UniCa UniCa News Notizie La ricerca scientifica può creare ricchezza

La ricerca scientifica può creare ricchezza

Presentati i primi risultati del progetto ARIA, il Rettore Maria Del Zompo: “Un’iniziativa che mette insieme un parterre di tutto rispetto, con i due atenei sardi coinvolti in un’idea vincente proposta dal professor Galbiati e dal nostro professor Devoto, con una forte attenzione anche ai partner internazionali”. Il Presidente INFN Antonio Zoccoli: “E’ stato creato un ecosistema che concentra qui cervelli di eccellenza e può far ripartire la Sardegna”
16 novembre 2019
Maria Del Zompo in apertura

L'Aula magna di Palazzo Belgrano ha ospitato un convegno di altissimo livello, con comunicazioni scientifiche di pregio: al centro dei lavori il progetto ARIA, che punta ad una significativa ricaduta socioeconomica nel Sulcis

Sergio Nuvoli

Cagliari, 16 novembre 2019 - “La ricerca di base può creare ricchezza. Come uomini di scienza abbiamo il dovere di crederci e di fare tutto il possibile perché questo si verifichi: il progetto ARIA ha tutte le carte in regola per farlo. Mette insieme un parterre di tutto rispetto, con i due atenei sardi coinvolti in un’idea vincente proposta dal professor Galbiati e dal nostro professor Devoto, con una forte attenzione anche ai partner internazionali. Il nostro ateneo è orgoglioso di provocare con questo progetto una forte ricaduta sul Sulcis, un territorio in grande difficoltà che merita l’attenzione di tutti”. Queste le parole di Maria Del Zompo, Rettore dell’Università di Cagliari, questa mattina alla presentazione dei primi risultati del progetto ARIA nell’Aula magna di Palazzo Belgrano a Cagliari. All’incontro - moderato dal Prorettore all'Innovazione Maria Chiara Di Guardo - hanno partecipato Stefano Buffagni e Alessandra Todde, viceministro e sottosegretario allo Sviluppo economico, ed è intervenuto – tra gli altri – Art McDonald, Premio Nobel per la Fisica nel 2015.

“Le due università sarde lavorano insieme per i giovani di questa terra – ha evidenziato Massimo Carpinelli, Rettore dell’Università di Sassari - perché crescano qui e qui sviluppino le loro opportunità. Vogliamo che la nostra regione sia conosciuta per le opportunità che ci sono qui, non soltanto per il turismo. Qui ci sono infrastrutture, università, un territorio fertile dove costruire iniziative come il progetto ARIA”.

Massimo Carpinelli, Rettore dell'Università di Sassari
Massimo Carpinelli, Rettore dell'Università di Sassari

Il Presidente INFN, Antonio Zoccoli: "Costruiamo un ecosistema che concentra qui cervelli di eccellenza e può far ripartire la Sardegna. Ci siamo trovati tanto bene che, anche sulle onde gravitazionali, abbiamo deciso di costruire qui una infrastruttura"

“Com’è fatta la materia oscura? – si è chiesto il presidente dell’INFN Antonio Zoccoli - Noi abbiamo deciso di realizzare degli esperimenti per capirlo. Per costruire rivelatori sofisticatissimi serve però argon ultrapuro: il progetto ARIA nasce per purificarlo. Per realizzare l’infrastruttura attraverso la quale compiere questa operazione abbiamo scelto la miniera di Seruci nel Sulcis, un terreno fertile che ci ha accolto e che mette a fattore comune la nostra ricerca scientifica con la realtà territoriale e con le menti migliori che ci sono in Sardegna. Spostiamo avanti le frontiere della conoscenza: le nostre ricerche servono a questo. Costruiamo un ecosistema che concentra qui cervelli di eccellenza e può far ripartire la Sardegna. Ci siamo trovati talmente bene che, anche sulle onde gravitazionali, abbiamo deciso di costruire una infrastruttura, nella miniera di Sos Enattos: la Sardegna è davvero il posto ideale”.

Antonio Zoccoli, Presidente INFN
Antonio Zoccoli, Presidente INFN

Cristiano Galbiati: "Chiediamo che la tecnologia installata qui resti qui. La trasformazione dei biotopi e le startup che svilupperanno restino qui. E chiediamo più minatori, perché senza di loro il progetto non si svilupperà"

Il responsabile scientifico del progetto ARIA Cristiano Galbiati ha presentato i primi risultati: “Cinque anni fa questa iniziativa non esisteva, oggi è una realtà unica sulla frontiera della ricerca. Con i risultati del primo modulo, possiamo dire che il Sulcis diventerà un eccellente punto di produzione di argon e xenon e il luogo di produzione di isotopi stabili estratti dall’aria, alcuni dei quali particolarmente pregiati e rari in natura. Stiamo parlando di un mercato che vale moltissimo, e che barra ancora di più. Grazie alla spinta decisiva di Maria Chiara Di Guardo abbiamo creato anche un fotoreattore in Carbosulcis che farà crescere l’alga spirulina”.

“Ringrazio l’università di Cagliari – ha concluso il professor Galbiati - Chiediamo che la tecnologia installata qui resti qui. La trasformazione dei biotopi e le startup che svilupperanno le tecnologie necessarie restino qui. E chiediamo più minatori, perché senza di loro il progetto non si svilupperà in modo che questo progetto possa mantenere la leadership nel mondo. Siamo nati cinque anni e andiamo avanti con questo vantaggio”.

I lavori sono proseguiti come da programma, fino alle conclusioni affidate all'assessore all'Industria della Regione Sardegna Anita Pili.

Cristiano Galbiati durante la presentazione dei primi risultati di ARIA
Cristiano Galbiati durante la presentazione dei primi risultati di ARIA

Ultime notizie

11 agosto 2022

Dottorati di ricerca, boom delle borse di UniCa

Dalle 77 dell’anno precedente passano a 133 per il XXXVIII ciclo. Il rettore Francesco Mola: “Grande sforzo dell’Ateneo che punta decisamente sui propri giovani, dando loro una straordinaria opportunità di formazione avanzata e di crescita professionale, e sullo sviluppo del territorio, mirando a tematiche di grande urgenza e di alto impatto”

10 agosto 2022

Comunicazione, festoso approfondimento tv dei cinque corsi di laurea presentati al Poetto

La puntata sul successo della festosa, affascinante e inedita presentazione nel Lungomare è andata in onda all'interno di "Panorama sardo - speciale estate". "La cultura va alla città e viceversa" dice Antioco Floris. "Siamo qui per catturare un pubblico sempre più vasto" aggiunge Ester Cois. "Lavoriamo per essere sempre più vicini e inclusivi" rimarca Elisabetta Gola. All'interno il link per la visione

08 agosto 2022

Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Grazie all’accesso ai laboratori dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISPC) parte dell’infrastruttura di ricerca per l’Heritage Science (E-RIHS), gli archeologi dell’Università di Cagliari guidati da Riccardo Cicilloni hanno ottenuto importanti risultati nel sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde in provincia di Oristano

05 agosto 2022

Nasce «The Hadron Academy»

Aperte le iscrizioni al primo dottorato in Italia dedicato allo sviluppo tecnologico e biomedico dell’adroterapia, forma avanzata di radioterapia che utilizza particelle pesanti come protoni e ioni carbonio per trattare i tumori più complessi. Coordinato da Annalisa Bonfiglio, e promosso dal CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, insieme all’Università degli Studi di Cagliari, è aperto a 5 studenti meritevoli a cui saranno assegnate altrettante borse di studio, una delle quali messa a disposizione dal nostro Ateneo. Iscrizioni aperte a medici, fisici medici, biologi, bioingegneri, ingegneri di processo, fisici, giuristi, economisti, filosofi

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie