UniCa UniCa News Notizie Diecimila anni fa il Sahara era abitato da pescatori

Diecimila anni fa il Sahara era abitato da pescatori

C’è anche Guido Stefano Mariani, ricercatore al Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell’Università di Cagliari, nel team che ha firmato su Plos One l’importante scoperta: “Quello che noi conosciamo come deserto era all’epoca una distesa verde attraversata da fiumi e laghi, in cui le popolazioni umane mangiavano in abbondanza pesce”. Tutti i dettagli
02 marzo 2020
Tracce di antichi laghi che 10000 anni fa occupavano il Sahara (credit: Missione Archeologica nel Sahara, Università di Roma La Sapienza)

Una collaborazione Italia-Belgio ha scoperto che, a partire da 10mila anni fa, il Sahara era una distesa verde attraversata da fiumi e laghi, in cui le popolazioni umane mangiavano in abbondanza pesce

Sergio Nuvoli

Cagliari, 2 marzo 2020 - C’è anche un ricercatore dell’Università di Cagliari nel team che ha firmato sulla rivista scientifica internazionale Plos One lo studio compiuto da una collaborazione Italia-Belgio che ha scoperto che, a partire da 10mila anni fa, il Sahara era una distesa verde attraversata da fiumi e laghi, in cui le popolazioni umane mangiavano in abbondanza pesce. Si tratta di Guido Stefano Mariani, del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell’Università di Cagliari.

“Nel riparo Takarkori, nel Sahara libico, uno scavo archeologico coordinato all’Università di Roma La Sapienza ha esaminato i resti animali nel periodo tra 10.200 e 4650 anni fa – spiega il ricercatore -  Da queste analisi si vede come le specie acquatiche rappresentino la maggioranza dei ritrovamenti, a dimostrazione che le comunità umane nell’area conducessero importanti attività di pesca come strategia di sussistenza”.

Guido Stefano Mariani è ricercatore al Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche
Guido Stefano Mariani è ricercatore al Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche

Nel periodo studiato, le popolazioni sahariane sono passate da una economia basata sulla pesca a diffuse pratiche di caccia, dimostrando grandi capacità di adattamento e di resilienza ai cambiamenti climatici

Queste andarono progressivamente a diminuire col passare del tempo: l’aumento dei resti di mammiferi a discapito delle specie di pesci, più rari e di dimensioni minori, indica il passaggio verso condizioni più aride e la graduale scomparsa del reticolo di fiumi e laghi che occupavano il Sahara nel passato. In questo periodo le popolazioni sahariane sono passate da una economia basata sulla pesca a diffuse pratiche di caccia, dimostrando grandi capacità di adattamento e di resilienza ai cambiamenti climatici.

Guido Stefano Mariani è ricercatore al Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche dell’Università di Cagliari. I suoi studi indagano i cambiamenti climatici e le variazioni del paesaggio nel passato, con particolare attenzione al rapporto tra l’uomo e il territorio durante i periodi di crisi ambientale

Ricostruzione dell’antico reticolo di fiumi che solcava il Sahara con l'indicazione della posizione di Takarkori  (credit: Missione Archeologica nel Sahara, Università di Roma La Sapienza)
Ricostruzione dell’antico reticolo di fiumi che solcava il Sahara con l'indicazione della posizione di Takarkori (credit: Missione Archeologica nel Sahara, Università di Roma La Sapienza)

Tutti gli autori della scoperta

Wim Van Neer

Royal Belgian Institute of Natural Sciences, Brussels, Belgium

Laboratory of Biodiversity and Evolutionary Genomics, University of Leuven, Leuven, Belgium

Francesca Alhaique

Bioarchaeology Service, Museo delle Civiltà, Roma, Italy

Wim Wouters

Operational Direction Earth and History of Life, Royal Belgian Institute of Natural Sciences, Brussels, Belgium

Katrien Dierickx

Laboratory of Biodiversity and Evolutionary Genomics, University of Leuven, Leuven, Belgium

Monica Gala

Bioarchaeology Service, Museo delle Civiltà, Roma, Italy

Quentin Goffette

Operational Direction Earth and History of Life, Royal Belgian Institute of Natural Sciences, Brussels, Belgium

Guido S. Mariani

Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche, Università degli Studi di Cagliari, Monserrato, Italy

Andrea Zerboni

Dipartimento di Scienze della Terra “A. Desio”, Università degli Studi di Milano, Milano, Italy

Savino di Lernia

Dipartimento Scienze dell’Antichità, Sapienza Università di Roma, Roma, Italy,

School of Geography, Archaeology and Environmental Studies, University of the Witwatersrand, Johannesburg, South Africa

Sito archeologico di Takarkori, Tadrart Acacus, Sahara centrale (credit: Missione Archeologica nel Sahara, Università di Roma La Sapienza)
Sito archeologico di Takarkori, Tadrart Acacus, Sahara centrale (credit: Missione Archeologica nel Sahara, Università di Roma La Sapienza)

Ultime notizie

28 maggio 2020

IntendiMe, tre milioni di euro per la startup del CLab di UniCa

Il sistema KitMe migliora la vita delle persone con sordità e deficit uditivo. L'investimento arriva dai fondi gestiti da Vertis Sgr e Venture Factory. “Un successo che ci inorgoglisce e dà stimolo e ispirazione ai ragazzi che, come Alessandra, Giorgia e Antonio, hanno il sogno di diventare imprenditori" dice Maria Chiara Di Guardo

27 maggio 2020

Coronavirus, il supporto di UniCa all’indagine epidemiologica

Dagli spazi dell’Università di Cagliari partono le telefonate per individuare le persone disponibili al test sierologico e al successivo prelievo venoso. Il ringraziamento dei vertici della Croce Rossa Italiana per la disponibilità mostrata dall’Ateneo

26 maggio 2020

Dal CLab di UniCa al progetto da un milione di euro - Bacfarm sul podio con il brevetto sui carotenoidi

La start up nata nel ContaminationLab dell'ateneo di Cagliari tra le prime cinque in Italia al "Life Science Innovation 2020" per l'idea innovativa sull'estrazione delle biomolecole antiossidanti con formidabili sviluppi in medicina, farmacia, alimentazione. "Sono stati selezionati anche per un modello di business alternativo, efficiente e sostenibile" dice Maria Chiara Di Guardo

26 maggio 2020

Sviluppo sostenibile, al via il percorso-concorso

Mercoledì 27 maggio alle 16 il primo dei quattro incontri organizzati dall’Ateneo per coinvolgere attivamente gli studenti sulle tematiche contenute nell’Agenda ONU 2030. Si inizia con il seminario tenuto da Alessandra Carucci su “Acqua pulita e servizi igienico-sanitari”, seguiranno gli altri tre appuntamenti. Quindi via al contest con premi in denaro per gli studenti e le studentesse che presenteranno un video o un elaborato giornalistico sui temi trattati. TUTTI I DETTAGLI e la RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: