UniCa UniCa News Notizie Il diritto di studiare, l'opportunità di capire, l'importanza di conoscere

Il diritto di studiare, l'opportunità di capire, l'importanza di conoscere

Elena Cattaneo, scienziata e senatrice a vita, tra ricerca e innovazione. Dall'aula magna magna Boscolo con oltre trecento studenti alla Fondazione di Sardegna. Tra i temi trattati "La ripresa dopo l'emergenza: il ruolo delle politiche per la ricerca". Ai lavori sono intervenuti anche Michele Simonato, Marco Tamietto, Antonio Musarò, Marco Onorati, Maria Del Zompo, Antonello Cabras ed Elisabetta Cerbai. "Formiamo tanti giovani che poi partono e spendono le loro competenze altrove. Le ragioni? Tante. Ma qui da noi un dottorando guadagna la metà di quel che prende un suo parigrado in Francia" ha spiegato Micaela Morelli
12 giugno 2022
Cagliari. Tra ricerca, innovazione, capitale umano e prospettive

Un confronto di alto profilo sulla conoscenza e sulle opzioni da cogliere per le nuove generazioni

Mario Frongia

La ricerca, tra innovazione e sviluppo. Ma anche le scelte della politica, la disseminazione e la formazione delle nuove generazioni. Con un'ampia riflessione sulle condizioni economiche delle dottorande e dei dottorandi su scala europea. L'aula magna "Alberto Boscolo" - Cittadella universitaria di Monserrato - ha ospitato il convegno "Innovare investendo in ricerca tra opportunità, conoscenza e merito". I lavori, moderati dalle professoresse Micaela Morelli e Maria Del Zompo, hanno trattato di temi attuali e fortemente dibattuti su scala nazionale. Tra i relatori, la scienziata e senatrice a vita Elena Cattaneo (Università Statale, Milano) e gli specialisti Michele Simonato e Marco Tamietto, docenti nelle Università di Ferrara e Torino. La professoressa Cattaneo ha relazionato su "Il diritto di studiare, l'opportunità di capire, l'importanza di conoscere". I professori Simonato (ricercatore anche all'Istituto San Raffaele) e Tamietto, sono intervenuti con le relazioni "Lavorare alla frontiera: cosa insegna la ricerca su staminali e terapia genica per le malattie del cervello" e "Difendere il diritto alla ricerca: il prezzo da pagare e le ragioni per non sottrarsi".  La moderazione è stata curata alle professoresse Del Zompo (già rettrice dell'Università di Cagliari e attuale componente del board dell'Istituto superiore di sanità) e Morelli (già prorettrice alla Ricerca scientifica dell'ateneo del capoluogo regionale). A seguire si è tenuto l'incontro con i relatori. "Bisgona scommettere sul capitale umano e sulla possibilità dei giovani ricercatori di tornare nell'isola" ha rilanciato la professoressa Morelli.


 

 
Monserrato. Straordinaria affluenza di studentesse e studenti all'evento con al centro Innovazione e ricerca
Monserrato. Straordinaria affluenza di studentesse e studenti all'evento con al centro Innovazione e ricerca

La ricerca come motore di sviluppo. Dalla Cittadella universitaria alla Fondazione di Sardegna

"La ripresa dopo l'emergenza: il ruolo delle politiche per la ricerca" è stata la cornice della seconda parte dei lavori. Nel pomeriggio, dalle 17 alle 19, la Fondazione di Sardegna -  via San Salvatore da Horta, n. 2, Cagliari - ha avuto per relatori la professoressa Cattaneo, intervenuta su "C’è una scienza dell’investire in scienza?", i professori Antonio Musarò (Università Sapienza, Roma) e Marco Onorati (Università di Pisa) con "La ricerca scientifica in Italia tra barriere politiche, pregiudizi e opportunità" e "Tornare in Italia: si, ma come?".

Monserrato. Da sinistra, Micaela Morelli ed Elena Cattaneo
Monserrato. Da sinistra, Micaela Morelli ed Elena Cattaneo

Riequilibrare gli stipendi dei dottorandi è in cima alla lista delle priorità

L'evento si è concluso nella sala conferenze della Fondazione con "Scommettere sul capitale umano" a cura della professoressa Elisabetta Cerbai (Università di Firenze). Hanno moderato Antonello Cabras (già presidente del Comitato di indirizzo della Fondazione di Sardegna) e Micaela Morelli. "Formiamo tanti giovani, si investono risorse importanti, poi questi ragazzi vanno fuori a spendere le loro competenze e noi non riusciamo a trattenerle. In altre nazioni - ha aggiunto la professoressa - c'è equilibrio tra quanti partono e quanti rimangono. Le ragioni? Tante ma penso agli stipendi: qui da noi un dottorando guadgana la metà di un suo parigrado in Francia". Ma non è tutto. La farmacologa ha puntualizzato un aspetto: "Nel Pnrr sono previsti investimenti per la ricerca e per i giovani. C'è il desiderio, c'è la volontà politica. Ma non sempre le cose funzionano nel modo giusto, Ad esempio, su questo fronte la Regione fa decisamente poco. In Fondazione abbiamo deciso di sottoporre i progetti da finanziare a valutazioni internazionali. Questo criterio dà garanzia sul merito e la bontà degli stessi". 

Ha collaborato Ivo Cabiddu

Foto di Maksim Krylenko

Cagliari. Una fase dei lavori in Fondazione di Sardegna
Cagliari. Una fase dei lavori in Fondazione di Sardegna

Allegati

Ultime notizie

11 agosto 2022

Dottorati di ricerca, boom delle borse di UniCa

Dalle 77 dell’anno precedente passano a 133 per il XXXVIII ciclo. Il rettore Francesco Mola: “Grande sforzo dell’Ateneo che punta decisamente sui propri giovani, dando loro una straordinaria opportunità di formazione avanzata e di crescita professionale, e sullo sviluppo del territorio, mirando a tematiche di grande urgenza e di alto impatto”

10 agosto 2022

Comunicazione, festoso approfondimento tv dei cinque corsi di laurea presentati al Poetto

La puntata sul successo della festosa, affascinante e inedita presentazione nel Lungomare è andata in onda all'interno di "Panorama sardo - speciale estate". "La cultura va alla città e viceversa" dice Antioco Floris. "Siamo qui per catturare un pubblico sempre più vasto" aggiunge Ester Cois. "Lavoriamo per essere sempre più vicini e inclusivi" rimarca Elisabetta Gola. All'interno il link per la visione

08 agosto 2022

Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Grazie all’accesso ai laboratori dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISPC) parte dell’infrastruttura di ricerca per l’Heritage Science (E-RIHS), gli archeologi dell’Università di Cagliari guidati da Riccardo Cicilloni hanno ottenuto importanti risultati nel sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde in provincia di Oristano

05 agosto 2022

Nasce «The Hadron Academy»

Aperte le iscrizioni al primo dottorato in Italia dedicato allo sviluppo tecnologico e biomedico dell’adroterapia, forma avanzata di radioterapia che utilizza particelle pesanti come protoni e ioni carbonio per trattare i tumori più complessi. Coordinato da Annalisa Bonfiglio, e promosso dal CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, insieme all’Università degli Studi di Cagliari, è aperto a 5 studenti meritevoli a cui saranno assegnate altrettante borse di studio, una delle quali messa a disposizione dal nostro Ateneo. Iscrizioni aperte a medici, fisici medici, biologi, bioingegneri, ingegneri di processo, fisici, giuristi, economisti, filosofi

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie