UniCa UniCa News Notizie Il ricordo, la memoria

Il ricordo, la memoria

I colleghi del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche ricordano Giorgio Ghiglieri, docente di Geologia applicata, scomparso improvvisamente all'età di 58 anni
11 agosto 2021
Giorgio Ghiglieri nel settembre del 2018 in Kenya, durante una delle attività di sensibilizzazione al problema della contaminazione da fluoro delle acque (progetto Flowered)

Il 10 agosto 2021 è scomparso in maniera improvvisa, a neanche 59 anni, il collega Giorgio Ghiglieri, professore ordinario di Geologia applicata presso il Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche di Cagliari.

Dopo aver svolto il suo percorso formativo nell’Università di Cagliari, nel 2001 era diventato ricercatore e quindi professore associato presso il Dipartimento di Agraria dell’Università di Sassari. Nel 2011 era tornato a Cagliari, presso l’allora Dipartimento di Scienze della Terra, per contribuire a rafforzare le discipline più applicative della geologia.

Pochi mesi fa era stato chiamato a ricoprire il ruolo di professore ordinario presso il Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche del nostro Ateneo. Ricopriva anche l’incarico di Coordinatore del Dottorato di ricerca in scienze e tecnologie della Terra e dell'ambiente, dove metteva a servizio dei giovani la sua esperienza, in particolare nell’apertura verso realtà diverse e lontane da quelle abituali.

È stato anche Consigliere dell’Ordine dei Geologi della Sardegna nel quadriennio 2017-21, offrendo il suo contributo allo sviluppo dell’attività professionale del geologo. Oltre alle tematiche tipiche del dissesto idrogeologico, l’idrogeologia è la disciplina che ha sempre costituito il focus principale della sua attività didattica e di ricerca, e in particolar modo gli aspetti legati alla gestione della risorsa acqua ed alla sua vulnerabilità, soprattutto nei paesi in via di sviluppo. Proprio su questi temi ha diretto numerosi progetti di ricerca sia in Sardegna che in Africa, coinvolgendo sempre colleghi e studenti. Particolare il suo amore per l’Africa, cercava sempre di contribuire con le sue ricerche ai bisogni primari delle popolazioni africane, la ricerca e la gestione dell’acqua bene primario, la lotta contro la desertificazione, i progetti per l’irrigazione e recentemente il miglioramento delle condizioni di salute con la mitigazione della contaminazione da fluoro. Queste attività, svolte in Etiopia, Kenya, Tanzania, Tunisia, Algeria, tra gli altri, hanno costituito per lui l’impegno forse più importante, e lo hanno portato a collaborare con ricercatori di diversi paesi, con le diverse realtà amministrative e accademiche, ma anche con alcune organizzazioni non governative.

Bastava entrare nel suo studio e quadri e oggetti vari subito evidenziavano il suo legame con quelle realtà. È così che nel tempo ha costruito un’importante rete di rapporti di ricerca che si è sempre impegnato a coltivare e allargare costruendo gruppi di lavoro internazionali sempre più grandi. E ancora in questi giorni continuava a portare avanti questi progetti con il solito entusiasmo che lo contraddistingueva.  

Ancora troppo giovane lascia un vuoto che è difficile comprendere e che non si può ridurre solo al suo ruolo di docente e ricercatore. La tristezza attonita che accompagna tutti quelli che lo hanno conosciuto è ben descritta dalle parole del collega Aldo Muntoni: "È un peso enorme accettare la perdita di una persona con la quale si è condiviso tanto tempo, lavoro, momenti, una persona nel pieno della maturità, vitale, ricco di idee. Un docente che amava profondamente il suo lavoro". Il ricordo di questa profonda dedizione, di un atteggiamento cortese e di un viso sorridente accompagnerà coloro che l’hanno conosciuto.

I colleghi del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche

Ultime notizie

11 agosto 2022

Dottorati di ricerca, boom delle borse di UniCa

Dalle 77 dell’anno precedente passano a 133 per il XXXVIII ciclo. Il rettore Francesco Mola: “Grande sforzo dell’Ateneo che punta decisamente sui propri giovani, dando loro una straordinaria opportunità di formazione avanzata e di crescita professionale, e sullo sviluppo del territorio, mirando a tematiche di grande urgenza e di alto impatto”

10 agosto 2022

Comunicazione, festoso approfondimento tv dei cinque corsi di laurea presentati al Poetto

La puntata sul successo della festosa, affascinante e inedita presentazione nel Lungomare è andata in onda all'interno di "Panorama sardo - speciale estate". "La cultura va alla città e viceversa" dice Antioco Floris. "Siamo qui per catturare un pubblico sempre più vasto" aggiunge Ester Cois. "Lavoriamo per essere sempre più vicini e inclusivi" rimarca Elisabetta Gola. All'interno il link per la visione

08 agosto 2022

Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Grazie all’accesso ai laboratori dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISPC) parte dell’infrastruttura di ricerca per l’Heritage Science (E-RIHS), gli archeologi dell’Università di Cagliari guidati da Riccardo Cicilloni hanno ottenuto importanti risultati nel sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde in provincia di Oristano

05 agosto 2022

Nasce «The Hadron Academy»

Aperte le iscrizioni al primo dottorato in Italia dedicato allo sviluppo tecnologico e biomedico dell’adroterapia, forma avanzata di radioterapia che utilizza particelle pesanti come protoni e ioni carbonio per trattare i tumori più complessi. Coordinato da Annalisa Bonfiglio, e promosso dal CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, insieme all’Università degli Studi di Cagliari, è aperto a 5 studenti meritevoli a cui saranno assegnate altrettante borse di studio, una delle quali messa a disposizione dal nostro Ateneo. Iscrizioni aperte a medici, fisici medici, biologi, bioingegneri, ingegneri di processo, fisici, giuristi, economisti, filosofi

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie