UniCa UniCa News Notizie La generosità dei Rotary Club per l’Ateneo

La generosità dei Rotary Club per l’Ateneo

A Palazzo Belgrano la cerimonia di consegna di otto defibrillatori semiautomatici esterni (DAE) donati dal Rotary Club Cagliari e dal Rotary Club Cagliari Anfiteatro all’Università di Cagliari. L’iniziativa è nata in seguito alla morte improvvisa di Alberto Nori, docente di Logopedia. Il grazie del Rettore: “Continuate nella vostra opera di sostegno alla formazione”. Il Direttore Generale: “Per noi il tema della sicurezza è centrale, la tutela della persona viene prima di tutto”. RASSEGNA STAMPA
15 settembre 2020
Un momento della cerimonia di consegna dei defibrillatori

Il commento del Rettore: "I nostri studenti devono non solo trovare occupazione, ma anche crescere dal punto di vista del pensiero critico, nel rispetto di valori etici come solidarietà, inclusione e rispetto reciproco"

Sergio Nuvoli

Cagliari, 15 settembre 2020 – Una cerimonia tanto sobria quanto densa di significati, quella vissuta questo pomeriggio nell’Aula Magna di Palazzo Belgrano, in occasione della consegna di otto defibrillatori semiautomatici esterni (DAE) donati dal Rotary Club Cagliari e dal Rotary Club Cagliari Anfiteatro all’Università di Cagliari. L’iniziativa dei due Club è nata in seguito alla morte improvvisa di Alberto Nori, docente di Logopedia in Facoltà di Medicina e chirurgia, avvenuta pochi mesi fa nei corridoi della Cittadella universitaria di Monserrato, per aumentare la cardioprotezione di studenti, docenti e personale nelle ore in cui frequentano l’ateneo.

“Il rapporto con voi è sempre stato bello – ha sottolineato con gratitudine Maria Del Zompo, Rettore dell’Ateneo - con persone che condividono la passione per la cultura e la conoscenza. Continuate nella vostra opera di sostegno alla formazione, perché c’è tantissima necessità di migliorare quello che facciamo. Non dobbiamo mai perdere di vista il fatto che i nostri studenti debbano non solo trovare occupazione, ma anche crescere dal punto di vista del pensiero critico, nel rispetto di valori etici come solidarietà, inclusione e rispetto reciproco. È un lavoro complesso, perché siamo circondati da esempi negativi che talvolta prevalgono su quelli positivi”.

Foto di gruppo: Ninni Pillai, Aldo Urru, Francesco Danero, Maria Del Zompo, Brigida Corbo, Carlo Carcassi, Maria Rita Gatto, Domenico Porcu
Foto di gruppo: Ninni Pillai, Aldo Urru, Francesco Danero, Maria Del Zompo, Brigida Corbo, Carlo Carcassi, Maria Rita Gatto, Domenico Porcu

I defibrillatori donati dai due Rotary club si aggiungono a quelli già installati nelle aule universitarie e saranno posizionati su indicazione del Rettore nell’Aula magna di ciascuna delle sei facoltà

"Per noi la tutela della persona viene prima di tutto – ha aggiunto Aldo Urru, Direttore Generale dell’Università di Cagliari - specie per noi che lavoriamo in un ateneo in cui si trovano ogni giorno tantissime persone, primi fra tutti i nostri studenti. Vengo dalla cultura industriale, e so bene quanto il tema della sicurezza sia fondamentale nelle organizzazioni complesse come la nostra. Il vostro è senza dubbio un approccio importante che va nella nostra stessa direzione”.

I defibrillatori donati dai due Rotary club si aggiungono a quelli già installati nelle aule universitarie e saranno posizionati su indicazione del Rettore nell’Aula magna di ciascuna delle sei facoltà, “luoghi – ha sottolineato la prof.ssa Del Zompo – che per definizione ospitano tante persone e di età diverse”.

Alla cerimonia – con il Rettore e il Direttore Generale – erano presenti il Presidente del Rotary Club Cagliari Carlo Carcassi (già docente del nostro Ateneo), la Presidente del Rotary Club Anfiteatro Maria Rita Gatto, il Past President del Rotary Club Cagliari Francesco Danero, la Past President del Rotary Club Cagliari Anfiteatro Brigida Corbo e il Presidente della Commissione Rotary Club Cagliari – Rotary per Cagliari Cardioprotetta Domenico Porcu. Per l’Università hanno partecipato anche Alessandra Orrù, responsabile del settore Politiche strategiche e rapporti istituzionali e Ninni Pillai, Dirigente della Direzione Direzione investimenti, manutenzione immobili e impianti.

(ha collaborato Roberto Ibba)

Carlo Carcassi, già docente dell'Ateneo, consegna uno dei defibrillatori
Carlo Carcassi, già docente dell'Ateneo, consegna uno dei defibrillatori
La notizia letta da Cristiana Aime nell'edizione del TGR Sardegna delle 14 del 16 settembre 2020

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 16 settembre 2020

Cagliari - pagina 18

Otto defibrillatori nelle aule dell'Università

Sono stati donati da alcuni Rotary club della città

Otto defibrillatori per l'Università. I macchinari salvavita sono stati consegnati alla rettrice Maria Del Zompo dai presidenti dei Rotary club cittadini, Rotary club di Cagliari e Rotary Club Cagliari anfiteatro Carlo Carcassi, Maria Rita Gatto, Francesco Danero e Brigida Corbo. La breve cerimonia per la consegna degli apparati sanitari si è svolta nell'Aula magna del Rettorato, in via Università, alla quale hanno partecipato i presidenti delle diverse associazione che hanno donato i defibrillatori.
L'iniziativa era nata nel periodo del lockdown dopo la morte improvvisa, avvenuta nel gennaio di quest'anno, del docente universitario di Logopedia alla facoltà di Medicina e Chirurgia, Alberto Nori, di 39 anni. È stato stroncato da un problema cardiaco. Allora i due Rotary, nell'ambito dei rispettivi programmi di cardioprotezione che riguardano anche le scuole, avevano deciso di donare complessivamente cinquanta defibrillatori. Non solo: hanno anche assicurato la formazione per il corretto utilizzo del defibrillatore.
Otto apparecchiature semiautomatiche esterne erano state acquistate per arricchire le dotazioni di sicurezza delle Aule magne universitarie: a individuare quali fossere quelle in cui i defibrillatori sarebbero stati più utili è stata l'amministrazione dell'Ateneo. Ora proprio quest'ultimo progetto è stato definitivamente completato, ieri pomeriggio, durante l'incontro con la rettrice.

L'articolo su L'Unione Sarda del 16 settembre 2020 a pagina 18
L'articolo su L'Unione Sarda del 16 settembre 2020 a pagina 18

Link

Ultime notizie

26 settembre 2020

Una tavola rotonda sulla povertà con studenti e docenti di UniCa

All’interno delle iniziative del Festival dello Sviluppo Sostenibile, i Giovani Ambasciatori di ONE Campaign organizzano la tavola rotonda “Eradicare la povertà: Cambiamento delle policy e accesso ai fondi e alle risorse per lo sviluppo” con la partecipazione di docenti e studenti di UniCa. L’appuntamento è il 1 ottobre alle 15 in diretta streaming

25 settembre 2020

Una borsa di studio intitolata a Giulio Angioni

Il Comune di Guasila e la Facoltà di Studi Umanistici di UniCa istituiscono una borsa di studio dedicata ai laureati e alle laureate in discipline demoetnoantropologiche intitolata a Giulio Angioni. L’iniziativa rientra all’interno del programma del Festival dell’Altrove. Scadenza fissata per il 28 settembre

25 settembre 2020

UniCa ha un Piano per l'uguaglianza di genere

L'Ateneo di Cagliari è tra i primi in Italia a dotarsi di uno strumento che disegna un percorso di cambiamento istituzionale di medio-lungo periodo, pensato per diventare parte integrante dell’identità e del funzionamento dell’istituzione. Nato nell'ambito del progetto SUPERA coordinato da Luigi Raffo, è stato sviluppato coinvolgendo tutte le componenti dell’ateneo, con interviste, momenti di co-progettazione e un’intensa attività di consultazione. Il Rettore Del Zompo: "In un periodo in cui finalmente questi temi stanno spesso rimbalzando nel dibattito pubblico, abbiamo scelto da tempo di passare ai fatti: il Piano per l’uguaglianza di genere si affianca al Bilancio di genere". TUTTI I DETTAGLI. RASSEGNA STAMPA. LA NOTIZIA ANCHE SU REPUBBLICA.IT

25 settembre 2020

Computer Engineering, Cybersecurity and Artificial Intelligence, i primi laureati di UniCa

Davide Deidda e Rand Farah hanno discusso a distanza due tesi sulla sicurezza dei sistemi basati su intelligenza artificiale con Battista Biggio e Giorgio Fumera. Il corso di laurea punta di diamante dell’offerta formativa dell’Ateneo conferma la sua vocazione internazionale: il dottor Farah proviene dalla Siria, e sono numerosi gli studenti come lui provenienti da varie parti del pianeta che si iscrivono a Cagliari per l’alta qualità del percorso coordinato da Giorgio Giacinto

Questionario e social

Condividi su: