UniCa UniCa News Notizie La cannabis in gravidanza espone i figli agli effetti psicotici del THC

La cannabis in gravidanza espone i figli agli effetti psicotici del THC

Fa letteralmente il giro del mondo la notizia dello studio - pubblicato su Nature Neuroscience - guidato da Miriam Melis (Dipartimento di Scienze biomediche), realizzato dall’Università di Cagliari in collaborazione con l’Accademia delle Scienze Ungheresi a Budapest e l’Università del Maryland a Baltimora. Articoli anche su THE ECONOMIST, oltre che sulle principali testate giornalistiche italiane e sarde. Mostrate dai ricercatori le conseguenze negative sullo sviluppo del sistema nervoso centrale del bambino dell’assunzione in gravidanza di una droga considerata “leggera”. RASSEGNA STAMPA
18 ottobre 2019
Il team che ha firmato i nuovi studi. Da sinistra in basso Mauro Congiu, Francesco Traccis, Valeria Serra, Miriam Melis, Roberto Frau. in piedi dietro da sinistra: Paola Devoto, Claudia Sagheddu, Pierluigi Saba

Sergio Nuvoli

Cagliari, 15 ottobre 2019 - Un nuovo studio effettuato dai ricercatori dell’Università di Cagliari e guidato da Miriam Melis, in collaborazione con l’Accademia delle Scienze Ungheresi a Budapest e l’Università del Maryland a Baltimora, rivela come l’uso durante la gravidanza della cannabis e l’esposizione al suo principale componente psicoattivo – il THC - modifichi il sistema dopaminergico della prole e la renda suscettibile ai suoi effetti psicotici durante la preadolescenza.

Questo studio, che esce oggi sulla prestigiosa rivista internazionale “Nature Neuroscience”, grazie a un approccio multidisciplinare ha svelato importanti modificazioni delle aree cerebrali responsabili della gratificazione nei giovani ratti, i quali mostrano una maggiore vulnerabilità agli effetti di una sola esposizione al THC a un’età in cui i giovani cominciano a sperimentarla.

Miriam Melis con Istvàn Katona dell'Accademia delle Scienze ungheresi (Visiting Professor all’Università di Cagliari nel 2016) e Joseph Cheer, dell’Università del Maryland (Visiting Professor nel 2015)
Miriam Melis con Istvàn Katona dell'Accademia delle Scienze ungheresi (Visiting Professor all’Università di Cagliari nel 2016) e Joseph Cheer, dell’Università del Maryland (Visiting Professor nel 2015)

Lo studio, iniziato nei laboratori del Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Cagliari nel 2014, ha visto successivamente il coinvolgimento dei due centri di ricerca internazionali ed è finanziato dal prestigioso ente americano National Institute on Drug Abuse: mostra come l’uso di una droga considerata “leggera”, se assunta durante la gravidanza modifichi la regione cerebrale importante per le emozioni, il piacere e diverse funzioni cognitive, così come fanno cocaina e l’alcol. Un’evidenza molto importante perché - con la crescente legalizzazione della cannabis e la diffusa percezione di una sua sostanziale innocuità - la cannabis è la droga illegale più usata nel mondo dalle donne incinte, a volte assunta come rimedio per le nausee mattutine o per l’ansia.

Miriam Melis con Roberto Frau, primo nome nell'articolo pubblicato
Miriam Melis con Roberto Frau, primo nome nell'articolo pubblicato

Gli autori dello studio sperano quindi che la loro scoperta aiuti il processo di consapevolezza riguardo le conseguenze negative sullo sviluppo del sistema nervoso centrale del bambino. D’altronde gli studi dimostrano come rispetto ai loro pari questi bambini siano iperattivi, disattenti, più impulsivi e più suscettibili alle psicosi. Non sorprende quindi gli autori che anche lo sviluppo del loro sistema dopaminergico sia alterato.

Nello stesso studio, gli autori sono stati in grado di correggere le modificazioni cerebrali, a livello sia cellulare sia comportamentale, riuscendo a proteggere i piccoli esposti durante la gestazione al THC dai suoi effetti detrimenti con un farmaco che attualmente è approvato dalla agenzia americana del farmaco (la Food and Drug Administration) in diversi studi clinici per il trattamento della schizofrenia, del disturbo bipolare e dei disturbi psichiatrici associati all’uso di cannabis.

L’UNIONE SARDA di sabato 19 ottobre 2019

CULTURA – pagina 50

Cannabis in gravidanza? Bambini a rischio psicosi

Scienze. Importante scoperta dei ricercatori dell’Università di Cagliari

 

L'uso durante la gravidanza della cannabis e l'esposizione al suo principale componente psicoattivo, il Thc, modifica il sistema dopaminergico della prole e la rende suscettibile ai suoi effetti psicotici durante la preadolescenza (fino ai 14 anni circa).

L'importante scoperta di questa correlazione è il frutto di uno studio iniziato nei laboratori del Dipartimento di Scienze biomediche dell'Università di Cagliari nel 2014 e ora pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica internazionale Nature Neuroscience.

Lo studio, coordinato dal professore associato Miriam Melis, ha visto la partecipazione di uno staff di brillanti ricercatori e dottorandi dell'Università di Cagliari (Mauro Congiu, Francesco Traccis, Valeria Serra, Roberto Frau, Paola Devoto, Claudia Sagheddu, oltre al tecnico Pierluigi Saba) e la collaborazione dell'Accademia delle Scienze ungheresi a Budapest e dell'Università del Maryland a Baltimora.

«Negli ultimi quindici anni la percentuale delle donne in gravidanza che fanno uso di cannabis è raddoppiato, attestandosi in Europa fra il 6 e il 12 percento», spiega la professoressa Melis. «Questo è dovuto alla generale sottostima dei suoi effetti negativi - in alcuni stati americani è addirittura prescritta contro le nausee mattutine - quando invece gli studi dimostrano che rispetto ai loro pari i bambini esposti sono iperattivi, disattenti, più impulsivi e più suscettibili alle psicosi. Ricordiamoci che le donne incinte non prendono farmaci e limitano anche la caffeina o il cioccolato, suona davvero paradossale il ricorso a una droga che io non classifico come leggera : per me esiste solo la distinzione fra droghe legali e illegali». Un secondo risultato di grande rilevanza dello studio, portato avanti dai ricercatori di Cagliari su un campione di giovani ratti, è l'individuazione di un farmaco che potrebbe correggere, forse in maniera stabile, le alterazioni del neurosviluppo prodotte dal Tch in gravidanza: si tratta del “pregnenolone”, un ormone approvato dall'Agenzia americana del farmaco, a oggi già in commercio per il trattamento della schizofrenia, del disturbo bipolare e dei disturbi psichiatrici associati all'uso di cannabis.

Luca Mirarchi

L'Unione Sarda
L'Unione Sarda

Link

Ultime notizie

20 novembre 2019

Svoltiamo! Al via l’indagine che promuove  la mobilità sostenibile a Cagliari

Il 20 novembre, il CIREM - Centro Interuniversitario Ricerche Economiche e Mobilità avvia l’indagine Svoltiamo, per conoscere le abitudini di viaggio di dipendenti e studenti dell’Università di Cagliari, una delle diverse azioni previste dal Progetto “SVOLTA - Cagliari per una mobilità intelligente e sostenibile”

19 novembre 2019

La ricerca UniCa protagonista in Italia

In rappresentanza del team del Dipartimento di Scienze della Vita e dell'ambiente che ha firmato lo studio sulla presenza di microplastiche negli scampi e nei gamberi viola pubblicato su Environmental Pollution, Maria Cristina Follesa e Alessandro Cau sono stati ospiti degli studi RAI per una puntata di “Buongiorno Regione Sardegna”, la trasmissione mattutina del TG. Nei giorni scorsi un servizio con le dichiarazioni di Antonio Pusceddu e dello stesso Cau è andato in onda all’interno di “OFFICINA ITALIA”, la prestigiosa rubrica nazionale in onda su RAI3, dopo il rilancio della notizia sui principali quotidiani italiani

19 novembre 2019

Architettura, al via il primo master del paesaggio

Scade il 13 dicembre il termine per iscriversi al percorso formativo dell’Università di Cagliari indispensabile di creare “una figura professionale che opera nel controllo e nella gestione dello sviluppo compatibile e integrato del territorio” dice Giorgio Peghin. Previsti laboratori a Lisbona e Parigi. I lavori hanno il supporto di comune di Carbonia e Fondazione di Sardegna.

18 novembre 2019

Social media, sport e occupazione

Alessandro Lovari, ricercatore di Sociologia dei processi culturali e comunicativi, ospite della TgR RAI Sardegna all’interno di “Buongiorno Regione” con Simone Ariu, social media manager del Cagliari Calcio: al centro dell’intervista, la fortissima sinergia realizzata con la società rossoblù in occasione del centenario con il progetto che coinvolto 70 studenti di UniCa. VIDEO

Questionario e social

Condividi su: