UniCa UniCa News Notizie La sfida del cosmopolitismo al pensiero scientifico

La sfida del cosmopolitismo al pensiero scientifico

COSMOMED, il Prorettore alla Didattica Ignazio Putzu indica la rotta dell’evento che coinvolgerà la città di Cagliari nelle prossime due settimane. Francesco Mola (Prorettore vicario): “Coinvolto un numero davvero notevole di ricercatori di differenti settori scientifico-disciplinari: rilevante apporto dell’Ateneo a un tema fondamentale per la società”. RESOCONTO con IMMAGINI e VIDEO del convegno di apertura
18 ottobre 2019
L'avvio del convegno COSMOMED: da sinistra, Raffaele Cattedra, Francesco Atzeni, Francesco Mola, Ignazio Putzu, Franco Carta

La soddisfazione dell'Ateneo per un'iniziativa di così ampio respiro che coinvolge ricercatori e settori scientifico-disciplinari diversi nelle parole di Francesco Mola, Prorettore vicario: "Tema certamente da approfondire per la nostra società"

Sergio Nuvoli

Cagliari, 18 ottobre 2019 - “Il Mediterraneo è il candidato ideale per diventare e ambire al riconoscimento di ‘zona linguistica’, per via delle caratteristiche che presenta, ma il cosmopolitismo è fenomeno che sfida ancora oggi il pensiero scientifico, pur in mezzo alle tante difficoltà che incontra. Il sorgere dei Paesi nazionali con un nuovo concetto di cittadinanza è stata una cesura epocale rispetto a un passato di migrazioni che hanno caratterizzato il Mediterraneo”. E’ stato solo uno dei passaggi dell’articolato indirizzo di saluto di Ignazio Putzu, direttore del Dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali e Prorettore alla Didattica al convegno inaugurale di “COSMO-MED Tracce di cosmopolitismo migrazioni, memorie e attualità intorno al Mediterraneo” ieri nella splendida cornice dell’Aula magna di Palazzo Belgrano.

“Discutiamo di un tema interdisciplinare che merita davvero di essere approfondito – ha sottolineato in apertura il Prorettore vicario Francesco Mola, che ha portato i saluti anche del Rettore Maria Del Zompo – E’ notevole il numero di ricercatori e di  settori scientifico-disciplinari che sono stati coinvolti nelle ricerche portate avanti nel complessivo progetto di ricerca coordinato da Raffaele Cattedra”.

Francesco Mola, Ignazio Putzu e Franco Carta
Francesco Mola, Ignazio Putzu e Franco Carta
GUARDA I SALUTI DEL PRORETTORE VICARIO FRANCESCO MOLA

Il plauso della Fondazione di Sardegna nell'intervento di Franco Carta: "Grazie all’Università di Cagliari che presenta un lavoro così bello, una ricerca che lascia il segno del conoscersi vicendevolmente e arricchirsi”

“Come Fondazione di Sardegna abbiamo affrontato spesso il tema delle differenze, anche con una mostra d’arte che comprendeva opere di numerosi artisti del Mediterraneo – ha detto Franco Carta, intervenendo a nome della Fondazione – Parlare di differenze significa certamente accrescimento e crescita, ma può anche essere la rappresentazione di paure declinate in vario modo, come accade con i vari populismi. La nostra generazione ha conosciuto la caduta dei muri, ma stiamo conoscendo anche la costruzione di nuovi muri che ci proteggono da differenze, percepite come dannose. In realtà grazie all’apporto scientifico dell’Università possiamo renderci conto che così diversi non siamo: siamo solo la poliedrica rappresentazione della vita umana. Chi si sposta cerca solo una migliore condizione di vita e di pace. Grazie all’Università di Cagliari che presenta un lavoro così bello, una ricerca che lascia il segno del conoscersi vicendevolmente e arricchirsi”.

Docenti, studenti e ricercatori in Aula magna
Docenti, studenti e ricercatori in Aula magna

Raffaele Cattedra, responsabile scientifico di COSMOMED: "Orgogliosi di fare ricerca su argomenti che fanno parte delle linee strategiche dell'Università di Cagliari con colleghi anche di altri atenei, non solo italiani"

“Conoscersi per poter coesistere – ha spiegato Francesco Atzeni, docente del Dipartimento - L’obiettivo fondamentale di questo progetto di ricerca è essenziale per vivere il presente. Scoprire le matrici del passato per capire come possa influire sull’oggi: un grande ruolo ha avuto proprio l’approccio storico nello studio del tema. C’è una molteplicità di temi che fanno capire come la complessità della realtà attuale venga da lontano. Di questo parleremo in questi giorni intensi”.

Raffaele Cattedra, docente di Geografia di UniCa e responsabile scientifico dell’iniziativa, ha ricordato che il Rettore dell’Ateneo ha sottolineato che i temi del convegno rientrano nelle linee strategiche dell’Università di Cagliari. Nelle sue parole introduttive, anche il ringraziamento agli enti che hanno patrocinato l’evento e l’illustrazione delle diverse fasi del convegno. “Oggi le migrazioni sono percepite come ristrette a quelle contemporanee, mentre esistono da sempre – ha aggiunto - Ci si interroga sulla loro capacità di generare convivenze”.

Il convegno è poi proseguito fino a tarda sera come da programma.

Raffaele Cattedra e Francesco Atzeni
Raffaele Cattedra e Francesco Atzeni

Ultime notizie

26 gennaio 2022

UniCa per la Giornata della Memoria

Visitabile nell’atrio di Palazzo Belgrano fino a fine mese la mostra "A 80 anni dalle leggi razziali": l’esposizione ricostruisce il clima che determinò l’emanazione delle norme per effetto delle quali vennero espulsi Doro Levi, Camillo Viterbo e Alberto Pincherle. Rimandata di qualche mese a causa della pandemia la posa delle tre pietre di inciampo con i loro nomi

24 gennaio 2022

Un pensiero per cancellare la violenza di genere

La Facoltà di Ingegneria e Architettura lancia un concorso di idee per individuare una citazione che rappresenti in modo significativo la campagna di sensibilizzazione nei confronti del contrasto alla violenza di genere. La frase prescelta sarà incisa su una targa collocata in prossimità della panchina rossa nel giardino della Facoltà, dipinta il 25 novembre scorso in occasione della manifestazione “Una pennellata per cancellare la violenza di genere”. RASSEGNA STAMPA

20 gennaio 2022

Ricerca, tra sostenibilità, pratiche e materiali innovativi in edilizia

Domani pomeriggio, la quarta conferenza curata dai ricercatori del Dicaar inquadra le dinamiche inerenti il settore delle costruzioni. Dalla riduzione dei consumi ad approcci sistemici e multidisciplinari passando per modelli circolari ed emissioni climateranti. All’evento prendono parte specialisti ed esperti di atenei d’oltre Tirreno. I lavori si possono seguire in diretta streaming

Questionario e social

Condividi su: