UniCa UniCa News Notizie FARE I TITOLI: LE PAROLE GIUSTE PER DIRLO

FARE I TITOLI: LE PAROLE GIUSTE PER DIRLO

Per una narrazione corretta tra dovere/diritto di cronaca ed etica dell’informazione: corso di formazione lunedì 25 novembre nell'Aula Motzo di Sa Duchessa in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Organizzano l’Ordine dei Giornalisti della Sardegna e Giulia Giornaliste in collaborazione con il Dipartimento di Pedagogia, psicologia, filosofia e la Facoltà di Studi Umanistici. Apre i lavori Maria Del Zompo, Rettore di UniCa, intervengono i docenti Massimo Arcangeli, Cristina Cabras, Elisabetta Gola. L'iniziativa inserita nel programma di UniCa "25 novembre tutto l'anno"
22 novembre 2019
Fare i titoli: un dettaglio della locandina

Sergio Nuvoli

Cagliari, 20 novembre 2019 - Giulia giornaliste e l’Ordine dei Giornalisti della Sardegna, in collaborazione con la Facoltà di Studi Umanistici, Dipartimento di Pedagogia, psicologia, filosofia dell’Università di Cagliari, in occasione della “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”, organizzano il 25 novembre il corso di formazione (e informazione) “Fare i titoli: le parole giuste per dirlo”. Il corso, aperto a tutti, è inserito nel programma dell’Università di Cagliari “25 novembre tutto l’anno”.

L'iniziativa si terrà nell’Aula Motzo della Facoltà di Studi Umanistici (a Sa Duchessa), e per la sua complessità si sviluppa per tutta la giornata (mattina e pomeriggio) e riconosce ai giornalisti che partecipano 10 crediti formativi deontologici. È prevista inoltre la partecipazione straordinaria delle due artiste Lucido Sottile (Michela Sale Musio e Tiziana Troja). Un’attività seminariale che si propone di aprire una riflessione sulle modalità di composizione di titoli e occhielli in particolare collegati ad una narrazione su temi sensibili come minori, migranti, LGBT, violenza di genere, femminicidi, discriminazioni, abusi. Temi che necessitano di un’attenzione speciale non solo per garantire una cronaca reale ma anche per assicurare che l’informazione eserciti il ruolo che le è riconosciuto di responsabilità sociale, culturale e pedagogica.

Scarica la locandina completa dell'iniziativa
Scarica la locandina completa dell'iniziativa

La mattina dalle 10 alle 13 si succederanno gli interventi dei diversi relatori, mentre nel pomeriggio dalle 15 alle 17 si svolgeranno i gruppi di lavoro per mettere in pratica concetti, suggerimenti, informazioni e conoscenze acquisite nella sessione teorica.

Attraverso un confronto pluridisciplinare, si valuteranno le modalità d’incontro tra la composizione di un titolo accattivante, interessante ma sempre realistico, e l’esigenza di evitare le trappole del sensazionalismo, dei pregiudizi, degli stereotipi, della superficialità e del sessismo.

Durante la giornata si farà un bilancio sull’attuazione, a due anni dalla sua nascita, del Manifesto di Venezia che impegna giornaliste e giornalisti ad una informazione corretta, rispettosa e consapevole della violenza di genere. Tanto è stato fatto anche attraverso i corsi di formazione ma non è ancora sufficiente. Basta tornare indietro di pochi mesi alle cronache sul femminicidio di Elisa Pomarelli accaduto a Piacenza: un racconto pieno zeppo di stereotipi e pregiudizi, in palese violazione del Manifesto di Venezia. 

Maria Del Zompo con Francesco Mola, Prorettore vicario e Presidente del Comitato Unico di Garanzia dell'Ateneo (foto di Francesco Cogotti)
Maria Del Zompo con Francesco Mola, Prorettore vicario e Presidente del Comitato Unico di Garanzia dell'Ateneo (foto di Francesco Cogotti)

Ultime notizie

30 giugno 2022

STOREM. Giornate di studio internazionale sul tema della sostenibilità legata alle attività turistiche

Giovedì 30 giugno e venerdì 1 luglio il nostro ateneo ospita docenti e ricercatori delle università UNA e UCI del Costa Rica, Eafit della Colombia e, in collegamento, esperti dell'università UWI (Barbados) e Paul Valery (Francia) per due giornate di confronto sul progetto Erasmus+ Cbhe “Storem”. L’incontro del primo luglio è aperto al pubblico, dalle 9,30, nell’Aula 11 del polo universitario di via San Giorgio 12 (Campus Aresu) per gli interventi del professor Mario Socatelli, dell’Universidad para la Coperaticion Internacional (Costa Rica) e, a seguire, del professor Corrado Zoppi, dell’Università di Cagliari, e di Francesca Uleri (Associazione Culturale Terras)

30 giugno 2022

Malattie genetiche, l'Università di Cagliari nel nuovo Centro nazionale di ricerca

L'ateneo è tra i fondatori della struttura sorta per lo “Sviluppo di terapia genica e farmaci con tecnologia a Rna” finanziata dal Pnrr con 320 milioni di euro. Le specialiste Raffaella Origa, referente scientifica, e Patrizia Zavattari, sono le coordinatrici del progetto. Il rettore Francesco Mola: "Abbiamo conferma delle valide e riconosciute competenze del settore acquisite negli anni"  

28 giugno 2022

Raccontare la ricerca: adesioni entro il 4 luglio per la SHARPER Night 2022

Data e sede sono già confermate: si terrà venerdì 30 settembre 2022 nell’Orto botanico di Cagliari la nuova edizione di SHARPER Night, iniziativa inserita nel contesto europeo delle European Researchers’ night. Fino al prossimo lunedì 4 luglio ricercatrici e ricercatori dell'Ateneo potranno inviare le proprie proposte per organizzare eventi, conversazioni, podcast e laboratori collegati all’iniziativa.

Questionario e social

Condividi su: