UniCa UniCa News Notizie La nostra salute? Passa anche dallo sviluppo del rene in gravidanza

La nostra salute? Passa anche dallo sviluppo del rene in gravidanza

Su Springer, bibbia del mondo medico, il lavoro di Gavino Faa e Vassilios Fanos. Gli specialisti dell’Università di Cagliari firmano una ricerca che stabilisce un punto fermo nella “Programmazione della vita fetale”. Lo studio ha colto il plauso della comunità accademica
14 settembre 2020
Monserrato (Ca). Il Policlinico universitario "Duilio Casula"

Un unico filo unisce rene, nove mesi di gestazione, quanto e come saremo sani da adulti

Mario Frongia

Al termine di studi rigorosi, verificati nei laboratori tra il San Giovanni di Dio e il Policlinico di Monserrato e, a seguire, ripresi e approfonditi dai principali specialisti nei più qualificati centri di ricerca internazionali, l’ipotesi maturata tra l’istituto di anatomia patologica e la neonatologia dell’Università di Cagliari, è rivoluzionaria: dallo sviluppo del rene durante la gravidanza passa gran parte delle possibilità che si hanno di ammalarsi durante la vita adulta. La tesi formulata dai ricercatori cagliaritani guidati da Gavino Faa - caposcuola dell’anatomopatologia, già preside di Medicina, Università di Cagliari - e Vassilios Fanos - ordinario di pediatria, a capo della neonatologia del Policlinico di Monserrato - ha radici solide e antiche.

Gavino Faa. Lo specialista guida un pool di quotati anatomopatologi
Gavino Faa. Lo specialista guida un pool di quotati anatomopatologi

L'importanza della Programmazione della vita fetale

Ricerca di pregio. Scienza che intuisce, verifica, amplia gli orizzonti assistenziali. Il lavoro degli studiosi dell’Azienda ospedaliera-universitaria del capoluogo ha scosso la comunità scientifica. Tanto che Springer, casa editrice bibbia medico-sanitaria, ha pubblicato e inserito la ricerca made in Sardinia nei punti fermi del percorso “Programmazione della vita fetale”. Da qui il plauso con in prima fila pediatri, ginecologi, radiologi, nefrologi, internisti. “La ricerca prosegue su più fronti. Intanto, siamo soddisfatti per la risposta avuta dal volume edito da Springer. Pur trattandosi di un argomento molto specifico, l’impatto è stato positivo. L’originalità dello studio - dice il professor Faa - risiede nell'ipotesi che dallo sviluppo del rene durante la gravidanza, dipenda la nostra suscettibilità ad ammalarci nell'età adulta”. Un’idea reale, vicina a chiunque che apre interessanti prospettive cliniche future. “La nascita dei nostri glomeruli, ovvero le unità funzionali del rene, si arresta alla nascita. Significa che - spiega il professor Fanos - se lo sviluppo è andato bene, un individuo avrà due milioni di glomeruli. Ma se qualcosa non funziona in gravidanza, si nasce con un numero molto minore di glomeruli”.

Vassilios Fanos, coordina una filiera di ricerca di statura internazionale
Vassilios Fanos, coordina una filiera di ricerca di statura internazionale

Le criticità e le difficoltà durante la gravidanza

“I motivi critici in gravidanza potrebbero derivare dal maltrattamento della madre da parte di un marito violento, da una dieta materna sbilanciata come tavolta accade nei vegani, dall'abuso di farmaci o dal malfunzionamento della placenta” rimarcano i cattedratici. La storia prosegue. “Consideriamo due individui e immaginiamo che, nella vita adulta, abbiano un'infezione virale o un trattamento con farmaci che danneggino centomila glomeruli. Quello che ha avuto una gravidanza a norma li perderà dai circa due milioni di glomeruli senza alcuna conseguenza clinica. Il soggetto nato con soli duecentomila glomeruli per un decorso difficile ne avrà perso la metà e farà i conti con insufficienza renale cronica e dialisi”. Da qui, la teoria della "Programmazione nella vita fetale" delle malattie della vita adulta, tema che Faa e Fanos seguono da anni. “I nefrologi dell'adulto, anche a seguito del nostro lavoro, chiedono subito ai pazienti con problemi renali il peso alla nascita e dopo quanti mesi di gravidanza siano nati. La ragione? Il parto prematuro toglie tempo al rene per svilupparsi completamente, in quanto dopo la nascita la formazione dei glomeruli si arresta. Questo può far diminuire il "tesoretto" di glomeruli che abbiamo in dote e rende il prematuro più suscettibile alle malattie renali” rimarca Gavino Faa. “Un peso corporeo basso testimonia che il bambino non è stato ben nutrito in utero e - sottolinea Vassilios Fanos - non ha potuto costruire glomeruli alla velocità regolare”. Un viaggio di nove mesi, con il rene che deve crescere al meglio. Altrimenti, la qualità della salute futura è a rischio.

Riferimenti http://links.springernature.com/f/a/AhUTH5GdkD8EVfq97l4Jjg~~/AABE5gA~/RgRhKkzEP0QqaHR0cHM6Ly93d3cuc3ByaW5nZXIuY29tL2dwL3ByaXZhY3ktcG9saWN5VwNzcGNCCgBGRBlJX9AyX85SE2dhdmlub2ZhYUBnbWFpbC5jb21YBAAABuc~

Springer nature, casa editrice e polo scientifico mondiale
Springer nature, casa editrice e polo scientifico mondiale

Ultime notizie

30 novembre 2020

Terapia genica della talassemia, una via innovativa

Il team di Paolo Moi sulla strada per la guarigione dalla patologia. La ricerca, unica in Italia e seconda del genere al mondo, è stata pubblicata dalla rivista British Journal of Haematology

30 novembre 2020

Master PIE, iscrizioni aperte

Scade il 15 dicembre alle 12 il termine per iscriversi al Master in "Progettazione Imprenditoriale per l'Innovazione nell'Edilizia" organizzato dal Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura (DICAAR) dell'Università degli Studi di Cagliari con l'ASPAL - Agenzia Sarda per le Politiche Attive del Lavoro, in collaborazione con il Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle Costruzioni e Ambiente Costruito (DABC) del Politecnico di Milano. LEGGI TUTTE LE INFORMAZIONI

30 novembre 2020

Alfonso Damiano eletto presidente del CMAEL

Il docente del Dipartimento di Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica dell'Università di Cagliari è stato eletto presidente dell'Associazione Nazionale Convertitori Macchine e Azionamenti Elettrici, che raggruppa ricercatori e ricercatrici del settore scientifico disciplinare ING-IND/32.

30 novembre 2020

Antibiotico-resistenza, nuovi studi al Dipartimento di Fisica

Pubblicato dalla prestigiosa rivista scientifica internazionale “Nature communications” uno studio firmato da Chiara Fais, Giuliano Malloci, Paolo Ruggerone e Attilio Vargiu con alcuni gruppi di ricerca dell'Università di Birmingham (UK) e del King's College di Londra. Sotto la lente di ingrandimento dei ricercatori del nostro Ateneo il fenomeno che, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, potrebbe causare oltre 10 milioni di morti all’anno entro il 2050

Questionario e social

Condividi su: