UniCa UniCa News Notizie Chirurgia protesica, tra revisione tecnologie innovative e ricostruzione

Chirurgia protesica, tra revisione tecnologie innovative e ricostruzione

Domani, dalle 17, aggiornamento medico di qualità ai tempi del coronavirus. Il webmeeting nazionale è curato dal team guidato dal direttore della clinica di Ortopedia e traumatologia dell’ateneo di Cagliari, Antonio Capone. Da rimarcare, la preziosa sinergia con il dipartimento di Ingegneria biomedica
17 settembre 2020
Al webmeeting di ortopedia e traumatologia prendono parte una trentina di specialisti

Tra planning operatorio e strategie chirurgiche di revisione

Mario Frongia

Domani, venerdì 18 settembre, dalle 17, si svolge il webmeeting nazionale sul tema “Il ruolo della ricostruzione e della stampa 3D nel planning operatorio e nelle strategie chirurgiche di revisione protesica”. I lavori sono coordinati da Antonio Capone, il comitato scientifico è curato da Giuseppe Marongiu. L’evento rientra nel programma formativo 2020 dell’Air (Associazione italiana di riprotesizzazione) ed è patrocinato dalla Società Italiana di ortopedia e traumatologia. Relazioni e moderazioni vengono svolte da specialisti quali Alessandro Massè (Torino), Pietro Cavaliere (Messina), Antonio Campacci (Verona), Francesco Benazzo (Pavia/Brescia), Stefano Giannotti (Siena), Francesco Traina (Bologna), Giuseppe Porcellini (Modena), Giuseppe Solarino (Bari), Raffaele Russo (Napoli) e Giovanni Pignatti (Palermo). Il dibattito avrà per oggetto le esperienze degli specialisti nella pianificazione preoperatoria, nella scelta del tipo di impianto acetabolare in relazione al tipo di difetto osseo. La definizione di appropriate linee guida di diagnosi e trattamento della revisione acetabolare è uno dei capitoli chiave dell’appuntamento.

Immagine di protesi d'anca
Immagine di protesi d'anca

Tecnica protesica, materiali e innovazione

“Il webmeeting nasce dall’esigenza di poter continuare a svolgere anche in questo periodo l’attività di formazione e aggiornamento dei medici ortopedici. Tra gli argomenti della riunione - spiega il professor Capone, presidente dell’evento e dell’Air - dibatteremo dell’utilizzo delle moderne tecniche di ricostruzione e della stampa 3D nel planning operatorio e nelle strategie chirurgiche nella revisione protesica delle articolazioni d’anca e di spalla”. Un confronto a tutto campo con alcuni dei principali esperti della materia in ambito nazionale. Occasione imperdibile per gli specialisti isolani e per quelli in formazione. “La percentuale di fallimento a quindici anni delle protesi articolari è in media del 10 per cento ed è causata da una progressiva usura delle superfici articolari. La produzione di detriti, di polietilene o metallo, determina la comparsa del fenomeno di osteolisi periprotesica il cui esito finale è la mobilizzazione e il fallimento delle componenti protesiche, e la perdita di patrimonio osseo”.  

Antonio Capone, presidente del webmeeting
Antonio Capone, presidente del webmeeting

Indagini strumentali sofisticate e immagini in 3D

“Le indagini strumentali sono importanti per identificare precocemente la causa del fallimento e programmare l’intervento chirurgico. Attualmente - precisa Antonio Capone, direttore della clinica Ortopedica e traumatologica; dipartimento Scienze chirurgiche, Università di Cagliari - l’utilizzo di moderni software di segmentazione modellazione 3D, che sfruttano le immagini derivanti dall’esame Tac, consente di rimuovere gli artefatti determinati dalle componenti protesiche metalliche e di ottenere una ricostruzione tridimensionale dei difetti ossei, fedele all’anatomia del paziente”. Il dottor Marongiu, ricercatore e segretario alla presidenza Air, rimarca un aspetto chiave: “La collaborazione con i colleghi del dipartimento di Ingegneria biomedica ci ha consentito di stampare in 3D con moderne tecnologie di manifattura additiva il segmento osseo che deve essere ricostruito per poter simulare le varie tecniche chirurgiche. Con questo processo si realizza un protocollo di trattamento specifico per il paziente (Pst) che riduce tempi chirurgici e complicanze post-operatorie. La tecnica di ricostruzione articolare prevede l'impiego di trapianti ossei, di componenti protesiche modulari o protesi custom specifiche per gravi difetti ossei”.

 

Cagliari. L'ospedale marino
Cagliari. L'ospedale marino

Ultime notizie

01 dicembre 2020

Individuato il gene della bottarga

I ricercatori del nostro Ateneo con i colleghi dell'Università di Padova, dell’ISPRA e del “Fisheries Research Institute” greco hanno isolato dei marcatori genetici legati al gene FSHR attraverso i quali è possibile sapere sin dai primi stadi di sviluppo e con alta probabilità se un individuo sarà maschio o femmina. La scoperta - che per UniCa è promosso da Angelo Cau e porta la firma anche di Rita Cannas e Maria Cristina Follesa, Laura Carugati e Riccardo Melis del Dipartimento di Scienze della Vita e dell'Ambiente - potrebbe avere ricadute importanti sul mercato. Lo studio "Fshr, a fish sex-determining locus shows variable incomplete penetrance across flathead grey mullet populations" appena pubblicato sulla rivista «iScience», del prestigioso gruppo editoriale Cell. RASSEGNA STAMPA

01 dicembre 2020

CRUI, un documento per affermare la centralità della ricerca

Maria Del Zompo spiega da scienziata e da rettore ai microfoni del TG della RAI Leonardo il "Documento per affermare la centralità della ricerca e della sperimentazione animale" approvato nella scorsa assemblea della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane. Pubblichiamo l'intervista realizzata da Laura De Donato per il Telegiornale RAI della Scienza e dell'Ambiente e il documento integrale della CRUI

01 dicembre 2020

UniCa aderisce alla campagna #TUTTIconBITTI

L'Università di Cagliari aderisce con determinazione e patrocina la raccolta fondi per far fronte ai danni dell'alluvione che il 28 novembre ha travolto il paese barbaricino. I contributi economici possono essere versati sull'IBAN IT84N0101585250000000011498 - Causale Alluvione 2020

01 dicembre 2020

400 anni di UniCa, Studi Umanistici apre le celebrazioni delle facoltà

Venerdì 4 dicembre alle 10 al via gli eventi celebrativi per il quarto centenario dell’Ateneo. La storia della facoltà e l’attualità del pensiero umanistico al centro della giornata di incontri, a cui prenderanno parte lo scrittore Marcello Fois e il regista Salvatore Mereu. Un fitto calendario di incontri, tavole rotonde e una mostra multimediale completano il programma degli eventi organizzato dalla Facoltà guidata da Rossana Martorelli. L'EVENTO SARA' TRASMESSO IN STREAMING SUL SITO E SULLA PAGINA FACEBOOK DI UNICA. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: