UniCa UniCa News Notizie Il country americano di Kristina Jacobsen, alla scoperta dei punti di contatto tra la cultura Navajo e la tradizione sarda

Il country americano di Kristina Jacobsen, alla scoperta dei punti di contatto tra la cultura Navajo e la tradizione sarda

DIALOGO PUBBLICO E CONCERTO DAL VIVO IN AULA MOTZO. Mercoledì 27 novembre alle 17,30 il professor Ignazio Macchiarella, direttore del Laboratorio interdisciplinare sulla musica (Labimus), presenta a Sa Duchessa il progetto di ricerca “Sing Me Back Home”, della cantautrice e borsista Fulbright proveniente dall'Università del New Mexico (USA), Visiting Researcher del Dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali dell’Università di Cagliari. L’appuntamento, che sarà introdotto dal Prorettore alla Didattica Ignazio Putzu, è aperto a tutti con invito particolare agli studenti del corso di laurea magistrale in Musica e comunicazione interculturale
27 novembre 2019
L’invito di Ignazio Macchiarella e Kristina Jacobsen alla conferenza del 27 novembre a Sa Duchessa

Sabato, 23 novembre 2019
Ivo Cabiddu

 
Studiosa di musica popolare, etnografia, antropologia culturale e linguistica, Kristina Jacobsen vanta una formazione accademica ed esperienze professionali di grande respiro internazionale, tali da essere premiate, riconosciute e definite quale “modello forte di lavoro etnografico etico e sensibile”.


CONFERENZA DEL 27 NOVEMBRE. L’evento, in programma nell’aula magna “Motzo” a Sa Duchessa, prevede una prima parte di “dialogo” tra Kristina Jacobsen e il professor Ignazio Macchiarella, preceduta dall’introduzione e dai saluti istituzionali del professor Ignazio Putzu, Prorettore alla Didattica di UniCa. La conversazione sarà dedicata a presentare il programma di ricerca Sing Me Back Home: Songwriting, Language Reclamation and Italian Colonialism in Sardinia. L’inizio è fissato alle 17,30, mentre la seconda parte, dalle 18,15 circa, offrirà un concerto dal vivo con le canzoni e ballate della Jacobsen, a cui seguirà il dibattito finale, aperto alle domande dei presenti e agli interventi conclusivi.

A fondo pagina una serie di link sulle produzioni artistiche e professionali di Kristina Jacobsen, borsista Fulbright
A fondo pagina una serie di link sulle produzioni artistiche e professionali di Kristina Jacobsen, borsista Fulbright

IGNAZIO MACCHIARELLA: “La professoressa Jacobsen è una studiosa particolarmente valida e conosciuta, soprattutto per i suoi studi sulla cultura del popolo Navajo. Da circa tre anni sta lavorando ad un importante progetto di ricerca in Sardegna, attualmente grazie ad una borsa Fulbright, che verrà presentato pubblicamente il prossimo 27 novembre. Per chi lavora nell’Isola, la collaborazione con una specialista così competente, che arriva dall’altra parte dell’oceano e che utilizza metodologie innovative, assai diverse da quelle usuali, componendo e facendo musica in prima persona, assicura uno scambio di esperienze molto interessante, non solo per chi studia l’etnomusicologia, in ambito universitario e non, ma in generale anche per tutti gli appassionati di cultura sarda. L’invito per mercoledì prossimo è quindi esteso a tutti”.

Ignazio Macchiarella (Università degli Studi di Cagliari) e la collega statunitense Kristina Jacobsen (The University of New Mexico)
Ignazio Macchiarella (Università degli Studi di Cagliari) e la collega statunitense Kristina Jacobsen (The University of New Mexico)

PRESENTAZIONE RICERCA FULBRIGHT A CAGLIARI. A riguardo degli studi che sta conducendo in Sardegna, la prof.ssa Jacobsen spiega che “La ricerca Sing Me Back Home, attraverso le canzoni originali, intende esplorare come i musicisti sardi negoziano il loro passato coloniale e il loro presente postcoloniale. In particolare, questo studio etnografico vuole utilizzare l'apprendimento della lingua sarda e la co-scrittura di canzoni con interlocutori isolani come finestra utile per scoprire il modo con cui le ideologie del potere coloniale vengono riprese, contrastate o interpretate in forma creativa”. “Utilizzando un approccio metodologico innovativo, non solo di osservazione ma anche di partecipazione musicale e linguistica” – precisa ancora la docente americana – “si può contribuire in modo attivo, sia teoricamente che metodologicamente, all'antropologia culturale e linguistica, esaminando lo stigma e il recupero linguistico, come dimostrato dall'uso del linguaggio nella vita sociale”.
Anticipando le tesi che verranno presentate nel corso della conferenza di mercoledì 27 e considerando in modo nuovo la lingua sarda e tutta la musica americana country (roots): “Come dimostrato da vari studiosi, i cambiamenti delle lingue non avvengono in periodi di vuoto sociopolitico e l'eredità vissuta dei colonialismi multipli si esprime e si rivela sempre nelle storie, sia parlate che cantate. Così, in questa terra la parola e la canzone originale offrono occasioni uniche di indagine nell'interazione tra il continente colonizzatore e la Sardegna colonia. Allo stesso modo si è arricchita la musica americana, quale luogo di trasduzione in cui, grazie ai processi di composizione, registrazione e performance, è dimostrato che l'energia di un genere musicale, culturale e linguistico di un contesto pur lontano può servire per segnare l’evoluzione di un altro mondo, molto più vicino a casa”.

ANNO SABBATICO A CAGLIARI. Professoressa associata di Etnomusicologia, e Antropologia (Etnologia) dell'Università del New Mexico (USA), Kristina Jacobsen è attualmente all’Università degli Studi di Cagliari (Facoltà di Studi umanistici) per un periodo di studio, ricerca e insegnamento, quale Visiting Researcher & Fulbright Scholar, grazie al Programma Fulbright “Con il sud” 2019/2020. Per le sue attività nell’ateneo cagliaritano è inserita nel Gruppo di ricerca e lavoro guidato dal professor Ignazio Macchiarella, Ordinario di Etnomusicologia e Direttore del Laboratorio interdisciplinare sulla musica (Labimus, http://sites.unica.it/labimus/) del Dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali (docente dei corsi triennali “Etnomusicologia e musiche popolari contemporanee” e “Civiltà musicali del Mediterraneo” e del corso di laurea magistrale “Musica e comunicazione interculturale”).

Appuntamento ad ingresso libero, con un particolare invito agli studenti universitari del corso di laurea magistrale in Musica e comunicazione interculturale
Appuntamento ad ingresso libero, con un particolare invito agli studenti universitari del corso di laurea magistrale in Musica e comunicazione interculturale

CANTAUTRICE ITINERANTE, Kristina Jacobsen è autrice e interprete (singer songwriter) di diverse raccolte e collaborazioni artistiche che riprendono e declinano i diversi stili della musica country americana, anche in abbinamento a lingue e temi culturali di altre nazioni. Il suo album più recente da solista, intitolato Shelter (2019), presenta canzoni scritte nei periodi trascorsi in diversi Paesi, come Danimarca, Norvegia, Nazione Navajo e Sardegna. La sua presenza nella nostra isola nasce in particolare dall’amore, nato alcuni anni fa, per questa regione italiana - in cui ritrova analogie storiche e sociali della Nazione Navajo - ed è legata all’attuale progetto etnografico, sostenuto da una borsa di studio Fulbright e da un premio della Wenner-Gren Foundation for Anthropological Research, che si concentra su musica country, songwriting e recupero linguistico.

Specialista di musica country americana, etnografa e antropologa culturale e linguistica, Kristina Jacobsen fino a marzo 2020 all'Università di Cagliari grazie ad una borsa di studio e ricerca "Fulbright"
Specialista di musica country americana, etnografa e antropologa culturale e linguistica, Kristina Jacobsen fino a marzo 2020 all'Università di Cagliari grazie ad una borsa di studio e ricerca "Fulbright"

FORMAZIONE. Nata nel Massachusetts, laureata in Musica e Storia, Kristina Jacobsen ha conseguito il PhD in Antropologia Culturale alla Duke University (Durham, Nord Carolina), il MPhil in Etnomusicologia alla Columbia University (New York) e il Master in Etnomusicologia all'Arizona State University (Phoenix). Ha inoltre frequentato corsi all’Università del Vermont (Burlington), all’Università di Bergen (Norvegia), a Chicago e all’Istituto delle Arti “Alessandro Vittoria” di Trento.  Esperta di musica country e di cultura e tradizioni della tribù Navajo (diné, nella loro lingua), nonché lei stessa cantautrice molto nota ed apprezzata, la Jacobsen ha via via allargato il suo interesse scientifico in campo etnologico alla musica e al canto etnico-popolare, alla storia e alla cultura di diverse regioni e nazioni del mondo, quindi alla loro conoscenza e comparazione. Docente e relatrice in diversi atenei USA ed europei, è autrice non solo musicale ma anche di numerosi articoli e pubblicazioni. Nel 2018 ha ricevuto il Woody Guthrie Book Award dall'International Association for the Study of Popular Music (IASPM-US) per il suo libro “The Sound of Navajo Country: Music, Language and Diné Belonging” (2017, University of North Carolina Press), ritenuto nella motivazione “il più importante della musica popolare”.

POLIGLOTTA. Oltre alla lingua madre, la professoressa Jacobsen parla fluentemente in Italiano, Spagnolo, Navajo e Norvegese, frutto dei vari periodi trascorsi all’estero per studio, ricerca o docenza nelle diverse nazioni. Al momento si interessa all’apprendimento della lingua sarda e allo studio dei suoi significati e valori identitari, reconditi e intrinsechi, legati ai periodi di passata dominazione.

Ascolta l'audio del brano "I don't wanna smile", tratto dall'album "Shelter" (2019) di Kristina Jacobsen

INFO

Ignazio Macchiarella
Professore ordinario di Etnomusicologia
 
Università degli Studi di Cagliari - Facoltà di Studi umanistici
Dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali
Sa Duchessa, via Is Mirrionis, 1, 09124 Cagliari - Studio 78, III piano
email: macchiarella@unica.it  - tel. 070/675-7806

Kristina Jacobsen
Professore Associato / Visiting Researcher

The University of New Mexico
College of Fine Arts - Department of Music
1 University of New Mexico, Albuquerque, NM 87131-0001 (505) 277-1829
email: kristinajacobsen@gmail.com
 
Universitá degli Studi di Cagliari
Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali,
Facoltá di Studi Umanistici
Sa Duchessa, via Is Mirrionis 1 - Studio n° 78 (3°p.) - tel. +39 377.3877673

La locandina dell'evento del 27 novembre in Aula Motzo, a Sa Duchessa (via Is Mirrionis 1, secondo piano edificio centrale)
La locandina dell'evento del 27 novembre in Aula Motzo, a Sa Duchessa (via Is Mirrionis 1, secondo piano edificio centrale)

Link

Ultime notizie

08 agosto 2020

Dona il tuo 5x1000 all'Ateneo di Cagliari

Per sostenere la ricerca in Sardegna e il lavoro dei nostri giovani studenti e ricercatori, nella dichiarazione dei redditi firma nel riquadro “Finanziamento agli enti della ricerca scientifica e dell’università” indicando il numero di codice fiscale 80019600965

04 agosto 2020

Cardiologia, odontoiatria e cardiochirurgia assieme per una comunicazione efficace

Il Consensus maturato sull’iniziativa dei docenti dell’Università di Cagliari, Elisabetta Cotti e Giuseppe Mercuro. “Lo screening dentale preoperatorio sui pazienti in attesa di interventi chirurgici cardiovascolari elettivi” è la cornice del percorso condiviso dalle principali Società scientifiche del settore

04 agosto 2020

AD ADIUVANDUM, UniCa c’è

L’Università di Cagliari a pieno titolo nella cordata di enti e istituzioni che intendono avviare un’azione di tutela della salute nell’ambito dell’emergenza sanitaria da COVID-19: il primo passo sarà l’avvio di uno screening sugli studenti e sul personale docente e tecnico-amministrativo dell’Ateneo, anche al fine di prevenire nuovi focolai del virus. Si comincerà dalla Facoltà di Medicina e chirurgia. E’ quanto comunicato questa mattina da Maria Del Zompo, Rettore di UniCa, e Francesco Marongiu, Prorettore per le attività sanitarie dell’Ateneo, a Maria Antonietta Mongiu, coordinatrice della rete alla base dell’iniziativa. RASSEGNA STAMPA

03 agosto 2020

Le tecnologie di CentraLabs e il simulatore dell’AC75

Ricerca, scienze nautiche, professionalità. Nei laboratori della Cittadella universitaria di Monserrato l’innovativa classe di imbarcazioni, ideata per partecipare alla 36^ edizione dell’America’s Cup presented by Prada. L’intesa tra gli ingegneri coordinati da Paolo Fadda e 3D Aerospazio di Antonio Depau

Questionario e social

Condividi su: