UniCa UniCa News Notizie BESTMEDGRAPE, nuove opportunità dalla vite

BESTMEDGRAPE, nuove opportunità dalla vite

Mercoledì 27 novembre all’Orto Botanico conferenza stampa di presentazione del progetto finanziato nell’ambito del programma ENI CBC MED con un budget di 3,3 milioni di euro (cofinanziamento europeo di 2,6 milioni di euro) che punta a promuovere il trasferimento tecnologico dei risultati della ricerca sulla vite e sui possibili utilizzi dei sottoprodotti di vinificazione. Con il coordinamento dell’Università di Cagliari, coinvolti partner dalla Francia, dal Libano, dalla Tunisia e dalla Giordania. RASSEGNA STAMPA
27 novembre 2019
L'immagine di benvenuto nel sito di BESTMEDGRAPE

Il progetto - la cui responsabile scientifica è Maria Manconi (Dipartimento di Scienze della Vita e dell'Ambiente) si inserisce nel programma ENICBCMED, che finanzia progetti di cooperazione internazionale per rendere l’area mediterranea più competitiva

Sergio Nuvoli

Cagliari, 24 novembre 2019 – Si terrà mercoledì 27 novembre a partire dalle 10 all’Orto Botanico dell’Università di Cagliari la conferenza stampa di presentazione del progetto ENI CBCMED “BESTMEDGRAPE”, al termine del kickoff meeting che vede riuniti in città da lunedì 25 i partner coinvolti dall’Italia, dalla Francia, dal Libano, dalla Tunisia e dalla Giordania.

Con un budget totale di 3,3 milioni di euro (cofinanziamento europeo di 2,6 milioni di euro, 80% del totale), BESTMEDGRAPE – la sigla sta per “New Business opportunities & Environmental suSTainability using MED GRAPE nanotechnological products” - si inserisce nel programma ENI CBC MED, che finanzia progetti di cooperazione internazionale volti a rendere l’area mediterranea più competitiva, innovativa ed inclusiva.

Al centro del progetto – coordinato dall’Università di Cagliari - la vite, pianta tradizionalmente coltivata in tutta l’area del Mediterraneo, con un elevato potenziale commerciale non completamente sfruttato. Grazie all’esperienza dei partner, BESTMEDGRAPE punta a promuovere il trasferimento tecnologico dei risultati della ricerca sulla vite e sui possibili utilizzi dei sottoprodotti di vinificazione, e sostenere la nascita di nuove startup o il potenziamento di imprese già esistenti. I sottoprodotti di lavorazione del vino sono spesso considerati scarti di difficile smaltimento mentre, se adeguatamente sfruttati, hanno grandi potenzialità commerciali.

Ancora un successo per la ricerca scientifica di UniCa: riconosciuta dal programma ENI CBC MED la sinergia realizzata con partner di alto livello internazionale
Ancora un successo per la ricerca scientifica di UniCa: riconosciuta dal programma ENI CBC MED la sinergia realizzata con partner di alto livello internazionale
GUARDA IL TRAILER DEL PROGRAMMA ENI CBC MED

Mercoledì 27 novembre a partire dalle 10 negli spazi dell'Orto Botanico la conferenza stampa di presentazione del progetto, con la partecipazione di Alessandra Carucci, Prorettore all'Internazionalizzazione

Alla conferenza stampa parteciperanno il Prorettore all’Internazionalizzazione dell’Università di Cagliari Alessandra Carucci, il coordinatore del progetto Gianluigi Bacchetta, il responsabile scientifico Maria Manconi, un rappresentante dell’Autorità di Gestione del programma ENI CBC MED ed i rappresentanti di tutti i partner coinvolti: Istituto di Scienze delle Produzioni alimentari (ISPA-CNR), The National Institute of Health and Medical Research (INSERM), Francia; University of Carthage (UCAR), Tunisia; Saint Joseph University of Beirut (USJ), Libano; The National Trade Union Chamber of wine, beer and spirits' producers (UTICA), Tunisia; Berytech Foundation (BERYTECH), Libano; Jordan Society for Scientific Research, Entrepreneurship, and Creativity (JSSREC), Giordania.

“The 2014-2020 ENI CBC Mediterranean Sea Basin Programme is a multilateral Cross-Border Cooperation (CBC) initiative funded by the European Neighbourhood Instrument (ENI). The Programme objective is to foster fair, equitable and sustainable economic, social and territorial development, which may advance cross-border integration and valorise participating countries’ territories and values. The following 13 countries participate in the Programme: Cyprus, Egypt, France, Greece, Israel, Italy, Jordan, Lebanon, Malta, Palestine, Portugal, Spain, Tunisia. The Managing Authority (JMA) is the Autonomous Region of Sardinia (Italy). Official Programme languages are Arabic, English and French. For more information, please visit http://www.enicbcmed.eu/

Maria Manconi (DiSVA) coordina l'importante progetto finanziato nell'ambito del programma ENI CBC MED
Maria Manconi (DiSVA) coordina l'importante progetto finanziato nell'ambito del programma ENI CBC MED

Link

Ultime notizie

17 gennaio 2020

Psicologia della Salute, c’è la Scuola di specializzazione

Domande di partecipazione alla selezione entro il 30 gennaio. Formerà psicologi specialisti nel campo della salute, in una prospettiva multidisciplinare, con un titolo che consente di poter partecipare ai concorsi per Dirigente Psicologo del Servizio Sanitario Nazionale e abilita all’esercizio della professione psicoterapeutica. ON LINE IL BANDO E LE ISTRUZIONI PER PARTECIPARE

16 gennaio 2020

Sviluppo sostenibile, via al dialogo con la Regione

Durante l’incontro tra il Rettore Maria Del Zompo e l’Assessore Gianni Lampis è stata rimarcata la condivisione di principi e obiettivi dell’Agenda 2030 sullo Sviluppo sostenibile. Verso la costituzione di un gruppo di lavoro per organizzare insieme specifiche iniziative sul tema

15 gennaio 2020

Elezioni Consiglio Universitario Nazionale

Giovedì 16 gennaio ultima delle tre giornate di voto per eleggere nel CUN un professore di I fascia dell’area scientifico-disciplinare 14, un ricercatore dell’area scientifico-disciplinare 06 e un ricercatore dell’area scientifico-disciplinare 08. Seggio aperto in Rettorato dalle 11 fino alle 13.45

15 gennaio 2020

5G: l’Università di Cagliari tra i sei vincitori del Bando Mise

Progetto da oltre un milione di euro in collaborazione con Linkem e Tiscali. Un grande risultato per l’Università di Cagliari, capofila, grazie alla sperimentazione coordinata dal professor Luigi Atzori, del Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica, terza classificata tra le proposte relative al “Programma di supporto delle tecnologie emergenti nell'ambito del 5G”. Dimostrata ancora una volta la capacità dell'Ateneo di proporre ricerca scientifica di elevato valore nel settore delle comunicazioni di nuova generazione. Coinvolti anche l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, GreenShare, Flosslab, la Regione Sardegna, i comuni di Cagliari, Guspini e Iglesias, il CTM e Abbanoa

Questionario e social

Condividi su: