UniCa UniCa News Notizie Il recupero delle ceneri da combustione del carbone

Il recupero delle ceneri da combustione del carbone

Venerdì 29 novembre dalle 9 nell’Aula magna di Ingegneria in via Marengo incontro di presentazione dei primi risultati del progetto TESTARE (TEcnologie e STrumenti di cARatterizzazione e gestione avanzata dell’ambientE), coordinato da Giovanni De Giudici. Organizza il Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche dell’Università di Cagliari, in collaborazione con CRS4 e SOTACARBO
27 novembre 2019
Il logo del progetto TESTARE

Il progetto TESTARE è finanziato da Sardegna Ricerche e ha l’obiettivo di realizzare un kit di strumenti per la gestione dell’ambiente, attraverso la valutazione degli impatti delle attività industriali

Sergio Nuvoli

Cagliari, 27 novembre 2019 - Venerdì 29 novembre, dalle 9 nell’aula magna della Facoltà di Ingegneria di Cagliari (via Marengo, 2) il Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche dell’Università di Cagliari, in collaborazione con CRS4 e SOTACARBO, organizza un primo incontro di presentazione dei risultati del progetto “TESTARE - TEcnologie e STrumenti di cARatterizzazione e gestione avanzata dell’ambientE”, dal titolo “Valorizzazione delle ceneri volanti da combustione del carbone”.

L’incontro riguarderà il possibile riuso delle ceneri volanti derivanti dalla combustione di carbone, abbancate all’interno dell’impianto Carbosulcis (2 milioni di metri cubi), che al momento vengono marginalmente riutilizzate nel campo dei calcestruzzi, ma che potrebbero avere un larghissimo impiego all’interno delle infrastrutture di trasporto, oltre che per la conversione della CO2 e per la formazione di inerti granulati utili, questi ultimi, nel settore delle costruzioni.

Il progetto TESTARE è finanziato da Sardegna Ricerche e ha l’obiettivo di realizzare un kit di strumenti per la gestione dell’ambiente, attraverso la valutazione degli impatti delle attività industriali, l’utilizzo di tecnologie per la valorizzazione delle scorie e l’eliminazione degli inquinanti. Attraverso questo progetto si intende cercare di comprendere come combinare lo sfruttamento delle risorse e la protezione dell’ambiente, applicando strumenti innovativi dal punto di vista del processo, servizio e prodotto, che offrono la migliore sostenibilità ambientale ed economica, utilizzando soluzioni allo stato dell’arte per recuperare i suoli degradati e riutilizzare i materiali residuali.

Informazioni sul progetto

TESTARE è coordinato dal prof. Giovanni De Giudici ed è uno dei 35 progetti collaborativi finanziato da Sardegna Ricerche, attraverso il programma “azioni cluster top-down”, nell’ambito del POR FESR Sardegna 2014-2020. I progetti cluster sono attività di trasferimento tecnologico condotte da organismi di ricerca pubblici con l’attiva collaborazione di gruppi di piccole e medie imprese del settore o di settori affini, per risolvere problemi condivisi e portare sul mercato le innovazioni sviluppate nei laboratori.

Come per tutti i progetti cluster, anche per TESTARE vale il principio della “porta aperta”: tutte le imprese del settore interessate a partecipare possono entrare a far parte del progetto in qualsiasi momento.

Per maggiori informazioni e per entrare a far parte del cluster: http://s.crs4.it/Eg

Giovanni De Giudici
Giovanni De Giudici

Allegati

Ultime notizie

30 giugno 2022

STOREM. Giornate di studio internazionale sul tema della sostenibilità legata alle attività turistiche

Giovedì 30 giugno e venerdì 1 luglio il nostro ateneo ospita docenti e ricercatori delle università UNA e UCI del Costa Rica, Eafit della Colombia e, in collegamento, esperti dell'università UWI (Barbados) e Paul Valery (Francia) per due giornate di confronto sul progetto Erasmus+ Cbhe “Storem”. L’incontro del primo luglio è aperto al pubblico, dalle 9,30, nell’Aula 11 del polo universitario di via San Giorgio 12 (Campus Aresu) per gli interventi del professor Mario Socatelli, dell’Universidad para la Coperaticion Internacional (Costa Rica) e, a seguire, del professor Corrado Zoppi, dell’Università di Cagliari, e di Francesca Uleri (Associazione Culturale Terras)

30 giugno 2022

Malattie genetiche, l'Università di Cagliari nel nuovo Centro nazionale di ricerca

L'ateneo è tra i fondatori della struttura sorta per lo “Sviluppo di terapia genica e farmaci con tecnologia a Rna” finanziata dal Pnrr con 320 milioni di euro. Le specialiste Raffaella Origa, referente scientifica, e Patrizia Zavattari, sono le coordinatrici del progetto. Il rettore Francesco Mola: "Abbiamo conferma delle valide e riconosciute competenze del settore acquisite negli anni"  

28 giugno 2022

Raccontare la ricerca: adesioni entro il 4 luglio per la SHARPER Night 2022

Data e sede sono già confermate: si terrà venerdì 30 settembre 2022 nell’Orto botanico di Cagliari la nuova edizione di SHARPER Night, iniziativa inserita nel contesto europeo delle European Researchers’ night. Fino al prossimo lunedì 4 luglio ricercatrici e ricercatori dell'Ateneo potranno inviare le proprie proposte per organizzare eventi, conversazioni, podcast e laboratori collegati all’iniziativa.

Questionario e social

Condividi su: