappresentanti della riuscitissima alleanza tra istituzioni che ha consentito la riscoperta, la valorizzazione e la tutela del patrimonio culturale sardo. Durante i lavori è stata citata "UniCa&Imprese" come esempio virtuoso di collaborazione tra istituzioni e aziende, mentre Fabio Pinna ha illustrato il modello di intervento partecipato sui beni culturali attuato dal nostro Ateneo negli ultimi anni

22 febbraio 2020

CORONAVIRUS, i comportamenti da seguire

Per favorire una corretta informazione, diffondiamo il vademecum diffuso dal Ministero della Salute e dall'Istituto Superiore di Sanità in merito alla diffusione del virus. Esso contiene l'indicazione dei comportamenti da tenere per evitare il contagio.

21 febbraio 2020

Patrick George Zaky, l’Università di Cagliari al fianco del ricercatore detenuto in Egitto

Oggi Amnesty International, in occasione dell’udienza che si apre domani a Il Cairo, ha tenuto un presidio nella facoltà di Studi umanistici e nella biblioteca del Distretto di Scienze umane. Aperta la raccolta delle firme per chiedere il rilascio del giovane iscritto all’ateneo di Bologna. “È incredibile che situazioni simili possano ancora trovare asilo. Siamo fiduciosi nell’azione dell’Unione Europea e del Governo” dice Maria Del Zompo   

Questionario e social

Condividi su: