UniCa UniCa News Notizie COVID-19, anche i chimici di UniCa al lavoro

COVID-19, anche i chimici di UniCa al lavoro

Un progetto di ricerca coordinato da Massimiliano Arca (Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche) studierà le proprietà dei complessi di oro come Auranofin: per farlo ha ottenuto l’utilizzo di MARCONI100, il nuovissimo server di supercalcolo del CINECA inaugurato di recente e dedicato alla ricerca di soluzioni contro la pandemia. Si tratta del nono più potente supercomputer a livello mondiale. RASSEGNA STAMPA
24 luglio 2020
Anna Pintus e Enrico Podda sono i giovani ricercatori coinvolti nel progetto coordinato da Massimiliano Arca

Non solo clinici e virologi coinvolti nella lotta alla pandemia: in campo anche i chimici. Nel progetto anche Maria Carla Aragoni, Vito Lippolis, Claudia Caltagirone, Anna Pintus e Enrico Podda, docenti e ricercatori del Dipartimento guidato da Rosa Cidu

Sergio Nuvoli

Cagliari, 22 luglio 2020 - Utilizzare gli strumenti della chimica computazionale per studiare complessi di oro, come Auranofin, attivo contro il virus SARS-CoV-2 e immediatamente utilizzabile in quanto già largamente impiegato contro l’artrite reumatoide e quali antivirale. È l’obiettivo del progetto di ricerca “Gold(I/III) metal-drugs in the treatment of covid-19 pandemic” (AuCovid), coordinato dal professor Massimiliano Arca, con la partecipazione di Maria Carla Aragoni, Vito Lippolis, Claudia Caltagirone e di Anna Pintus e Enrico Podda, docenti e ricercatori del Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche dell’Università degli Studi di Cagliari.

Per portare avanti le attività previste, sarà decisivo il supporto – ottenuto dai ricercatori dell’Ateneo cagliaritano – di SCAI (SuperComputer Applications and Innovation), il dipartimento di calcolo ad alte prestazioni del CINECA, il Consorzio interuniversitario per il calcolo automatico, nell’ambito dell’Italian SuperComputer Resource Allocation (ISCRA).

Massimiliano Arca, docente del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche, coordina il progetto
Massimiliano Arca, docente del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche, coordina il progetto

MARCONI100 è attualmente al nono posto nella top500 tra i supercomputer più potenti al mondo, al secondo posto in Europa e al primo in Italia

Al progetto è stato assegnato inizialmente un budget di 30mila ore sul nuovissimo server di supercalcolo MARCONI100, inaugurato di recente e dedicato alla ricerca di soluzioni contro la pandemia da COVID-19. Si tratta di un sistema basato sulla combinazione dei processori IBM Power9 e delle GPU Nvidia Tensore Core V100, con una potenza di picco di circa 32 Pflop/s, che lo inserisce fra i supercomputer più potenti al mondo (al nono posto nella top500 mondiale, al secondo posto in Europa e al primo in Italia).

L’utilizzo di questo tipo di macchine consente di eseguire in poco tempo calcoli di grandissima complessità e di verificare un altissimo numero di molecole per l’obiettivo individuato dai ricercatori: “In questi giorni – spiega il professor Arca - sto verificando con il team di CINECA se questa sia in realtà la macchina più adatta per i nostri calcoli e ho chiesto di spostare almeno parte del monte ore su Galileo, un supercomputer su cui possono girare più agevolmente i codici necessari ai calcoli computazionali di nostro interesse”.

Un'immagine di MARCONI100, il nuovissimo server di supercalcolo
Un'immagine di MARCONI100, il nuovissimo server di supercalcolo

Si tratta di un’attività già oggetto di recenti pubblicazioni su riviste internazionali quali “ACS Inorganic Chemistry”, “Journal of Inorganic Biochemistry” e recentemente “Molecules”

Il progetto si inquadra in una più estesa attività di ricerca sperimentale, condotta dal gruppo di Arca grazie alle collaborazioni pluriennali con Maria Agostina Cinellu ed Antonio Zucca, docenti del Dipartimento di Chimica e Farmacia dell’Università degli Studi di Sassari, e di Germano Orrù del Dipartimento di Scienze Chirurgiche di Cagliari. Un’attività già oggetto di recenti pubblicazioni su riviste internazionali quali “ACS Inorganic Chemistry”, “Journal of Inorganic Biochemistry” e recentemente “Molecules”, e che prevede la sintesi di nuovi complessi metallici e lo studio della loro applicazione quali farmaci antimicrobici e antitumorali.

Si tratta di un importante riconoscimento da parte del Dipartimento di calcolo ad alte prestazioni del CINECA della capacità progettuale del team di Chimica Inorganica Computazionale dell’Università di Cagliari, che si aggiunge ad altri progetti, alcuni dei quali, come quello sperimentale e teorico sulla sintesi di composti inorganici per il restauro e consolidamento di materiali lapidei di interesse storico-archeologico, hanno trovato spazio negli ultimi anni anche sui media nazionali.

Una parte dei laboratori in cui opera il team guidato dal professor Arca
Una parte dei laboratori in cui opera il team guidato dal professor Arca

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA - giovedì 23 luglio 2020

Cagliari - pagina 17

Università

Atomi d'oro contro il Covid-19

Complessi chimici dell'oro contro il Covid-19. È lo studio che sta portando avanti l'Università di Cagliari in un progetto di ricerca coordinato da Massimiliano Arca, docente del dipartimento di Scienze chimiche e geologiche.
Gli esperti studieranno le proprietà dei complessi dell'oro (come Auranofin, già utilizzato contro l'artrite e come antivirale) e lo faranno con il nuovissimo server di supercalcolo, “Marconi100”, del Consorzio interuniversitario per il calcolo automatico, inaugurato di recente e dedicato alla ricerca di soluzione contro la pandemia.
«Utilizzare gli strumenti della chimica computazionale per studiare complessi di oro, come Auranofin, attivo contro il virus Sars-CoV-2 e immediatamente utilizzabile in quanto già largamente impiegato contro l'artrite reumatoide e come antivirale. Questo l'obiettivo della ricerca», spiegano dall'Università.

L'articolo su L'Unione Sarda di giovedì 23 luglio 2020 a pagina 17
L'articolo su L'Unione Sarda di giovedì 23 luglio 2020 a pagina 17

Link

Ultime notizie

08 agosto 2020

Dona il tuo 5x1000 all'Ateneo di Cagliari

Per sostenere la ricerca in Sardegna e il lavoro dei nostri giovani studenti e ricercatori, nella dichiarazione dei redditi firma nel riquadro “Finanziamento agli enti della ricerca scientifica e dell’università” indicando il numero di codice fiscale 80019600965

04 agosto 2020

Cardiologia, odontoiatria e cardiochirurgia assieme per una comunicazione efficace

Il Consensus maturato sull’iniziativa dei docenti dell’Università di Cagliari, Elisabetta Cotti e Giuseppe Mercuro. “Lo screening dentale preoperatorio sui pazienti in attesa di interventi chirurgici cardiovascolari elettivi” è la cornice del percorso condiviso dalle principali Società scientifiche del settore

04 agosto 2020

AD ADIUVANDUM, UniCa c’è

L’Università di Cagliari a pieno titolo nella cordata di enti e istituzioni che intendono avviare un’azione di tutela della salute nell’ambito dell’emergenza sanitaria da COVID-19: il primo passo sarà l’avvio di uno screening sugli studenti e sul personale docente e tecnico-amministrativo dell’Ateneo, anche al fine di prevenire nuovi focolai del virus. Si comincerà dalla Facoltà di Medicina e chirurgia. E’ quanto comunicato questa mattina da Maria Del Zompo, Rettore di UniCa, e Francesco Marongiu, Prorettore per le attività sanitarie dell’Ateneo, a Maria Antonietta Mongiu, coordinatrice della rete alla base dell’iniziativa. RASSEGNA STAMPA

03 agosto 2020

Le tecnologie di CentraLabs e il simulatore dell’AC75

Ricerca, scienze nautiche, professionalità. Nei laboratori della Cittadella universitaria di Monserrato l’innovativa classe di imbarcazioni, ideata per partecipare alla 36^ edizione dell’America’s Cup presented by Prada. L’intesa tra gli ingegneri coordinati da Paolo Fadda e 3D Aerospazio di Antonio Depau

Questionario e social

Condividi su: