UniCa UniCa News Notizie Giustizia smart, in campo l’Università di Cagliari

Giustizia smart, in campo l’Università di Cagliari

Coinvolge i docenti di tre dipartimenti dell’Ateneo del capoluogo sardo uno dei sei macro-progetti ammessi al finanziamento dalla Direzione generale per il Coordinamento delle politiche di coesione del Ministero della Giustizia nell’ambito del bando per “la diffusione dell’Ufficio per il Processo e l’implementazione di modelli operativi innovativi negli uffici giudiziari per lo smaltimento dell’arretrato”. In campo Giurisprudenza, Scienze economiche e aziendali e Ingegneria elettrica ed elettronica. RASSEGNA STAMPA
20 gennaio 2022
Il Palazzo di Giustizia di Cagliari

Il progetto che impegna i docenti di UniCa rientra in un investimento di oltre 51 milioni che coinvolge complessivamente 57 atenei italiani per avviare un’attività in raccordo tra le università e gli uffici giudiziari dei territori e con il Ministero

Sergio Nuvoli

Cagliari, 20 gennaio 2022 - C’è anche l’Università di Cagliari tra i partner di “Giustizia Smart: Strumenti e modelli per ottimizzare il lavoro dei giudici – JustSmart”, uno dei sei macro-progetti ammessi al finanziamento dalla Direzione generale per il Coordinamento delle politiche di coesione del Ministero della Giustizia nell’ambito del bando per “la diffusione dell’Ufficio per il Processo e l’implementazione di modelli operativi innovativi negli uffici giudiziari per lo smaltimento dell’arretrato”.

Si tratta di un investimento di oltre 51 milioni che coinvolge complessivamente 57 atenei italiani per avviare un’attività in stretto raccordo tra le università beneficiarie e gli uffici giudiziari dei territori e con il Ministero della Giustizia.

Il progetto ‘JustSmart’ – di cui l’Università di Palermo è capofila nell’ambito di un partenariato che coinvolge, oltre a quello cagliaritano, anche gli atenei di Catania, Messina, e Sassari – riguarda i tribunali e le Corti d’Appello dei distretti giudiziari di Cagliari, Caltanissetta, Catania, Messina e Palermo e mira all’elaborazione di un modello operativo dell’Ufficio per il Processo negli uffici giudiziari interessati.

L'ingresso dei locali del Dipartimento di Giurisprudenza, in viale Sant'Ignazio a Cagliari
L'ingresso dei locali del Dipartimento di Giurisprudenza, in viale Sant'Ignazio a Cagliari

Il gruppo di lavoro di UniCa coordinato da Silvia Izzo è composto da Alessandro Spano (DSEA), Luigi Atzori (DIEE), Ilenia Ruggiu, Maria Francesca Cortesi e Cristiano Cicero (Giurisprudenza)

“E’ una grande soddisfazione aver ottenuto questo finanziamento in partnership con l’Ateneo sassarese e quello palermitano – commenta Cristiano Cicero, direttore del Dipartimento di Giurisprudenza - Il progetto permetterà, anche in collaborazione con gli uffici giudiziari del nostro territorio, lo svolgimento di una ricerca applicata fondamentale per lo smaltimento dell’arretrato giudiziario e per migliorare, nel suo complesso, il servizio reso ai cittadini”.

Più nel dettaglio, nell’ambito della macroarea Isole (che comprende Sardegna e Sicilia), i Dipartimenti di Giurisprudenza (soggetto coordinatore), di Ingegneria elettrica ed elettronica e di Scienze economiche ed aziendali dell’Ateneo cagliaritano, sono risultati vincitori di un finanziamento che ammonta a circa € 1.100.000, ottenuto grazie alla partecipazione al bando di rilievo nazionale “per la diffusione dell’Ufficio per il Processo e l’implementazione di modelli operativi innovativi negli uffici giudiziari per lo smaltimento dell’arretrato”.

Il gruppo di lavoro dell’ateneo cagliaritano che si occuperà di sviluppare il progetto è coordinato dalla prof.ssa Silvia Izzo e costituito dal prof. Alessandro Spano per il Dipartimento di Scienze economiche ed aziendali, dal prof. Luigi Atzori per il Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica, dalle professoresse Ilenia Ruggiu, Maria Francesca Cortesi e dal prof. Cristiano Cicero per il Dipartimento di Giurisprudenza.

Grazie al progetto gli atenei coinvolti in ‘JustSmart’ potranno bandire assegni e borse di ricerca per oltre 5 milioni di euro complessivi.

Silvia Izzo, la docente di Diritto processuale civile coordinerà il gruppo di lavoro di UniCa nell'ambito del progetto
Silvia Izzo, la docente di Diritto processuale civile coordinerà il gruppo di lavoro di UniCa nell'ambito del progetto

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 21 gennaio 2022

Cagliari - pagina 17

Ateneo. Modelli innovativi e smaltimento dell'arretrato

Giustizia smart, progetto dell'Università

C'è anche l'Università tra i partner di di "Giustizia Smart: Strumenti e modelli per ottimizzare il lavoro dei giudici-JustSmart", uno dei sei macro-progetti ammessi al finanziamento dalla Direzione generale per il Coordinamento delle politiche di coesione del ministero della Giustizia nell'ambito del bando per "la diffusione dell'Ufficio per il Processo e l'implementazione di modelli operativi innovativi negli uffici giudiziari per lo smaltimento dell'arretrato". Si tratta di un investimento di oltre 51 milioni che coinvolge complessivamente 57 atenei italiani per avviare un'attività in stretto raccordo tra le università beneficiarie e gli uffici giudiziari dei territori e con il ministero della Giustizia. Il progetto "JustSmart'" riguarda i tribunali e le Corti d'Appello dei distretti giudiziari di Cagliari, Caltanissetta, Catania, Messina e Palermo. Il gruppo di lavoro dell'ateneo cagliaritano che svilupperà il progetto è coordinato dalla docente Silvia Izzo e costituito da Alessandro Spano per il Dipartimento di Scienze economiche ed aziendali, Luigi Atzori per Ingegneria elettrica ed elettronica, da Ilenia Ruggiu, Maria Francesca Cortesi e Cristiano Cicero per Giurisprudenza.li atenei coinvolti potranno bandire assegni e borse di ricerca per oltre 5 milioni di euro. 

L'articolo su L'Unione Sarda del 21 gennaio 2022 a pagina 17
L'articolo su L'Unione Sarda del 21 gennaio 2022 a pagina 17

Link

Ultime notizie

19 maggio 2022

Unica&Imprese, al via l’Agrifood edition 2022

Tecnologie e applicazioni avanzate, prodotti, processi, promozione e commercializzazione. Il confronto tra ricercatori e imprese del territorio coinvolte nell’agroalimentare in Sardegna. “L’Università di Cagliari è da anni impegnata a promuovere e alimentare il processo di produzione di valore fungendo da motore di sviluppo e generatore di innovazione del settore” dice Fabrizio Pilo. Le iscrizioni all’evento del Crea si chiudono il 10 giugno. All'interno il link per formalizzare l'adesione

18 maggio 2022

Ricerca, quattro dipartimenti dell’Università di Cagliari al top in Italia

Giurisprudenza, Ingegneria elettrica ed elettronica, Matematica e Informatica, Scienze politiche e sociali hanno superato la prima selezione e sono in corsa per entrare nella lista dei 180 Dipartimenti di eccellenza. Confermato il trend positivo dei risultati ottenuti sulla VQR. L’orgoglio dell’Ateneo nelle parole del Rettore Francesco Mola: “Risultato importante e incoraggiante”. RASSEGNA STAMPA

17 maggio 2022

Dottorato di ricerca, e poi? Le tante prospettive per il post-doc

IL 24 MAGGIO IN DIRETTA WEB. Grazie agli interventi di molti ex studenti di UniCa, oggi affermati professionisti in diversi contesti lavorativi di ottimo livello, che racconteranno la loro esperienza di successo, l’incontro ‘’Dottorato di ricerca: quale futuro "oltre" l'accademia?’’ permetterà di evidenziare le molteplici opportunità occupazionali al di fuori del mondo accademico. Organizzato dalla Consulta dei Coordinatori dei corsi di dottorato, presieduta dal professor Giuseppe Sergioli, l’evento sarà preceduto dagli interventi del magnifico rettore Mola e dei prorettori Putzu, Colombo e Carucci. COLLEGAMENTO SU TEAMS DALLE 15,30

17 maggio 2022

UniCa sempre più cardioprotetta

Un nuovo defibrillatore installato nella sede della Scuola di Architettura, alla presenza del Prorettore alla Didattica, del Direttore del DICAAR e della vicepresidente della Facoltà di Ingegneria e Architettura. L’apparecchio donato dall’associazione Luca Noli si aggiunge a quelli già presenti in vari punti dell’Ateneo. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: