UniCa UniCa News Notizie ISLAMOFOBIA. Ciclo di incontri per 5 giovedì

ISLAMOFOBIA. Ciclo di incontri per 5 giovedì

AVVISO: il workshop previsto per giovedì 5 marzo dalle ore 15:00 alle ore 18:00 È RINVIATO a data da destinarsi per effetto delle disposizioni del Governo nazionale adottate per il contenimento e la gestione dell'emergenza Coronavirus
03 marzo 2020
Sospese tutte le attività didattiche d'Ateneo: rinviata anche la serie di incontri in calendario dal 5 marzo al 2 aprile 2020

Attività culturale e didattica contro la discriminazione, diretta e indiretta

COSTRUIRE PONTI NON MURI. Il 5 marzo si inaugura in Ateneo il ciclo di incontri sul tema dell'islamofobia e delle azioni per contrastarla organizzato con l’associazione “Un ponte per”. Nell’ambito di un progetto finanziato dall’Unione Europea che coinvolge diverse università italiane, coordinano le sessioni Patrizia Manduchi e Nicola Melis, con il patrocinio del Magnifico Rettore e in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia di UniCa. Il primo dei cinque appuntamenti - sempre di giovedì pomeriggio, dalle ore 15 alle 18 nell’aula magna di viale Sant’Ignazio 78 - verrà aperto da Benedetta Sanna (UPP) con l’introduzione agli interventi di Nicola Melis “Riflessioni sull’idea di mondo musulmano” e di Mohamed Hashas, “Islam in Europa, Islamofobia, Islam europeo”

L’iniziativa fa capo al Dipartimento di Scienze politiche e sociali (Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche) dell’Università degli Studi di Cagliari, con le Cattedre di Mondo arabo contemporaneo e di Africa Mediterranea e Vicino Oriente. Coordinamento a cura dei docenti Patrizia Manduchi e Nicola Melis.
 
OBIETTIVI DEL PROGETTO:
 

  • aumentare la consapevolezza dei driver strutturali che normalizzano il sentimento di odio e l’intolleranza anti-musulmani (c.d. «Anti-Muslim hatred and intolerance», AMHI);
  • fornire nuove analisi sull’impatto di policy, leggi, dibattiti politici e messaggi /mediatici (che creano «structural drivers») nei processi di normalizzazione dell’AHMI, supportando le autorità nazionali ed europee nella formulazione ed adozione di best practices basate sui diritti umani;
  • rafforzare la capacità di mobilitazione della società civile attraverso la creazione ed il rafforzamento di reti transnazionali delle società civili europei ed accrescere la cooperazione con le comunità islamiche nazionali;
  • aumentare la generale consapevolezza e resilienza della popolazione ai driver strutturali tramite la diffusione di informazioni e piattaforme online.
Clicca sull'immagine per ingrandire la locandina con il programma del ciclo di incontri all'Università di Cagliari
Clicca sull'immagine per ingrandire la locandina con il programma del ciclo di incontri all'Università di Cagliari

PARTNER ORGANIZZATIVO. Un Ponte Per... (UPP, www.unponteper.it/it), l'associazione di volontariato iscritta all’elenco delle Organizzazioni Non Governative dell’Aics, capofila del progetto internazionale, è nata nel 1991, all’indomani della fine dei bombardamenti sull’Iraq. All’epoca della fondazione il suo scopo era di promuovere iniziative di solidarietà nei confronti della popolazione irachena colpita dalla guerra e dalle sanzioni economiche. Successivamente, l’intervento dell’Organizzazione è stato ampliato ad altri paesi di Medio Oriente, Nord Africa ed Europa versanti in condizioni di emergenza.
Gli attivisti dell’ONG sono dichiaratamente impegnati per la prevenzione di nuovi conflitti armati: a tale scopo operano attraverso attività di advocacy, campagne ed eventi di informazione e approfondimento, scambi culturali, progetti di cooperazione, programmi di peacebuilding e costruzione di reti. UPP considera infatti “indivisibili gli interventi di solidarietà a favore delle popolazioni colpite dalle guerre con l’impegno politico volto a incidere sulle cause scatenanti dei conflitti e la costruzione di legami tra società civili”.

 

(ic)

Il sito Internet dell'Ong è www.unponteper.it
Il sito Internet dell'Ong è www.unponteper.it

Ultime notizie

28 maggio 2020

IntendiMe, tre milioni di euro per la startup del CLab di UniCa

Il sistema KitMe migliora la vita delle persone con sordità e deficit uditivo. L'investimento arriva dai fondi gestiti da Vertis Sgr e Venture Factory. “Un successo che ci inorgoglisce e dà stimolo e ispirazione ai ragazzi che, come Alessandra, Giorgia e Antonio, hanno il sogno di diventare imprenditori" dice Maria Chiara Di Guardo

27 maggio 2020

Coronavirus, il supporto di UniCa all’indagine epidemiologica

Dagli spazi dell’Università di Cagliari partono le telefonate per individuare le persone disponibili al test sierologico e al successivo prelievo venoso. Il ringraziamento dei vertici della Croce Rossa Italiana per la disponibilità mostrata dall’Ateneo

26 maggio 2020

Dal CLab di UniCa al progetto da un milione di euro - Bacfarm sul podio con il brevetto sui carotenoidi

La start up nata nel ContaminationLab dell'ateneo di Cagliari tra le prime cinque in Italia al "Life Science Innovation 2020" per l'idea innovativa sull'estrazione delle biomolecole antiossidanti con formidabili sviluppi in medicina, farmacia, alimentazione. "Sono stati selezionati anche per un modello di business alternativo, efficiente e sostenibile" dice Maria Chiara Di Guardo

26 maggio 2020

Sviluppo sostenibile, al via il percorso-concorso

Mercoledì 27 maggio alle 16 il primo dei quattro incontri organizzati dall’Ateneo per coinvolgere attivamente gli studenti sulle tematiche contenute nell’Agenda ONU 2030. Si inizia con il seminario tenuto da Alessandra Carucci su “Acqua pulita e servizi igienico-sanitari”, seguiranno gli altri tre appuntamenti. Quindi via al contest con premi in denaro per gli studenti e le studentesse che presenteranno un video o un elaborato giornalistico sui temi trattati. TUTTI I DETTAGLI e la RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: