UniCa UniCa News Notizie Cinema ed economia del territorio: il caso Sardegna

Cinema ed economia del territorio: il caso Sardegna

Per la prima volta saranno presentati e discussi pubblicamente i dati sui film girati nell’isola, sull’impatto che hanno avuto nel mercato delle sale cinematografiche, nel circuito dei festival nazionali e internazionali, nella stampa. Giovedì 2 dicembre e venerdì 3 dicembre due seminari a partire da una ricerca che fa il punto sulla realtà cinematografica della Sardegna degli ultimi venticinque anni. RASSEGNA STAMPA
01 dicembre 2021
La locandina dell'iniziativa

Focus anche gli effetti della legge regionale sul cinema che, approvata nel 2006 ed entrata a pieno regime intorno al 2010, ha permesso che il panorama cinematografico isolano si modificasse radicalmente

Cagliari, 1 dicembre 2021- Domani, giovedì 2 dicembre, e venerdì 3 dicembre dalle 15 alle 19, nell’Aula magna Motzo della Facoltà di Studi umanistici, si terranno due seminari accomunati dal tema “Cinema ed economia del territorio: il caso Sardegna” in cui verranno presentati i risultati di una ricerca che fa il punto sulla realtà cinematografica della Sardegna degli ultimi venticinque anni.

Per la prima volta saranno presentati e discussi pubblicamente i dati sui film girati nell’isola, sull’impatto che hanno avuto nel mercato delle sale cinematografiche, nel circuito dei festival nazionali e internazionali, nella stampa.

Verranno inoltre resi noti i dati sulle case di produzione, locali o esterne, che hanno lavorato in Sardegna, ma soprattutto si avrà un'idea più precisa delle fonti di finanziamento che hanno permesso all’industria cinematografica di arrivare nella nostra regione e di iniziare a stabilizzarsi. In tal senso, la riflessione non potrà non toccare gli effetti della legge regionale sul cinema che, approvata nel 2006 ed entrata a pieno regime intorno al 2010, ha permesso che il panorama cinematografico isolano si modificasse radicalmente.

L'evento è promosso dal Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni culturali, dal CELCAM diretto da Antioco Floris e dal corso di laurea magistrale in Produzione multimediale con il sostegno della Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato della Pubblica istruzione, Beni culturali, Informazione, Spettacolo e Sport.

La locandina con il dettaglio degli orari e tutti i relatori
La locandina con il dettaglio degli orari e tutti i relatori

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 2 dicembre 2021

Agenda - pagina 22

Il cinema sardo crea lavoro ed economia

Per due giornate (oggi e domani) dalle 15 alle 19, nell'aula magna Motzo della Facoltà di Studi umanistici dell'Università Cagliari, si terranno due seminari accomunati dal tema "Cinema ed economia del territorio: il caso Sardegna" in cui verranno presentati i risultati di una ricerca che fa il punto sulla realtà cinematografica della Sardegna degli ultimi venticinque anni. Per la prima volta saranno presentati e discussi pubblicamente i dati sui film girati nell'isola, sull'impatto che hanno avuto nel mercato delle sale cinematografiche, nel circuito dei festival nazionali e internazionali, nella stampa. Verranno inoltre resi noti i dati sulle case di produzione, locali o esterne, che hanno lavorato in Sardegna, ma soprattutto si avrà idea delle fonti di finanziamento che hanno permesso all'industria cinematografica di arrivare nella nostra regione e di iniziare a stabilizzarsi. In tal senso, la riflessione non potrà non toccare gli effetti della legge regionale sul cinema che, approvata nel 2006 ed entrata a pieno regime intorno al 2010, ha permesso che il panorama cinematografico isolano si modificasse radicalmente. L'evento è promosso dal Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni culturali, dal Celcam (Centro per l'educazione ai linguaggi del cinema, degli audiovisivi e della multimedialità) diretto da Antioco Floris e dal corso di laurea magistrale in Produzione multimediale con il sostegno della Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato della Pubblica istruzione, Beni culturali, Informazione, Spettacolo e Sport.

La notizia su L'Unione Sarda del 2 dicembre 2021 a pagina 22
La notizia su L'Unione Sarda del 2 dicembre 2021 a pagina 22

Link

Ultime notizie

11 agosto 2022

Dottorati di ricerca, boom delle borse di UniCa

Dalle 77 dell’anno precedente passano a 133 per il XXXVIII ciclo. Il rettore Francesco Mola: “Grande sforzo dell’Ateneo che punta decisamente sui propri giovani, dando loro una straordinaria opportunità di formazione avanzata e di crescita professionale, e sullo sviluppo del territorio, mirando a tematiche di grande urgenza e di alto impatto”

10 agosto 2022

Comunicazione, festoso approfondimento tv dei cinque corsi di laurea presentati al Poetto

La puntata sul successo della festosa, affascinante e inedita presentazione nel Lungomare è andata in onda all'interno di "Panorama sardo - speciale estate". "La cultura va alla città e viceversa" dice Antioco Floris. "Siamo qui per catturare un pubblico sempre più vasto" aggiunge Ester Cois. "Lavoriamo per essere sempre più vicini e inclusivi" rimarca Elisabetta Gola. All'interno il link per la visione

08 agosto 2022

Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Grazie all’accesso ai laboratori dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISPC) parte dell’infrastruttura di ricerca per l’Heritage Science (E-RIHS), gli archeologi dell’Università di Cagliari guidati da Riccardo Cicilloni hanno ottenuto importanti risultati nel sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde in provincia di Oristano

05 agosto 2022

Nasce «The Hadron Academy»

Aperte le iscrizioni al primo dottorato in Italia dedicato allo sviluppo tecnologico e biomedico dell’adroterapia, forma avanzata di radioterapia che utilizza particelle pesanti come protoni e ioni carbonio per trattare i tumori più complessi. Coordinato da Annalisa Bonfiglio, e promosso dal CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, insieme all’Università degli Studi di Cagliari, è aperto a 5 studenti meritevoli a cui saranno assegnate altrettante borse di studio, una delle quali messa a disposizione dal nostro Ateneo. Iscrizioni aperte a medici, fisici medici, biologi, bioingegneri, ingegneri di processo, fisici, giuristi, economisti, filosofi

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie