UniCa UniCa News Notizie CyberBullismo e adolescenti: tecniche sofisticate di prevenzione dai ricercatori dell’Università di Cagliari

CyberBullismo e adolescenti: tecniche sofisticate di prevenzione dai ricercatori dell’Università di Cagliari

Il progetto impegna gli specialisti del Diee con gli atenei di Napoli, Bari e Foggia. “Lavoriamo su un prototipo per osservare soggetti da videocamera, in modo da non identificare i singoli ma di fornire informazioni per segnalare, su modelli comportamentali codificati, anomalie, violenze o panico” spiega Gian Luca Marcialis
08 marzo 2021
La lotta e la prevenzione al Cuberbullismo passa anche dal Dipartimento di ingegneria elettrica ed elettronica

Un problema attuale, dibattuto, vergognoso tra violenze, intimidazioni e paura

Mario Frongia

Un tema costante per una fetta di quotidianità degli adolescenti. Una piaga con ripercussioni sociali ed esperenziali. “La Giornata internazionale contro le discriminazioni, celebrata il 1° marzo, ha ricordato i gravi danni arrecati da posizioni che possono sfociare in aggressioni verbali e fisiche. Bullismo e cyberbullismo rientrano tra le forme di violenza discriminatoria” spiega Gian Luca Marcialis. Docente al Diee, lo specialista e il suo tema si occupano da anni della questione. “Parliamo di una grave piaga sociale, diffuse nelle scuole e al di fuori, con la massiccia adozione dei dispositivi mobili che fa superare qualsiasi barriera fisica. Anche la diffusione del Covid non ha impedito episodi molto gravi, tali da far pensare che il bullismo non sia più solo associabile a un’attività condotta da minori contro i loro coetanei, ma anche dagli adulti nei confronti di loro simili, con drammatiche ripercussioni sulla vita delle vittime”.

Da sinistra, Gian Luca Marcialis (responsabile Unità Biometria del PraLab) e Fabio Roli  (responsabile PraLab del Diee)
Da sinistra, Gian Luca Marcialis (responsabile Unità Biometria del PraLab) e Fabio Roli (responsabile PraLab del Diee)

Una ricerca trasversale, meticolosa e su più fronti

“BullyBuster - A framework for bullying and cyberbullying action detection by computer vision and artificial intelligence methods and algorithms” è finanziato dal bando del 2017 (Prin-Progetti rilevante interesse nazionale). Ha per obiettivo “integrare differenti tipologie di analisi per poter investigare il problema da più punti di vista: analisi delle immagini volta a rilevare specifiche azioni di bullismo sulla base dei movimenti della folla intorno alla vittima, e, ove possibile della sua espressione facciale o eventuali falsificazioni. L'analisi testuale si focalizza sul riconoscimento di parole e frasi tipiche adoperate dai bulli e, infine, l’analisi comportamentale rileva la dinamicità della pressione dei tasti al fine di identificare “pattern” comportamentali”. Sono all’opera gruppi di quattro università diretti dai professori Donatella Curtotti (Foggia), Donato Impedovo (Bari), Gian Luca Marcialis (Cagliari) e Carlo Sansone (Napoli “Federico II”, capofila).

Il Bully_team cagliaritano, dall'alto al centro in senso orario: Gian Luca Marcialis, Marco Micheletto, Davide Ghiani, Sara   Concas, Carlo Cuccu, Andrea Panzino, Roberto Casula, Giulia Orrù
Il Bully_team cagliaritano, dall'alto al centro in senso orario: Gian Luca Marcialis, Marco Micheletto, Davide Ghiani, Sara Concas, Carlo Cuccu, Andrea Panzino, Roberto Casula, Giulia Orrù

Eventi anomali e artefatti video, studi e investigazioni a 360 gradi

L’unità del Diee (Dipartimento ingegneria elettrica ed elettronica, ateneo di Cagliari) ha sviluppato un prototipo per l’osservazione di gruppi di soggetti da videocamera, disposte in modo da non poter identificare i singoli ma in grado di fornire sufficienti informazioni per segnalare, in base a modelli comportamentali opportunamente codificati, degli eventi anomali come episodi di violenza o panico. “Stiamo implementando sistemi di rilevamento di artefatti video che i bulli potrebbero utilizzare per molestare/minacciare la vittima copiandone il volto in filmati offensivi, a causa del proliferare di app per telefonini che, potenzialmente, lo permettono. Recenti indagini mostrano che più della metà degli adolescenti hanno sofferto di atti di bullismo mentre una percentuale tra il 10 e il 20 lo sperimenta regolarmente. In questo scenario – precisa il professor Marcialis – ci siamo spinti ad investigare nuove e più sofisticate tecniche per la prevenzione di atti di bullismo”.  

Stop al bullo (immagine tratta da avvenire.it)
Stop al bullo (immagine tratta da avvenire.it)

Letteratura scientifica, smartphone e comportamenti: i pregiati lavori di quattro atenei del Sud

L’unità di Napoli Federico II ha evidenziato aspetti importanti per la prevenzione di bullismo e cyberbullismo (analisi combinata di immagini e testo, e delle keystroke dynamics). I ricercatori di Bari investigano su tecniche in grado di rilevare il modo in cui l'utente interagisce con lo smartphone mentre svolge azioni abitudinarie quali inviare messaggi, scorrere video, visitare pagine, digitare. I risultati mostrano come sia di fatto possibile individuare alcuni stati di disagio connessi a bullismo o cyberbullismo, come ansia e depressione. È in corso l’analisi di contenuti sensibili, immagini o video di molestia. L’unità di Foggia ha predisposto filmati e questionari per i ragazzi utili a focalizzare i comportamenti dei bulli. Il metodo - approvato dal Comitato etico scientifico dell’Associazione degli psicologi - costituisce un nuovo approccio nel raccogliere informazioni interattive. I prodotti della ricerca sono stati preparati nel rispetto della riservatezza degli individui e delle famiglie. I lavori procedono in collaborazione di alcune scuole in cui si farà conoscere il progetto per poi richiedere la collaborazione attiva nei volontari con un processo di video/chat che fornirà delle indicazioni realistiche e indispensabili per poter correggere o modulare le risposte dei prototipi sviluppati. Grazie ai ragazzi, BullyBuster sarà uno strumento interattivo utile per capire: 1) cosa accade nella loro vita online; 2) che livello di rischio hanno di subire molestie e minacce online che possono limitare libertà e diminuire la qualità della vita; 3) il contributo sarà utile a stimare in che misura i loro comportamenti nella vita reale e in internet li pongono a rischio di agire o subire le prepotenze online. Successivamente, le tre unità tecnologiche sottoporranno a test i propri software. Infine, ci sarà la combinazione dei singoli contributi in un’unica applicazione che possa essere utilizzata a scopo di meccanismo deterrente/repressivo (come sistemi di videosorveglianza intelligente) e preventivo con sistemi di rilevamento dello stato emotivo dell’utente e di rilevamento di azioni o contenuti pericolosi (frasi minacciose o immagini o video contraffatti come deep fake).

Informazioni e risorse. Il video spiega il sistema sviluppato dal Diee di Unica https://youtu.be/J86MKbP80kw

http://www.bullybuster.unina.it/ 

 

 

Lotta al bullsimo (foto tratta da cri-mappano.it)
Lotta al bullsimo (foto tratta da cri-mappano.it)

Ultime notizie

31 agosto 2021

UniCa apre le iscrizioni: scegli il tuo percorso

Per il nuovo anno accademico 40 corsi di laurea triennali, 6 corsi di laurea magistrale a ciclo unico e 37 corsi di laurea magistrale. Quest'anno si arricchisce l'offerta, anche in lingua inglese e con validità internazionale, per chi si immatricola per la prima volta e per chi prosegue gli studi a Cagliari. Tutte le novità, le informazioni sui test di selezione, le agevolazioni sulle tasse e i link ai corsi di studio delle nostre facoltà

31 luglio 2021

Corso ‘’ESCAPE GAME CHALLENGE’’ e mobilità in Francia – PREAVVISO PER GLI STUDENTI

Per 24 iscritti dell’Università di Cagliari l’opportunità di essere ammessi al corso europeo EDUC di lingua inglese in modalità virtuale, con partecipazione a giochi di squadra insieme ai colleghi di Rennes e di Masayrik-Brno. Una settimana in Francia a febbraio 2022 per i migliori sei studenti finalisti di ogni ateneo. Su Unica.it il BANDO DI SELEZIONE ONLINE DAL 9 AGOSTO

30 luglio 2021

DONA IL TUO 5x1000 ALL'ATENEO DI CAGLIARI

Per sostenere la ricerca in Sardegna e il lavoro dei nostri giovani studenti e ricercatori, nella dichiarazione dei redditi firma nel riquadro “Finanziamento agli enti della ricerca scientifica e dell’università” indicando il numero di codice fiscale 80019600925

27 luglio 2021

Stato, regioni e sindacato nella disciplina del lavoro alle dipendenze delle autonomie regionali

Enrico Mastinu, docente di Diritto del lavoro, firma la nuova pubblicazione della collana del Dipartimento di Giurisprudenza: al centro dell’accurato lavoro di ricerca, il tema delle potestà legislative regionali in materia di pubblico impiego e un bilancio critico dei primi vent'anni di applicazione della riforma del titolo V della Costituzione in questo campo

Questionario e social

Condividi su: