UniCa UniCa News Notizie Cancro alla tiroide, la pandemia ha ridotto il numero degli interventi chirurgici

Cancro alla tiroide, la pandemia ha ridotto il numero degli interventi chirurgici

Pubblicato sul British Journal of Surgery uno studio retrospettivo nazionale promosso da Pietro Giorgio Calò e Fabio Medas del Dipartimento di Scienze chirurgiche dell'Università di Cagliari. Gli interventi su pazienti affetti da carcinoma tiroideo sono calati del 30% su scala nazionale rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso: è necessario non ritardare gli screening e le visite programmate, avvertono gli specialisti. RASSEGNA STAMPA
08 marzo 2021
Chirurghi al lavoro in sala operatoria

La ricerca multicentrica ha coinvolto 28 tra i maggiori centri di endocrinochirurgia italiani, e ha avuto come scopo la valutazione dell'attività chirurgica per tumori maligni tiroidei durante i primi 6 mesi della pandemia di COVID-19 in Italia

Sergio Nuvoli

Cagliari, 8 marzo 2021 - E’ stato pubblicato sulla prestigiosa rivista British Journal of Surgery lo studio Thyroid surgery during COVID-19 pandemic in Italy (THYCOVIT), promosso da Pietro Giorgio Calò e da Fabio Medas, rispettivamente ordinario e ricercatore di Chirurgia generale.del Dipartimento di Scienze Chirurgiche dell'Università di Cagliari.

Si tratta di una ricerca multicentrica, che ha coinvolto 28 tra i maggiori centri di endocrinochirurgia italiani, e ha avuto come scopo la valutazione dell'attività chirurgica per tumori maligni tiroidei durante i primi 6 mesi della pandemia di COVID-19 in Italia. Tra gli autori dell’articolo, con Calò e Medas figurano numerosi big della chirurgia italiana.

“La pandemia da COVID-19 ha rappresentato un grave onere per la salute pubblica – si legge nell’articolo - L'Italia è stata pesantemente colpita, con quasi 2 milioni di casi confermati e quasi 70mila decessi. A livello globale, le autorità sanitarie hanno limitato l'assistenza medica alle procedure di emergenza, rinviando l'attività chirurgica elettiva”.

Il prof. Calò dirige il Dipartimento di Scienze chirurgiche
Il prof. Calò dirige il Dipartimento di Scienze chirurgiche

Il lavoro promosso dai due specialisti dell’Università di Cagliari ha incluso in tutto 1570 pazienti affetti da carcinoma tiroideo, e ha messo in evidenza una riduzione degli interventi chirurgici per questa patologia di circa il 30%

Il lavoro promosso dai due specialisti dell’Università di Cagliari ha incluso in tutto 1570 pazienti affetti da carcinoma tiroideo, e ha messo in evidenza una riduzione degli interventi chirurgici per questa patologia di circa il 30% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

“Dallo studio è emerso inoltre che, durante i primi mesi della pandemia, le risorse sono state concentrate dalle unità operative per non ritardare gli interventi dei tumori maggiormente aggressivi”, spiega Calò, che è anche direttore del Dipartimento di Scienze chirurgiche dell’Ateneo cagliaritano.

“Il nostro studio sottolinea la necessità di proseguire adeguate attività di screening, chirurgiche e di follow-up per le neoplasie tiroidee – rimarca Medas - perchè un rallentamento di queste attività potrebbe portare nel breve futuro ad un incremento dell'incidenza di tumori con caratteristiche aggressive e prognosi peggiore”.

Gli autori raccomandano di non ritardare i programmi di screening e le visite programmate, che potrebbero essere spostate in contesti non ospedalieri.

Fabio Medas, ricercatore del Dipartimento di Scienze chirurgiche
Fabio Medas, ricercatore del Dipartimento di Scienze chirurgiche

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 9 marzo 2021

Cagliari - pagina 18

Pubblicato il risultato dello studio di due ricercatori cagliaritani

Tumori alla tiroide, interventi ridotti del 30%

Alberto Mantovani, l'oncologo e immunologo italiano più citato nel mondo, lo ha detto in un'intervista rilasciata all' Unione nei giorni scorsi: nel Sud Italia, e anche nell'Isola: i ritardi nelle campagne di screening e i rinvii delle visite generati dalla pandemia in corso produrranno effetti pesantissimi sui tumori.
A confermarlo c'è una ricerca promossa da Pietro Giorgio Calò e da Fabio Medas, rispettivamente ordinario e ricercatore di Chirurgia generale del Dipartimento di Scienze Chirurgiche dell'Università, che ha messo in evidenza una riduzione degli interventi chirurgici per tumori maligni tiroidei di circa il 30% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.
Coinvolti 1.570 pazienti
Lo studio, effettuato su 1.570 pazienti, è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista British Journal of Surgery lo studio Thyroid surgery during Covid-19 pandemic in Italy. «La pandemia da Covid-19 ha rappresentato un grave onere per la salute pubblica», si legge nell'articolo. «L'Italia è stata pesantemente colpita, con quasi 2 milioni di casi confermati e quasi 70mila decessi. Durante i primi mesi della pandemia, le risorse sono state concentrate dalle unità operative per non ritardare gli interventi dei tumori maggiormente aggressivi», spiega Calò, che è anche direttore del Dipartimento di Scienze chirurgiche dell'Ateneo cagliaritano. «Il nostro studio sottolinea la necessità di proseguire adeguate attività di screening, chirurgiche e di follow-up per le neoplasie tiroidee», rimarca Medas, «perché un rallentamento di queste attività potrebbe portare nel breve futuro ad un incremento dell'incidenza di tumori con caratteristiche aggressive e prognosi peggiore».
Riprendere gli screening
Gli autori raccomandano, dunque, alle autorità sanitarie di non ritardare i programmi di screening e le visite programmate, che potrebbero essere spostate in contesti non ospedalieri.

La notizia su L'Unione Sarda del 9 marzo 2021 a pagina 18
La notizia su L'Unione Sarda del 9 marzo 2021 a pagina 18

LA NUOVA SARDEGNA del 10 marzo 2021

Primo piano - pagina 5

Allarme da Cagliari: "Non trascurate i tumori"

Uno studio di due docenti universitari riaccende i riflettori sul tema dei carcinomi tiroidei

CAGLIARI. È stato pubblicato sulla prestigiosa rivista British Journal of Surgery lo studio "Thyroid surgery during Covid-19 pandemic in Italy" promosso da Pietro Giorgio Calò e da Fabio Medas, rispettivamente ordinario e ricercatore di Chirurgia generale del Dipartimento di Scienze Chirurgiche dell'Università di Cagliari. Si tratta di una ricerca multicentrica, che ha coinvolto 28 tra i maggiori centri di endocrinochirurgia italiani, e ha avuto come scopo la valutazione dell'attività chirurgica per tumori maligni tiroidei durante i primi 6 mesi della pandemia di Covid-19 in Italia. Tra gli autori dell'articolo, con Calò e Medas, figurano numerosi big della chirurgia italiana.«La pandemia da Covid-19 ha rappresentato un grave onere per la salute pubblica - si legge nell'articolo -. L'Italia è stata pesantemente colpita, con quasi 2 milioni di casi confermati e quasi 70mila decessi. A livello globale, le autorità sanitarie hanno limitato l'assistenza medica alle procedure di emergenza, rinviando l'attività chirurgica elettiva».Il lavoro promosso dai due specialisti dell'Università di Cagliari ha incluso in tutto 1570 pazienti affetti da carcinoma tiroideo, e ha messo in evidenza una riduzione degli interventi chirurgici per questa patologia di circa il 30% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. «Dallo studio è emerso inoltre che, durante i primi mesi della pandemia, le risorse sono state concentrate dalle unità operative per non ritardare gli interventi dei tumori maggiormente aggressivi» spiega Calò. «Il nostro studio sottolinea la necessità di proseguire adeguate attività di screening, chirurgiche e di follow-up per le neoplasie tiroidee - spiega Medas - perchè un rallentamento di queste attività potrebbe portare nel breve futuro ad un incremento dell'incidenza di tumori con caratteristiche aggressive e prognosi peggiore».

Luigi Soriga

La notizia su La Nuova Sardegna del 10 marzo 2021 a pagina 5
La notizia su La Nuova Sardegna del 10 marzo 2021 a pagina 5

Link

Ultime notizie

31 agosto 2021

UniCa apre le iscrizioni: scegli il tuo percorso

Per il nuovo anno accademico 40 corsi di laurea triennali, 6 corsi di laurea magistrale a ciclo unico e 37 corsi di laurea magistrale. Quest'anno si arricchisce l'offerta, anche in lingua inglese e con validità internazionale, per chi si immatricola per la prima volta e per chi prosegue gli studi a Cagliari. Tutte le novità, le informazioni sui test di selezione, le agevolazioni sulle tasse e i link ai corsi di studio delle nostre facoltà

31 luglio 2021

Corso ‘’ESCAPE GAME CHALLENGE’’ e mobilità in Francia – PREAVVISO PER GLI STUDENTI

Per 24 iscritti dell’Università di Cagliari l’opportunità di essere ammessi al corso europeo EDUC di lingua inglese in modalità virtuale, con partecipazione a giochi di squadra insieme ai colleghi di Rennes e di Masayrik-Brno. Una settimana in Francia a febbraio 2022 per i migliori sei studenti finalisti di ogni ateneo. Su Unica.it il BANDO DI SELEZIONE ONLINE DAL 9 AGOSTO

30 luglio 2021

DONA IL TUO 5x1000 ALL'ATENEO DI CAGLIARI

Per sostenere la ricerca in Sardegna e il lavoro dei nostri giovani studenti e ricercatori, nella dichiarazione dei redditi firma nel riquadro “Finanziamento agli enti della ricerca scientifica e dell’università” indicando il numero di codice fiscale 80019600925

27 luglio 2021

Stato, regioni e sindacato nella disciplina del lavoro alle dipendenze delle autonomie regionali

Enrico Mastinu, docente di Diritto del lavoro, firma la nuova pubblicazione della collana del Dipartimento di Giurisprudenza: al centro dell’accurato lavoro di ricerca, il tema delle potestà legislative regionali in materia di pubblico impiego e un bilancio critico dei primi vent'anni di applicazione della riforma del titolo V della Costituzione in questo campo

Questionario e social

Condividi su: