UniCa UniCa News Notizie Biometria, tra sicurezza, scambio e condivisione di documenti riservati

Biometria, tra sicurezza, scambio e condivisione di documenti riservati

La disciplina si basa sul riconoscimento facciale e delle impronte digitali. Il team del Pra Lab guidato da Gian Luca Marcialis ha realizzato il progetto Biometric right data treatment. La piattaforma Brdt, utile nell’industria ma anche nella sanità, è stata presentata con successo alla fiera Maker Faire 2021 tenutasi a Roma
08 ottobre 2021
Roma. Da sinistra, Michele Bianco (managing director Interferentia), Gian Luca Marcialis, Andrea Panzino, Giulia Orrù e Marco Micheletto

Ricerca, trasferimento tecnologico e commerciabilizzazione dei progetti

Mario Frongia

La fiera internazionale “Maker Faire Rome 2021 - The European Edition” ha ospitato, fra gli altri, il progetto “Biometric Right Data Treatment” (Brdt), un progetto di trasferimento tecnologico dove la ricerca di frontiera sviluppata dal Pra Lab (http://pralab.diee.unica.it) dell’Università di Cagliari è stata portata a livello di prototipo per diventare futuro prodotto commercializzabile grazie alla collaborazione con aziende specializzate del settore. Il progetto Brdt vede infatti l’attività congiunta della Divisione biometria del Pra Lab (dipartimento Ingegneria elettrica ed elettronica) con l’azienda Interferentia. La piattaforma Brdt implementa una “smart community”, una sorta di “social network” molto particolare, destinato ad aziende o professionisti singoli, nel quale è possibile la condivisione e lo scambio di documenti riservati mediante riconoscimento biometrico, ovvero del volto o dell’impronta digitale. "Ogni membro della “community” è in grado non solo di comunicare e certificare la propria identità con il proprio smartphone o tablet (Android/Ios), ma può anche criptare il documento condiviso in modo che soltanto il destinatario possa accedervi tramite la propria biometria. Questo - dice Gian Luca Marcialis, Associato di Sistemi di elaborazione delle informazioni e coodinatore dell'Unità biometria - consente uno scambio “sicuro” di documenti condivisibili solo fra mittente e destinatari indicati, accessibili esclusivamente dopo certificazione dell’identità mediante volto o impronta".

Roma. Un'immagine della fiera e dello stand del gruppo di ricercatori cagliaritani
Roma. Un'immagine della fiera e dello stand del gruppo di ricercatori cagliaritani

Industria, sanità e assistenza: applicazioni e sviluppi della piattaforma

"Essendo stata sviluppata del rispetto del Gdpr europeo, le possibili applicazioni della piattaforma esulano dal solo contesto industriale: si pensi per esempio all’utilizzo del sistema per lo scambio di referti tra medici, oppure tra medici e pazienti, cosa realizzabile in sicurezza ed in tempo “reale” tramite Brdt; nel caso di minori, non sarebbe un problema per entrambi i genitori, essere tenuti informati, anche a distanza l’uno dall’altro, con la certificazione della propria identità direttamente dal proprio smartphone. La piattaforma - spiega il professor Marcialis - è stata concepita per poter essere facilmente portata su una molteplicità di dispositivi, in quanto il software di riconoscimento biometrico è stato interamente sviluppato dallo staff dell’Unità Biometria.

Gian Luca Marcialis
Gian Luca Marcialis

Pra Lab del Diee, squadra e mentalità vincente

I componenti della Divisione che hanno partecipato al progetto sono Giulia Orrù, ricercatore a tempo determinato, Marco Micheletto, dottorando, e Andrea Panzino, borsista di ricerca e attualmente studente del corso di laurea magistrale in Computer engineering, cybersecurity and artificial Intelligence. Il sistema di riconoscimento sarà anche equipaggiato da meccanismi di “aggiornamento automatico” della biometria e di protezione dai tentativi di falsificazione biometrica, in modo che nessuno possa accedere alla “community” in modo fraudolento, per esempio tramite furto dell’identità.

https://makerfairerome.eu/it/espositori/?edition=2021&exhibit=200667

 

Roma. Alcuni dei lavori del team guidato da Gian Luca Marcialis
Roma. Alcuni dei lavori del team guidato da Gian Luca Marcialis

Ultime notizie

22 maggio 2022

UniCa C’è a Monumenti Aperti

Si rinnova anche per l'edizione 2022 la collaborazione tra l'Università degli Studi di Cagliari e la manifestazione Monumenti Aperti, organizzata da Imago Mundi. Otto i siti dell'Ateneo aperti al pubblico nelle giornate di sabato 21 e domenica 22 maggio: il Palazzo del Rettorato, l'Archivio storico dell'Università, la Collezione Piloni, il MUACC, i giardini della Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e sociali, l'Orto Botanico, la Cittadella dei Musei con le sue fortificazioni e il Trentapiedi dei Monumenti a Pirri, realizzato dal laboratorio Vestigia UniCa, coordinato da Fabio Calogero Pinna, docente di Archeologia pubblica

21 maggio 2022

Sant’Arte, torna il festival di Pinuccio Sciola

Da venerdì 27 a domenica 29 maggio l’iniziativa dedicata al genio di San Sperate. Dall’Università di Cagliari il patrocinio e il coordinamento scientifico del convegno “Il Tempo di Sciola”, venerdì 27 maggio dalle ore 18 al Museo del Crudo, con l’intervento di Pamela Ladogana e Simona Campus

20 maggio 2022

Ricerca, dal Fetal programming al come e al quando ci si potrà ammalare

“Dimmi che gestazione hai avuto e ti dirò se e di quali malattie potrai soffrire da adulto”. È stata questa, negli anni '80, l’intuizione dell’epidemiologo David Barker. L'ipotesi sostiene il lavoro, pubblicato dall'European review for medical and pharmacological sciences, curato dal team di specialisti dell’’Università di Cagliari e dell’Aou. La ricerca ha esplorato una casistica di pazienti che  hanno contratto il Covid-19

Questionario e social

Condividi su: