UniCa UniCa News Notizie La tutela della democrazia è un valore irrinunciabile

La tutela della democrazia è un valore irrinunciabile

Le parole del Rettore alle celebrazioni per il Giorno del Ricordo a Palazzo Viceregio. Il plauso del Prefetto di Cagliari per la stretta collaborazione e per il ruolo di approfondimento storico svolto dall’Ateneo con le iniziative seminariali sulle vicende dolorose di un difficile periodo della storia d’Italia. VIDEO
10 febbraio 2020
L'intervento del Rettore alle celebrazioni per il Giorno del Ricordo

Sergio Nuvoli

Cagliari, 10 febbraio 2020 - “La tutela della democrazia è un valore irrinunciabile: non basterebbero le parole per descrivere la gravità di quanto è accaduto e che ricordiamo oggi. Ma il fatto che sia successo e che noi ne parliamo non basta da solo per essere sicuri che non possa riaccadere”. Lo ha detto il Rettore dell’Università di Cagliari, Maria Del Zompo, intervenendo questa mattina all’iniziativa organizzata dalla Prefettura di Cagliari a Palazzo Viceregio in occasione del Giorno del Ricordo.

“Ringrazio l’Ateneo di Cagliari – ha sottolineato il Prefetto Bruno Corda nel suo saluto iniziale – per aver organizzato il seminario di approfondimento che si terrà nel pomeriggio”. Il riferimento è all’iniziativa del Dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali, prevista per le 16 in Aula Motzo: si rinsalda così, anche oggi, l’intesa tra istituzioni già registrata in occasione della Giornata della Memoria, quando – al momento istituzionale del mattino – i ricercatori dell’Università di Cagliari hanno inteso affiancare un momento seminariale di alto profilo scientifico e culturale.

“Inclusione e accettazione della diversità – ha proseguito il Magnifico - sono principi che ci devono accompagnare sempre: diciamo no al negazionismo di ogni tipo. È davvero importante in questo senso ricordare l’importanza della cultura, della conoscenza perché senza la cultura la nostra società non può continuare a migliorare. Deve proseguire l’impegno di tutti anche per fare in modo che popoli che ancora non conoscono la democrazia possano apprezzarla”.

Con il Rettore e il Prefetto, all’inizio della mattinata sono intervenuti anche il sindaco di Cagliari Paolo Truzzu e l’assessore regionale al lavoro e vicepresidente della Giunta regionale Alessandra Zedda. La mattinata è proseguita con la proiezione di un documentario e una testimonianza.

L'aula di Palazzo Viceregio durante l'intervento del Rettore
L'aula di Palazzo Viceregio durante l'intervento del Rettore
GUARDA E ASCOLTA I SALUTI DEL RETTORE

Ultime notizie

22 febbraio 2020

Premio Francovich al sito di Sant'Eulalia

Durante il TourismA nell’auditorium del Palazzo dei Congressi di Firenze, Paul Arthur, professore di Archeologia medievale all’università del Salento e presidente della Società degli Archeologi Medievisti Italiani ha premiato questa mattina il complesso archeologico in cui si sono formate centinaia di studenti di UniCa. Sul palco con la Presidente di Studi umanistici Rossana Martorelli i rappresentanti della riuscitissima alleanza tra istituzioni che ha consentito la riscoperta, la valorizzazione e la tutela del patrimonio culturale sardo. Durante i lavori è stata citata "UniCa&Imprese" come esempio virtuoso di collaborazione tra istituzioni e aziende, mentre Fabio Pinna ha illustrato il modello di intervento partecipato sui beni culturali attuato dal nostro Ateneo negli ultimi anni

22 febbraio 2020

CORONAVIRUS, i comportamenti da seguire

Per favorire una corretta informazione, diffondiamo il vademecum diffuso dal Ministero della Salute e dall'Istituto Superiore di Sanità in merito alla diffusione del virus. Esso contiene l'indicazione dei comportamenti da tenere per evitare il contagio.

21 febbraio 2020

Patrick George Zaky, l’Università di Cagliari al fianco del ricercatore detenuto in Egitto

Oggi Amnesty International, in occasione dell’udienza che si apre domani a Il Cairo, ha tenuto un presidio nella facoltà di Studi umanistici e nella biblioteca del Distretto di Scienze umane. Aperta la raccolta delle firme per chiedere il rilascio del giovane iscritto all’ateneo di Bologna. “È incredibile che situazioni simili possano ancora trovare asilo. Siamo fiduciosi nell’azione dell’Unione Europea e del Governo” dice Maria Del Zompo   

Questionario e social

Condividi su: