UniCa UniCa News Notizie International Job Meeting, sinergia perfetta tra ateneo e Regione Sardegna

International Job Meeting, sinergia perfetta tra ateneo e Regione Sardegna

L’Assessorato del lavoro guidato da Alessandra Zedda promuove la tre giorni che si tiene dal 28 al 30 gennaio. L’evento avrà per temi centrali creatività, innovazione e cultura interattiva.  Unica in campo con le direzioni Didattica, Ricerca e Innovazione
13 gennaio 2020
Il futuro, tra innovazione e conoscenza nella tre giorni che si tengono al Quartiere fieristico

Mercato del lavoro, inclusione e interattività. Scenari in continua evoluzione in cui l'ateneo del capoluogo gioca da protagonista

Mario Frongia

Un percorso proficuo che incrocia formazione di qualità, innovazione, sinergie con il territorio. Ma anche dinamiche connesse alla didattica e alla progettualità più avanzata, tra ricerca di base e applicata, sono alla base della partecipazione dell’Università di Cagliari all’International Job Meeting. L’adesione dell’ateneo è stata concordata dal rettore Maria Del Zompo con l’assessore regionale al Lavoro, Alessandra Zedda. L’intesa rafforza un percorso costruttivo per i giovani studenti sardi. Con i prorettori Maria Chiara Di Guardo (Innovazione e territorio) e Ignazio Putzu (Didattica) in raccordo con le rispettive direzioni, guidate dai dirigenti Gaetano Melis e Pina Locci, Unica partecipa all’evento che si tiene nel Quartiere fieristico - viale Diaz - da martedì 28 a giovedì 30 gennaio. L’appuntamento riserva una forte attenzione al Salone dello studente (30 gennaio) con attività di orientamento e un'ampia panoramica sulle offerte formative. L’Università di Cagliari ha varie forme di attività in cantiere. È prevista la partecipazione con l'Orientamento in ingresso e il Placement.  In scaletta anche tre seminari, inerenti la scelta del percorso universitario e la creatività, curato dal Crea (Centro servizi d’ateneo per innovazione e imprenditoria)

Da sinistra, Maria Chiara Di Guardo e Maria Del Zompo. Sugli sbocchi occupazionali per i propri laureati l'ateneo gioca una partita speciale
Da sinistra, Maria Chiara Di Guardo e Maria Del Zompo. Sugli sbocchi occupazionali per i propri laureati l'ateneo gioca una partita speciale

Numeri di alto profilo per l'International Job Meeting: previsti oltre diecimila colloqui

L'International Job Meeting 2020 sarà dedicato alla creatività e all'innovazione. Ma il ricco menu prevede dibattiti, conferenze e approfondimenti su “nuove forme d'arte e mezzi di comunicazione, investimenti nella cultura interattiva che mettano in circolo nuove idee anche nel mondo del lavoro. Saranno - rimarca l’assessore regionale Alessandra Zedda - tre giorni ricchi di attività: scambi di esperienze e prospettive internazionali con convegni, laboratori e workshop innovativi, spunti e strumenti verso il cambiamento con i testimonial e le aree espositive oltre a opportunità di incontro tra chi chiede e chi offre lavoro. La partecipazione dell'Università di Cagliari, in particolare modo nell'ambito delle attività dedicate al Salone dello Studente, è particolarmente preziosa”. La manifestazione si candida ad assemblare numeri imponenti: sei convegni, diecimila colloqui, 150 speaker, 100 seminari, 300 imprese spalmati in 160 stand.  

Alessandra Zedda: "Il Meeting è opportunità di incontro tra chi chiede e chi offre lavoro"
Alessandra Zedda: "Il Meeting è opportunità di incontro tra chi chiede e chi offre lavoro"

Connessioni, visione, conoscenza. Più contaminazioni e incroci tra domande e offerte di lavoro

L'International Job Meeting è organizzato dall'Aspal (Agenzia sarda politiche attive lavoro). Incontri e aree tematiche conducono alla nascita di connessioni, conoscenze e scambi preziosi per la vita personale e professionale degli ospiti. Ma non solo.  L'evento sarà sede ideale per creare sinergie e contaminazioni ad ampio raggio anche grazie alla presenza di esperti italiani e stranieri e alla possibilità di candidarsi per annunci di lavoro sia in Italia e all'estero. Il focus delle attività sarà basato su due temi stimolanti e dinamici: creatività e innovazione. Davanti a un mercato del lavoro sempre più aperto al mondo, i lavori creativi uniti alle tecniche digitali più avanzate. rappresentano la nuova frontiera. Cambiano aspirazioni, visioni, prospettive. Dunque, un'occasione di incontro tra chi cerca e chi offre lavoro. Un'area multidisciplinare sarà dedicata alla creatività, fucina di ispirazioni, estro e innovazione, con workshop studiati per migliorarsi e immergersi nei campi dell'illustrazione, della fotografia e dei video. utilizzando la tecnologia come strumento di condivisione immediata e visione per il futuro.

Informazioni: www.internationaljobmeeting.com - www.sardegnalavoro.it ›

Ignazio Putzu. Didattica e orientamento tra i temi centrali per Unica
Ignazio Putzu. Didattica e orientamento tra i temi centrali per Unica

Ultime notizie

21 gennaio 2021

GramsciLab, premiazione delle tesi di laurea

Lunedì 25 gennaio alle 11 il GramsciLab e l'Istituto Gramsci della Sardegna premieranno le migliori tesi di laurea sul tema delle possibili letture analitiche gramsciane di contesti sociopolitici internazionali e sulla traducibilità delle categorie gramsciane in differenti ambiti disciplinari. La cerimonia si svolgerà sulla piattaforma Teams

21 gennaio 2021

Università e recupero sociale, un seminario per i 400 anni di UniCa

Giovedì 21 gennaio alle 17 un nuovo incontro organizzato dalla Facoltà di Studi Umanistici per celebrare i 400 anni dell'Ateneo. L'appuntamento, dal significativo titolo "L’Università e il recupero sociale: dalle carceri alle comunità" sarà coordinato da Cristina Cabras, docente di Psicologia sociale, e vedrà la partecipazione - con il Rettore Maria Del Zompo - di Gianfranco De Gesu, Maurizio Veneziano, Franco Prina, Maria Elena Magrin, Claudia Secci e Don Ettore Cannavera. DIRETTA STREAMING SUI CANALI SOCIAL DELL'ATENEO. RASSEGNA STAMPA

21 gennaio 2021

Rifiuti sui fondali marini, ora è emergenza

Pubblicato sulla rivista "Environmental Research Letters" uno studio che rivela la minaccia nel Mediterraneo. L'allarme arriva da un team di studiosi, tra i quali Alessandro Cau, ricercatore del Dipartimento di Scienze della Vita e dell’Ambiente del nostro Ateneo. Ad elevate profondità, oltre i mille metri, spesso la biomassa pescata con lo strascico (pesci, crostacei, molluschi) è uguale o inferiore a quella dei rifiuti. Indagati dai ricercatori anche i fondali del canyon di Nora e delle Bocche di Bonifacio. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: