UniCa UniCa News Notizie Il ricordo, la memoria

Il ricordo, la memoria

Ci ha lasciati all’età di 90 anni Luigi Concas. Per quaranta anni è stato semplicemente “il professore”, autorevole, severo, certamente difficile, tuttavia amato sia dagli studenti, sia dai colleghi, sia dal personale amministrativo che per lui in genere aveva una autentica venerazione
25 luglio 2021
Luigi Concas

Con la scomparsa di Concas, per certi versi si chiude il periodo aureo dei grandi giuristi della scuola cagliaritana, iniziato con la rinascita post bellica che ebbe l’apice negli anni sessanta

Luigi Concas ci ha lasciati il 25 luglio scorso, all’età di 90 anni. Era nato a Pola nel 1931. Ingegno assai precoce, divenne giovanissimo - e per esame, sottolineo - avvocato cassazionista (non semplicemente procuratore legale, come accadeva sempre).

La sua carriera forense è nota a chiunque e non è il caso di dilungarsi. Certamente godeva di una fama universale; per quaranta anni dominò il foro cagliaritano, ma la sua autorevolezza lo precedeva praticamente ovunque, e non mancano i testimoni oculari di quanta autorevolezza godesse a Roma davanti alla Suprema Corte di Cassazione.

Qui, tuttavia, va sottolineato il contributo accademico di Luigi Concas. Era un giurista di altri tempi e atipico, scevro da logiche di apparentamento accademico per gruppi o per scuole. Padrone del diritto penale, rifuggiva il dogmatismo, possedeva un pensiero assolutamente originale. Dotato di una cultura rara, i suoi inizi accademici si rinvengono – si pensi – nella storia del diritto, settore ove si rese autore anche di alcune giovanili pubblicazioni collaborando sia con Ennio Cortese sia con Mario Talamanca. Nel diritto penale, fu influenzato da Alessandro Malinverni, che insegnò a Cagliari dal 1956 al 1961, e da Marco Boscarelli, a Cagliari come straordinario nel 1965. Per quaranta anni Concas fu semplicemente “il professore”, autorevole, severo, certamente difficile, tuttavia amato sia dagli studenti, sia dai colleghi, sia dal personale amministrativo che per lui in genere aveva una autentica venerazione.

Concas era un professore di una università molto diversa da quella attuale. Non ha lasciato un numero elevato di pubblicazioni (sebbene sia doveroso ricordare ad es. la voce enciclopedica Scriminanti, in Noviss. Dig. It., Torino 1960, pag. 796), ma ogni sua lezione era realmente un saggio a sé stante. Anche successivamente al pensionamento, il professore era infatti gettonatissimo da tutte le scuole post lauream. Con la scomparsa di Concas, per certi versi si chiude il periodo aureo dei grandi giuristi della scuola cagliaritana, iniziato con la rinascita post bellica che ebbe l’apice negli anni sessanta (basti ricordare i grandi romanisti Antonio Masi, Mario Talamanca e Carlo Augusto Cannata, il privatista Vincenzo Buonocore, la crescita dei docenti locali Angelo Luminoso e Antonio Basciu, quest’ultimo purtroppo prematuramente scomparso negli anni ottanta del secolo scorso). Egli apparteneva a una generazione di studiosi notevoli, che va purtroppo a scomparire, della vecchia Facoltà di giurisprudenza cagliaritana. Era senza dubbio una persona assai particolare e come suol dirsi “non facile”. Sprigionava autorevolezza, non amava i modi sciatti e il facile “darsi del tu”, sebbene in tanti e in più occasioni hanno potuto sperimentare la sua carica umana non comune.

Cristiano Cicero

Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza

Ultime notizie

19 maggio 2022

Unica&Imprese, al via l’Agrifood edition 2022

Tecnologie e applicazioni avanzate, prodotti, processi, promozione e commercializzazione. Il confronto tra ricercatori e imprese del territorio coinvolte nell’agroalimentare in Sardegna. “L’Università di Cagliari è da anni impegnata a promuovere e alimentare il processo di produzione di valore fungendo da motore di sviluppo e generatore di innovazione del settore” dice Fabrizio Pilo. Le iscrizioni all’evento del Crea si chiudono il 10 giugno. All'interno il link per formalizzare l'adesione

19 maggio 2022

Il Premio La Marmora a Beppe Severgnini

L’Aula Magna di Palazzo Belgrano ha ospitato la consegna del riconoscimento al giornalista del Corriere della Sera e scrittore, assegnato dai cinque Rotary Club di Cagliari. L’amore per la nostra terra nelle parole del premiato: “Molti sedicenti amici della Sardegna in realtà non la conoscono. Se facessimo un esame a quanti sbarcano nell’Isola, forse staremmo tutti un po’ più larghi”. Quindi l’analisi: “In corso una periferizzazione del pianeta. Chi ha già vissuto in periferia sa già come fare, per questo avete grandi potenzialità”

19 maggio 2022

Amazon Women in Innovation, assegnata la borsa di studio

E' Giorgia Orofino, studentessa nel corso di Ingegneria elettrica, elettronica e informatica, la vincitrice della selezione promossa per il secondo anno dalla multinazionale in collaborazione con l'Università degli Studi di Cagliari. L'iniziativa fa parte del programma Amazon nella Comunità, creato per incentivare e aiutare le giovani donne a intraprendere un percorso di studi e a soddisfare la propria ambizione di lavorare nel settore dell’innovazione e della tecnologia. RASSEGNA STAMPA

18 maggio 2022

Ricerca, quattro dipartimenti dell’Università di Cagliari al top in Italia

Giurisprudenza, Ingegneria elettrica ed elettronica, Matematica e Informatica, Scienze politiche e sociali hanno superato la prima selezione e sono in corsa per entrare nella lista dei 180 Dipartimenti di eccellenza. Confermato il trend positivo dei risultati ottenuti sulla VQR. L’orgoglio dell’Ateneo nelle parole del Rettore Francesco Mola: “Risultato importante e incoraggiante”. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: