UniCa UniCa News Notizie In Rettorato la scultura “Harmonia” dell’artista galiziano Luis Loureira

In Rettorato la scultura “Harmonia” dell’artista galiziano Luis Loureira

Al suo rientro dalla Spagna la professoressa Daniela Zizi ha consegnato ufficialmente al Magnifico Rettore l’opera assegnata all’Ateneo in occasione del "Premio Internacional APECSA 2019 de Divulgación do Camiño de Santiago". Prossima una sistemazione definitiva nella Facoltà di Studi umanistici
21 gennaio 2020
Nel video l'intervista a Daniela Zizi e una serie di foto scattate in occasione della consegna del premio in Rettorato

Ivo Cabiddu
 
La scorsa settimana la professoressa Daniela Zizi è stata ricevuta in Rettorato per la consegna ufficiale del premio ricevuto in Spagna a dicembre 2019. Durante il cordiale incontro di venerdì mattina con Maria Del Zompo la docente di Traduzione Spagnola ha avuto modo di informare il Rettore sui positivi sviluppi delle relazioni dell’Ateneo di Cagliari con le istituzioni galiziane, in particolare con l’Università di Santiago di Compostela, annunciando inoltre la prossima visita di una delegazione spagnola per ulteriori progetti di comune interesse.
 

La docente con la scultura "Harmonia" ritirata per UniCa in Spagna
La docente con la scultura "Harmonia" ritirata per UniCa in Spagna

Presentata circa un anno fa a Santiago de Compostela, capoluogo della Comunità autonoma nel nord-ovest della Spagna, la traduzione in italiano del libro di Luís Celeiro “Elías Valiña. El valedor del Camino” (1959-1989) ha portato l'Università degli Studi di Cagliari ad essere recentemente premiata dall’Associazione dei giornalisti e degli studiosi del Cammino di Santiago (vedi precedente notizia su Unica.it).
 

La Asociación de Periodistas e Estudosos do Camiño de Santiago è stata fondata nel 1992

L’edizione 2019, la settima dalla sua istituzione, del "Premio Internacional APECSA 2019 de Divulgación do Camiño de Santiago" ha conferito un doppio riconoscimento, ex-aequo all’Università di Cagliari e all’Università di Santiago de Compostela. Quest’ultima è stata premiata per aver realizzato, durante i corsi estivi della Universidad de Verano, le "Lecciones Internacionales de Jacobeo", organizzate e coordinate dai professori Miguel Taín Guzmán e Domingo L. González Lopo.
 

Santiago di Compostela, dicembre 2019. La premiazione Apecsa per l'ateneo di Cagliari (rappresentato dalla prof.ssa Zizi, delegata) e per l'Università di Santiago (nella foto, a destra, il Rettore Antonio López)
Santiago di Compostela, dicembre 2019. La premiazione Apecsa per l'ateneo di Cagliari (rappresentato dalla prof.ssa Zizi, delegata) e per l'Università di Santiago (nella foto, a destra, il Rettore Antonio López)

Il premio all’Università di Cagliari è stato motivato non solo per l’accuratezza del lavoro di traduzione dal castigliano all’italiano del libro "Elías Valiña. El valedor del Camino (1959-1989)" - che peraltro ha potuto avvalersi della collaborazione da parte dello stesso autore del testo originale, il dottor Luís Celeiro Álvarez - ma anche per l’importanza della divulgazione internazionale del Cammino di Santiago e in generale del fenomeno giacobeo in Italia e in Sardegna in particolare.

Il certificato del "Premio Internacional APECSA 2019 de Divulgación do Camiño de Santiago"
Il certificato del "Premio Internacional APECSA 2019 de Divulgación do Camiño de Santiago"

Soddisfazione del Rettore Maria Del Zompo: "Un ulteriore riconoscimento internazionale che fa onore all'Ateneo di Cagliari. La scultura presto potrà essere giustamente ospitata nella Facoltà di Studi Umanistici"

Nel consegnare la scultura ricevuta in premio - pregevole opera simbolica in metallo smaltato e pietra, del quotato artista Luis Loureira, intitolata “Harmonia” - la professoressa Zizi ha ricordato che l’Ateneo cagliaritano è stato premiato per il lavoro da lei ideato e condotto nell’ambito di un progetto di ricerca a cui hanno contribuito anche dodici studentesse e uno studente del Corso 2016-2017 di Traduzione Spagnola 1 della Laurea Magistrale in Traduzione specialistica dei testi: Alba Manuela Aramu, Giada Atzeni, Maria Delia Barrili, Giulia Carboni, Paola Cherchi, Felice Cuboni, Karen Garau, Alessandra Massei, Alessandra Mattana, Laura Milia, Martina Pani, Maura Piras e Francesca Soddu.
 

Le professoresse Daniela Zizi (a sinistra) e Maria Del Zompo. Il Rettore sfoglia l'edizione del libro "Elías Valiña, il paladino del Cammino", in primo piano la scultura "Harmonia"
Le professoresse Daniela Zizi (a sinistra) e Maria Del Zompo. Il Rettore sfoglia l'edizione del libro "Elías Valiña, il paladino del Cammino", in primo piano la scultura "Harmonia"

Daniela Zizi: “Un lavoro di traduzione reale e non un’esercitazione”

“Grazie al progetto è stata offerta agli studenti universitari l’opportunità di lavorare con materiale reale, per una traduzione effettivamente destinata all’editoria, evitando così l’impiego di testi preparati dal docente e assegnati agli studenti esclusivamente come esercizi traduttologici, esenti da quelle responsabilità che invece sono richieste nel mondo del lavoro. L’interesse è stato di coinvolgere gli studenti in un lavoro che richiedeva serietà e disciplina, allo scopo di promuovere le singole capacità e le abilità nel lavoro di gruppo.”

Il libro tradotto in lingua italiana dall'Università di Cagliari
Il libro tradotto in lingua italiana dall'Università di Cagliari

“La venerazione per l’apostolo Santiago esiste in molti comuni della Sardegna”

“Il lavoro di traduzione svolto dagli studenti sardi" - spiega la professoressa Daniela Zizi - “ha fornito l’occasione perfetta per collegare il culto internazionale per l’apostolo Santiago alla venerazione che per lui esiste in tutta la Sardegna. San Giacomo è infatti patrono di diversi paesi dell’isola, tra cui Goni, Mandas, Perdaxius, Soleminis (Sud Sardegna), Noragugume, Orosei (Nuoro), Nughedu Santa Vittoria, Nuraxinieddu (Oristano), Bantine-Pattada e Ittireddu (Sassari), nei quali san Giacomo è venerato come santo protettore. Nelle varie diocesi sarde si contano inoltre altre diciassette chiese a lui dedicate.”
 

Daniela Zizi con il gruppo di studenti dell'Università di Cagliari in visita al Santuario di O Cebreiro, sul Cammino più famoso al mondo. In primo piano il monumento in ricordo di Don Elías Valiña, "inventore" delle frecce gialle che segnano il percorso
Daniela Zizi con il gruppo di studenti dell'Università di Cagliari in visita al Santuario di O Cebreiro, sul Cammino più famoso al mondo. In primo piano il monumento in ricordo di Don Elías Valiña, "inventore" delle frecce gialle che segnano il percorso

Note tratte dalla prefazione di Daniela Zizi al libro in italiano

La versione italiana del libro "Elías Valiña. El valedor del Camino (1959-1989)" ha almeno due obiettivi fondamentali: uno di carattere accademico e l’altro culturale. Se il primo contempla di portare il mondo dell’editoria all’interno dell’esperienza universitaria, il secondo ha lo scopo di far conoscere – e quindi diffondere – l’importanza, la rilevanza e la trascendenza del Cammino di Santiago tra gli italoparlanti in generale e, in modo specifico nell’isola sarda, per merito di uno dei suoi più emblematici difensori, Elías Valiña, il parroco di O Cebreiro.
 

Foto ricordo del Magnifico Rettore Maria Del Zompo e della professoressa Daniela Zizi con il libro, la scultura e il certificato rilasciato dall'Asociación de Periodistas y Estudiosos del Camino de Santiago
Foto ricordo del Magnifico Rettore Maria Del Zompo e della professoressa Daniela Zizi con il libro, la scultura e il certificato rilasciato dall'Asociación de Periodistas y Estudiosos del Camino de Santiago

La diffusione internazionale del pellegrinaggio giacobeo e l’impatto della figura del “figlio del tuono” in Sardegna, è un probabile prodotto dell’influenza della dominazione spagnola nell’isola – sebbene vi sia un’immagine di San Giacomo con l’abito da pellegrino nella chiesa del castello di Bosa, in provincia di Oristano, datata intorno al 1340 – che si manifesta con tradizioni, culti e produzioni culturali praticamente sconosciuti in Spagna.
 

La targhetta alla base dell'opera di Luis Loureira assegnata in premio all'Ateneo di Cagliari
La targhetta alla base dell'opera di Luis Loureira assegnata in premio all'Ateneo di Cagliari

Traduzione e diffusione, Rotta Giacobea e venerazione a Santiago, rendono merito al vero eroe culturale di questo testo; il pioniere, il difensore, il capitano, il protettore, l’uomo, il sacerdote, l’intellettuale che ha fatto del Cammino l’oggetto sublime e l’obiettivo permanente della sua esistenza: Elías Valiña Sampedro, il paladino del Cammino.
 

cammino.jpg
cammino.jpg

Ultime notizie

22 febbraio 2020

Premio Francovich al sito di Sant'Eulalia

Durante il TourismA nell’auditorium del Palazzo dei Congressi di Firenze, Paul Arthur, professore di Archeologia medievale all’università del Salento e presidente della Società degli Archeologi Medievisti Italiani ha premiato questa mattina il complesso archeologico in cui si sono formate centinaia di studenti di UniCa. Sul palco con la Presidente di Studi umanistici Rossana Martorelli i rappresentanti della riuscitissima alleanza tra istituzioni che ha consentito la riscoperta, la valorizzazione e la tutela del patrimonio culturale sardo. Durante i lavori è stata citata "UniCa&Imprese" come esempio virtuoso di collaborazione tra istituzioni e aziende, mentre Fabio Pinna ha illustrato il modello di intervento partecipato sui beni culturali attuato dal nostro Ateneo negli ultimi anni

22 febbraio 2020

CORONAVIRUS, i comportamenti da seguire

Per favorire una corretta informazione, diffondiamo il vademecum diffuso dal Ministero della Salute e dall'Istituto Superiore di Sanità in merito alla diffusione del virus. Esso contiene l'indicazione dei comportamenti da tenere per evitare il contagio.

21 febbraio 2020

Patrick George Zaky, l’Università di Cagliari al fianco del ricercatore detenuto in Egitto

Oggi Amnesty International, in occasione dell’udienza che si apre domani a Il Cairo, ha tenuto un presidio nella facoltà di Studi umanistici e nella biblioteca del Distretto di Scienze umane. Aperta la raccolta delle firme per chiedere il rilascio del giovane iscritto all’ateneo di Bologna. “È incredibile che situazioni simili possano ancora trovare asilo. Siamo fiduciosi nell’azione dell’Unione Europea e del Governo” dice Maria Del Zompo   

Questionario e social

Condividi su: