UniCa UniCa News Notizie IntendiMe, tre milioni di euro per la startup del CLab di UniCa

IntendiMe, tre milioni di euro per la startup del CLab di UniCa

Il sistema KitMe migliora la vita delle persone con sordità e deficit uditivo. L'investimento arriva dai fondi gestiti da Vertis Sgr e Venture Factory. “Un successo che ci inorgoglisce e dà stimolo e ispirazione ai ragazzi che, come Alessandra, Giorgia e Antonio, hanno il sogno di diventare imprenditori" dice Maria Chiara Di Guardo
28 maggio 2020
Poker d'assi. In alto, Alessandra Farris, Antonio Pinese, Leonardo Buffetti e Giorgia Ambu

Contaminazioni vincenti nell'universo imprenditoriale che studia disabilità e salute

Mario Frongia

Un altro gol di successo con valenza internazionale. IntendiMe - start up, nata nella seconda edizione del ContaminationLab dell’Università di Cagliari - ha chiuso un round A di investimento da due milioni e mezzo di euro con VV3TT (Vertis venture 3 technology transfer), fondo gestito da Vertis Sgr e Venture Factory. Sorta con l’obiettivo di migliorare la vita delle persone sorde e con deficit uditivo, IntendiMe ha brevettato KitMe, un sistema in grado di rilevare qualsiasi suono e vibrazione e riceverne l’avviso in tempo reale, direttamente al proprio polso. Il finanziamento consentirà di gestire il Go To Market di KitMe, incrementare le attività di R&D e potenziare l’organico aziendale. “Il successo di IntendiMe ci rende estremamente orgogliosi ed è da stimolo e ispirazione per i ragazzi che, come Alessandra, Giorgia e Antonio, hanno il sogno di diventare imprenditori. Noi crediamo nella capacità dei nostri studenti di utilizzare sapere e conoscenza per creare imprese competitive. C’è un grande bisogno di esempi positivi soprattutto in momenti difficili come questi” le parole di Maria Chiara Di Guardo, prorettore Innovazione e territorio, Università di Cagliari, e responsabile scientifico CLab di UniCa.
 

Maria Chiara Di Guardo  e Mario Mariani, fondatore di The net value
Maria Chiara Di Guardo e Mario Mariani, fondatore di The net value

Trasferimento tecnologico, competitività e mercati: sfida a tutto campo per i Clabbers dell'ateneo

VV3TT è il primo fondo italiano di investimento interamente destinato a promuovere il trasferimento tecnologico di progetti derivanti dalla ricerca pubblica, finanziato da Cassa depositi e prestiti e Fondo europeo di investimento con la piattaforma ITAtech. Dopo un primo finanziamento del Proof of Concept avvenuto nel febbraio 2019 (75mila euro), un aumento di capitale (500mila euro) nel luglio dello stesso anno e l’ingresso in società dell’incubatore certificato The Net Value di Mario Mariani, lo scorso marzo 2020 IntendiMe ha chiuso un nuovo round di finanziamento (2.300mila euro) con VV3TT. Gli aspetti legali dell’operazione sono stati curati dall’avvocato Massimo Simbula.
 

IntendiMe, quando la cratività fa la differenza
IntendiMe, quando la cratività fa la differenza

IntendiMe, tra intuito e talento. Dalla fucina del CLab di UniCa alla conquista del mondo

Fondata da Alessandra Farris, Giorgia Ambu e Antonio Pinese con il supporto di Leonardo Buffetti, ingegnere elettronico sordo fin dalla nascita, IntendiMe ha sviluppato e brevettato KitMe. La tecnologia è composta da una serie di sensori da applicare alle fonti sonore, da uno smartwatch che riceve le segnalazioni e da una app per la gestione dei dispositivi. “Siamo molto felici di questo traguardo che arriva dopo anni di intenso lavoro, ricerca e prototipazione. Quando si parla di sordità - ha commentato Alessandra Farris - come di qualunque altro deficit sensoriale, il terreno è sempre molto delicato: occorre calarsi completamente nei panni di chi dovrà utilizzare le tecnologie che tutti noi offriamo per far sì che rispondano quanto più possibile alle loro esigenze reali. L'investimento ci aiuta a dare un'accelerata, supportandoci nella fase di go to market di KitMe, prevista entro la fine dell’anno”. La start up è nata nel 2015 dall'incontro tra Alessandra, figlia di genitori sordi, e Giorgia e Antonio, ai quali si è unito Leonardo Buffetti. Il trio ha un motto: “Far suonare un mondo così silenzioso”. In organico aziendale i manager Filippo Lorenzi, Flavio Venturi e Francesco Quartuccio. IntendiMe si muove "nel pieno rispetto dei valori fondanti dell’azienda in materia di inclusione lavorativa e sociale, uguaglianza e accessibilità".

Informazioni. https://www.intendime.com/; https://www.vertis.it/vertis-venture-3-technology-transfer/; www.venturefactory.tech; www.vertis.it; www.thenetvalue.com; www.crea.unica.it

 

L'investimento di circa tre milioni proietta il team cagliaritano su dimensioni di pregio
L'investimento di circa tre milioni proietta il team cagliaritano su dimensioni di pregio

Ultime notizie

30 novembre 2020

Terapia genica della talassemia, una via innovativa

Il team di Paolo Moi sulla strada per la guarigione dalla patologia. La ricerca, unica in Italia e seconda del genere al mondo, è stata pubblicata dalla rivista British Journal of Haematology

30 novembre 2020

Master PIE, iscrizioni aperte

Scade il 15 dicembre alle 12 il termine per iscriversi al Master in "Progettazione Imprenditoriale per l'Innovazione nell'Edilizia" organizzato dal Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura (DICAAR) dell'Università degli Studi di Cagliari con l'ASPAL - Agenzia Sarda per le Politiche Attive del Lavoro, in collaborazione con il Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle Costruzioni e Ambiente Costruito (DABC) del Politecnico di Milano. LEGGI TUTTE LE INFORMAZIONI

30 novembre 2020

Alfonso Damiano eletto presidente del CMAEL

Il docente del Dipartimento di Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica dell'Università di Cagliari è stato eletto presidente dell'Associazione Nazionale Convertitori Macchine e Azionamenti Elettrici, che raggruppa ricercatori e ricercatrici del settore scientifico disciplinare ING-IND/32.

30 novembre 2020

Antibiotico-resistenza, nuovi studi al Dipartimento di Fisica

Pubblicato dalla prestigiosa rivista scientifica internazionale “Nature communications” uno studio firmato da Chiara Fais, Giuliano Malloci, Paolo Ruggerone e Attilio Vargiu con alcuni gruppi di ricerca dell'Università di Birmingham (UK) e del King's College di Londra. Sotto la lente di ingrandimento dei ricercatori del nostro Ateneo il fenomeno che, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, potrebbe causare oltre 10 milioni di morti all’anno entro il 2050

Questionario e social

Condividi su: