UniCa UniCa News Notizie Blockchain, nasce l’infrastruttura italiana. UniCa in prima linea

Blockchain, nasce l’infrastruttura italiana. UniCa in prima linea

INNOVAZIONE. Importante lavoro del Gruppo Agile dell’Università di Cagliari, da gennaio nella cabina di regia per realizzare, sperimentare e gestire il sistema pubblico nazionale IBSI (Italian Blockchain Service Infrastructure) con la supervisione del professor Roberto Tonelli, del Dipartimento di matematica e informatica. OGGI MERCOLEDÌ 31 MARZO IN STREAMING, dalle 16, l’EVENTO APERTO A TUTTI per la presentazione del progetto
31 marzo 2021
Il nostro ateneo tra le uniche due università italiane che partecipano alla sperimentazione della rete pubblica nazionale di blockchain

Blockchain, Università di Cagliari e Politecnico di Milano nella rete utile per erogare servizi pubblici sicuri e certificati

Ivo Cabiddu
  

Insieme al Politecnico di Milano, l’Università di Cagliari è tra gli unici due atenei italiani che da gennaio 2021 partecipano alla gestione della rete sperimentale IBSI, la Italian Blockchain Service Infrastructure. Si tratta di un sistema di nodi diretto da enti pubblici italiani, con lo scopo di realizzare e mettere a punto il primo sistema italiano basata sulla blockchain per l’erogazione di servizi di interesse pubblico, sicuri e certificati.

Il progetto IBSI - promosso da Agenzia per l’Italia Digitale (AGiD), Cimea, Csi Piemonte, Enea, Inail, Infratel Italia, Inps, Politecnico di Milano, Poste Italiane, Rse, Gse, Sogei e Università di Cagliari - mira a sperimentare la progettazione e lo sviluppo di un ecosistema basato su tecnologie di tipo Registri Distribuiti (DLT), in linea con i principi di protezione, integrità, interoperabilità e condivisione delle informazioni e con la strategia europea che sta realizzando, con il contributo italiano, un’infrastruttura analoga nell’ambito della European Blockchain Partnership.

L'Università di Cagliari è tra le prime al mondo ad aver utilizzato la tecnologia blockchain per certificare i diplomi di laurea dei suoi laureati, e offre vari corsi sulla stessa tecnologia nell’ambito della laurea magistrale in Informatica
L'Università di Cagliari è tra le prime al mondo ad aver utilizzato la tecnologia blockchain per certificare i diplomi di laurea dei suoi laureati, e offre vari corsi sulla stessa tecnologia nell’ambito della laurea magistrale in Informatica

Gli studiosi di UniCa sono guidati da Roberto Tonelli, del DMI

L’ateneo cagliaritano gestisce uno dei nodi dell’infrastruttura, sotto la supervisione del professor Roberto Tonelli (Dipartimento di matematica e informatica), ricercatore dell'Agile Group in ingegneria del softwarecoordinato dal professor Michele Marchesi, che ha iniziato a lavorare sulla tecnologia blockchain sin dal 2015.

I temi della blockchain, dell’intelligenza artificiale e dell’IoT, sono all’ordine del giorno nell’agenda del Governo italiano, questo perchè la realizzazione di una rete nazionale di blockchain è essenziale e strategica per attuare e affermare una propositiva presenza italiana, in sinergia con l’analoga infrastruttura tecnologica europea.

I professori Michele Marchesi e Roberto Tonelli (Dipartimento di matematica e informatica di UniCA))
I professori Michele Marchesi e Roberto Tonelli (Dipartimento di matematica e informatica di UniCA))

Cittadini e imprese potranno fornire i propri dati solamente una volta quando interagiscono con le pubbliche amministrazioni

IBSI si propone di promuovere la digitalizzazione del nostro Paese e di realizzare attività di ricerca e sviluppo sulle caratteristiche distintive della tecnologia blockchain, per approfondirne le potenzialità, come ad esempio gestire i certificati pubblici in modo completamente digitale, tracciare la filiera del made in Italy, sviluppare modelli energeticamente sostenibili e rinnovabili. 

Nello specifico il progetto prevede l’analisi dei casi d’uso per la certificazione dei titoli di studio, lo scambio di token rappresentativi di altri beni fisici, digitali e di diritti, la tracciabilità delle filiere produttive e delle supply chain, ma anche prototipi e progetti pilota per l’erogazione di servizi di interesse nazionale ai cittadini.
 
In sintesi l’obiettivo di IBSI è quello di contribuire a migliorare il rapporto con gli utenti dei servizi e, nel caso della PA, ad incrementare la semplificazione, la trasparenza, la sicurezza e l’efficacia delle interlocuzioni e dei servizi resi, nel rispetto del principio del “una sola volta” (once only principle), ovvero di consentire a cittadini e imprese di fornire i propri dati solamente una volta quando interagiscono con le pubbliche amministrazioni.

Roberto Tonelli, responsabile del progetto per UniCA, ha ottenuto il premio per il TOP–Most influential papers for 2018 on Blockchain, che ha ritirato, invitato presso la Blockchain Connect Conference, a San Francisco nel gennaio 2019
Roberto Tonelli, responsabile del progetto per UniCA, ha ottenuto il premio per il TOP–Most influential papers for 2018 on Blockchain, che ha ritirato, invitato presso la Blockchain Connect Conference, a San Francisco nel gennaio 2019

L'evento di mercoledì 31 marzo ha l'obiettivo di presentare un'anteprima sulle principali caratteristiche della rete IBSI relative all'infrastruttura, alla governance e a tutte le possibili applicazioni pratiche

La presentazione pubblica nazionale del progetto, in streaming su http://live.associazioneblockchain.it, inizia alle ore 16 con la presenza di Pietro Marchionni, Emiliano Vernini, Monica Gabrielli, Stefano Cascone, Gennaro Niglio. Chairman dell’appuntamento online il presidente dell’Associazione Blockchain Italia, Francesco Rampone.

Il sistema blockchain garantisce un registro digitale di dati condivisi e immutabili, strutturato con blocchi concatenati in ordine cronologico e non modificabili
Il sistema blockchain garantisce un registro digitale di dati condivisi e immutabili, strutturato con blocchi concatenati in ordine cronologico e non modificabili

IC, 29.03.2021

Il gruppo di ricerca "Agile" realizza attività di sviluppo sulle caratteristiche distintive della tecnologia blockchain
Il gruppo di ricerca "Agile" realizza attività di sviluppo sulle caratteristiche distintive della tecnologia blockchain

Link

Ultime notizie

27 novembre 2021

Orto Botanico e Musei cittadini, verso il biglietto unico

Definito nei giorni scorsi un accordo che fa muovere i primi passi all'intesa firmata qualche settimana fa tra il Rettore Francesco Mola e il Sindaco Paolo Truzzu: Comune e Università favoriscono le visite ai beni culturali introducendo una speciale scontistica a favore di chi visita prima il polmone verde dell'Ateneo e poi i siti di proprietà del Comune, e viceversa. Cresce la sinergia a favore della cultura e della ricerca scientifica: la soddisfazione del Rettore, del Sindaco e dell'Assessora alla Cultura

26 novembre 2021

Cultura, formazione, supporto e inclusione per dire basta alla violenza sulle donne

Amministratori pubblici, docenti, magistrati, legali, giornalisti e associazioni di categoria assieme in un confronto utile ad innescare pratiche concrete e virtuose su un fenomeno dai numeri agghiaccianti: 109 “muliericidi” solo nel corso di quest’anno. In aula consiglio a Sestu le riflessioni di Maria Paola Secci, Ilaria Annis, Paolo De Angelis, Cristina Ornano, Elisabetta Gola, Antioco Floris, Susi Ronchi, Daniela Pinna e Valeria Aresti

26 novembre 2021

Concerto di beneficenza ''Ti regalo una nota''

Domenica 28 novembre è in programma nell’Aula magna del rettorato "Artisti del Teatro lirico per i bambini del Libano". Stefania Bandino (flauto), Lisa De Renzio (flauto) e Gianluca Pischedda (violoncello) eseguiranno musiche di Vivaldi, Hoffmeister e Haydn. L’iniziativa è organizzata in aiuto al popolo libanese ed è abbinata anche ad una raccolta di farmaci che saranno inviati con un volo speciale operato dal Governo Italiano. Informazioni tramite whatsapp, al numero 347.3416852

26 novembre 2021

‘’Funtaneris’’ vince il Fiorenzo Serra Film Festival

L’edizione 2021 premia su tutte l’opera firmata dal regista Massimo Gasole e nata da una ricerca del professor Marco Cadinu, docente dell’Università di Cagliari che conduce gli studi sull’architettura e l’arte di antichi acquedotti, lavatoi, abbeveratoi e fontane di importanza storica della Sardegna. Grazie alla mappatura di circa 500 monumenti, censiti finora in oltre 160 comuni dell'Isola nell’arco di vari anni, il film-documentario si rivela un formidabile strumento di divulgazione promosso dall’Ateneo, utile alla conoscenza e alla valorizzazione di un ingente patrimonio culturale che merita di essere maggiormente apprezzato e tutelato

Questionario e social

Condividi su: