UniCa UniCa News Notizie Il ricordo, la memoria

Il ricordo, la memoria

Si è spento il 27 febbraio Harald Weinrich: il nostro Ateneo gli conferì l'8 novembre 2005 la laurea honoris causa in Lingue e Letterature Moderne Euroamericane. Il ricordo di Franca Ortu, già docente di lingua e traduzione tedesca
10 marzo 2022
Harald Weinrich il giorno della laurea honoris causa

All'età di 94 anni si è spento a Münster il 27 febbraio Harald Weinrich, germanista e filologo romanzo, uno dei più grandi linguisti e studiosi di scienze umane, rinomato a livello internazionale, al quale il nostro Ateneo conferì l'8 novembre 2005 la laurea honoris causa in Lingue e Letterature Moderne Euroamericane. Quell'occasione gli dà modo di tornare in Sardegna, dove era stato nel 1958 da giovane libero docente, spinto da una grande curiosità verso la lingua sarda, o meglio, come amava sottolineare, le lingue sarde. Si era proposto infatti di effettuare delle registrazioni sul campo delle parlate locali in Ogliastra, nella zona di Lanusei e Tortolì.

Harald Weinrich nasce il 24 settembre del 1927 a Wismar. Studia romanistica, germanistica, lettere classiche e filosofia prima a Münster, poi a Friburgo e completa la sua formazione in letterature romanze a Tolosa e a Madrid. Nel 1957 consegue la libera docenza in romanistica all’università di Münster con la tesi “Phonologische Studien zur romanischen Sprachgeschichte” pubblicata nel 1958. Negli anni seguenti inizia a prendere forma Tempus. Le funzioni dei tempi nel testo, titolo che indirizza il lettore verso un'opera riconosciuta come fondativa della linguistica testuale. Insoddisfatto dei risultati ottenuti dalla linguistica strutturale, la linguistica testuale rappresenta il tentativo di ripensare l'intera scienza linguistica a partire dal concetto di testo.

Continuerà ad approfondire questi studi che culminano nella prima impostazione di una grammatica del testo per la lingua francese. Nel 1978 cambia settore disciplinare e istituisce a Monaco un nuovo insegnamento Deutsch als Fremdsprache (tedesco per stranieri), restando titolare della relativa cattedra fino al 1992. In questo periodo lavora alla Textgrammatik der deutschen Sprache che uscirà nel 1993. Sarà la grammatica testuale che ancora oggi resta un faro nell'ambito della didattica del tedesco a livello accademico. Dal 1992, dopo il collocamento a riposo è nominato professore emerito all’Università di Monaco e chiamato a ricoprire, come primo straniero, la cattedra di Lingue e Letterature romanze al Collège de France.

Alla diffusione in Italia dell'opera di Weinrich hanno contribuito in modo sostanziale le edizioni del Mulino. Ricordiamo, oltre a Tempus, Metafora e menzogna: la serenità dell'arte, Il tempo stringe, Lete, La lingua bugiarda, Piccole storie sul bene e sul male.

A lui sono riconoscenti i filologi, i letterati, i linguisti, i filosofi. Come dice Montaigne, le più belle anime sono proprio quelle che hanno maggiore varietà e duttilità. Harald Weinrich ha sempre avuto un'irreprimibile inclinazione per la pluralità e anche riguardo al sardo sottolineava che per rendere interessante la nostra isola è necessario far capire che "la diversità linguistica e dialettologica è una ricchezza, una vera risorsa".

Franca Ortu

Ultime notizie

06 luglio 2022

Esperti di logica e filosofia in arrivo a Cagliari da tutto il mondo

Il 22° workshop ‘'Trends in Logic’' si terrà nell’ateneo cagliaritano dal 18 al 20 luglio 2022. L’evento, intitolato '‘Strong & Weak Kleene Logics’', è organizzato dal gruppo di ricerca Alophis del Dipartimento di Pedagogia, Scienze psicologiche e Filosofia in collaborazione con il Dipartimento di Matematica e Informatica. Il professor Roberto Giuntini nel comitato scientifico internazionale che presiede i lavori

04 luglio 2022

UniCa4Ukraine, conclusi i corsi di italiano

Venti cittadine ucraine hanno seguito le lezioni tenute da studentesse e studenti dei corsi di laurea magistrale in Lingue e letterature europee ed americane, Traduzione specialistica dei testi e in Filologie e letterature classiche e moderne. Nei giorni scorsi la consegna degli attestati di partecipazione

30 giugno 2022

STOREM. Giornate di studio internazionale sul tema della sostenibilità legata alle attività turistiche

Giovedì 30 giugno e venerdì 1 luglio il nostro ateneo ospita docenti e ricercatori delle università UNA e UCI del Costa Rica, Eafit della Colombia e, in collegamento, esperti dell'università UWI (Barbados) e Paul Valery (Francia) per due giornate di confronto sul progetto Erasmus+ Cbhe “Storem”. L’incontro del primo luglio è aperto al pubblico, dalle 9,30, nell’Aula 11 del polo universitario di via San Giorgio 12 (Campus Aresu) per gli interventi del professor Mario Socatelli, dell’Universidad para la Coperaticion Internacional (Costa Rica) e, a seguire, del professor Corrado Zoppi, dell’Università di Cagliari, e di Francesca Uleri (Associazione Culturale Terras)

30 giugno 2022

Malattie genetiche, l'Università di Cagliari nel nuovo Centro nazionale di ricerca

L'ateneo è tra i fondatori della struttura sorta per lo “Sviluppo di terapia genica e farmaci con tecnologia a Rna” finanziata dal Pnrr con 320 milioni di euro. Le specialiste Raffaella Origa, referente scientifica, e Patrizia Zavattari, sono le coordinatrici del progetto. Il rettore Francesco Mola: "Abbiamo conferma delle valide e riconosciute competenze del settore acquisite negli anni"  

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie