UniCa UniCa News Notizie Beni e servizi, il paradosso della crescita economica

Beni e servizi, il paradosso della crescita economica

Il cambiamento del peso di un singolo settore della struttura produttiva di un Paese può incidere sulla crescita economica? Il prestigioso American Economic Journal: Macroeconomics pubblica un lavoro scientifico di Alessio Moro, docente al Dipartimento di Scienze economiche e aziendali, e Miguel Leon-Ledesma (Università of Kent e visiting scientist di UniCa) che studia come mai scoperte tecnologiche rivoluzionarie non corrispondono sempre a una crescita del sistema economico. L'articolo inserito tra gli highlights di ricerca della rivista. RASSEGNA STAMPA
23 ottobre 2020
Alessio Moro, docente al DSEA: suo l'articolo scientifico firmato con Miguel Leon-Ledesma, visiting scientist di UniCa

La seconda metà del XX secolo ha registrato scoperte tecnologiche rivoluzionarie, come il pc e internet, che però a partire dagli anni '70 sono state accompagnate da un rallentamento della crescita. Un apparente paradosso indagato dai ricercatori

Sergio Nuvoli

Cagliari, 23 ottobre 2020 - Può il cambiamento del peso relativo dei singoli settori nella struttura produttiva dell’intera economia incidere sul processo di crescita del sistema economico di un Paese? Se lo chiedono Alessio Moro, docente di economia all’Università di Cagliari, e Miguel Leon-Ledesma, professore all’University of Kent, in un articolo pubblicato nel numero di ottobre del prestigioso American Economic Journal: Macroeconomics. L’articolo è inserito tra gli highlights di ricerca dell'associazione di ricercatori che pubblica la rivista scientifica.

La seconda metà del XX secolo ha registrato scoperte tecnologiche rivoluzionarie, come il personal computer e Internet. Tuttavia, stranamente, quel progresso, a partire dai primi anni '70, è stato accompagnato da un rallentamento della crescita. Un apparente paradosso che lascia perplessi economisti e legislatori, ma che può essere facilmente spiegato dal modello di Moro e Leon-Ledesma. «Il tasso di crescita del PIL è importante per l'economia, ma è un indicatore che da solo non dice molto», spiega il professor Moro.

"Il tasso di crescita del PIL è importante per l'economia, ma è un indicatore che da solo non dice molto", spiega Alessio Moro
"Il tasso di crescita del PIL è importante per l'economia, ma è un indicatore che da solo non dice molto", spiega Alessio Moro

Rifacendosi alle teorie dell’economista William Baumol, i due autori osservano che la crescita della produttività è molto più alta nel settore manifatturiero rispetto a quello dei servizi

I cambiamenti strutturali, infatti, determinano uno spostamento dei lavoratori da un settore all’altro dell’economia, in particolare da quelli che producono beni a quelli che forniscono servizi: storicamente, ad esempio, anche i più abili artigiani sono stati sostituiti da addetti all’assemblaggio delle parti prodotte da un macchinario o, più recentemente, un robot.

Rifacendosi alle teorie dell’economista William Baumol, i due autori osservano che la crescita della produttività è molto più alta nel settore manifatturiero rispetto a quello dei servizi. L’esempio di Baumol è quello di un’orchestra sinfonica, che ha oggi la stessa produttività di una che suonava 50 anni fa, dove per produttività si intende la quantità di prodotto ottenuta (un concerto) divisa per gli input produttivi utilizzati per ottenerla (circa due ore di lavoro di un’orchestra sinfonica professionista). Dato invece il rapido progresso tecnologico nella produzione di automobili, televisori e altri prodotti, i servizi diventano nel tempo sempre più costosi rispetto ai beni.

Durante il processo di crescita, inoltre, i consumatori desiderano spendere una frazione sempre maggiore del reddito in servizi. Il risultato è che, man mano che le economie crescono e diventano più ricche, mostrano anche un cambiamento strutturale dove si produce meno manifattura e più servizi, che finisce per rallentare il tasso di crescita complessivo dell’economia.

L'orchestra sinfonica della RAI
L'orchestra sinfonica della RAI

Secondo Moro e Leon-Ledesma, la transizione da un'economia manifatturiera ad una più orientata sui servizi induce un calo del tasso di interesse reale dell'intera economia e un aumento dei tassi di investimento reali

Il principale contributo di Leon-Ledesma e Moro è quello di mostrare che oltre a questo rallentamento, il cambiamento strutturale ha altre implicazioni macroeconomiche. In particolare, la transizione da un'economia manifatturiera ad una più orientata sui servizi induce un calo del tasso di interesse reale dell'intera economia e un aumento dei tassi di investimento reali. Intuitivamente, quando la crescita rallenta per i motivi descritti sopra, il sistema economico ha una minore capacità di pagare alti tassi di interesse sul capitale investito. Allo stesso tempo, più bassi tassi di interesse stimolano gli investimenti, in maniera tale che Paesi con un settore dei servizi più grande mostrano tassi di investimento reale più elevati.

L'articolo scientifico è stato scritto (in parte) durante il periodo che Miguel Leon-Ledesma, scientist professor di prima fascia, ha trascorso a Cagliari nell'ambito del programma Visiting Scientist dell’Ateneo del capoluogo sardo.

Miguel Leon-Ledesma, professore all’University of Kent, è stato scientist professor all'Università di Cagliari
Miguel Leon-Ledesma, professore all’University of Kent, è stato scientist professor all'Università di Cagliari

Link

Ultime notizie

28 novembre 2020

Maria Del Zompo su D di Repubblica

L’inserto del quotidiano nazionale dedica un lungo e dettagliato servizio di Gloria Riva alle donne che attualmente ricoprono la carica di rettore negli Atenei italiani. L’articolo – che indaga la scarsa presenza femminile nei posti di più alta responsabilità - si apre e si chiude con il vertice dell’Ateneo di Cagliari. Oggi, sabato 28 novembre, in tutte le edicole italiane

27 novembre 2020

ALLERTA METEO, le biblioteche dell’Ateneo chiuse dalle 13 di venerdì 27 novembre

Per effetto delle ordinanze diramate dai Comuni di Cagliari e Monserrato. Si raccomanda dunque a tutti di anticipare la mobilità rispetto all’orario indicato nell’allerta meteo, e si raccomanda in ogni caso di usare la massima prudenza per tutte le giornate indicate nei provvedimenti comunali. Non saranno interrotte le attività in presenza programmate, già ridotte al minimo per effetto dell'emergenza sanitaria, ma si raccomanda di agire di conseguenza alle ordinanze

27 novembre 2020

La Notte europea dei ricercatori tra territorio e società civile

Undici dipartimenti e oltre settanta specialisti dell’ateneo coinvolti nell'evento Sharper2020. Il rettore Maria Del Zompo ha aperto l’evento on line e sul web c "Vi auguro di divertirvi e soddisfare la vostra sete di conoscenza. Colgo l'occasione per sottolineare la nostra attenzione e il nostro lavoro contro le discriminazioni e le violenze di genere". Una proficua maratona sulla scienza avvicinante, coinvolgente e spiegata alle nuove generazioni

27 novembre 2020

EDUC, la presentazione dell'Alleanza tra atenei europei

Martedì 1 dicembre dalle 14 si svolgerà l'evento annuale di presentazione della rete EDUC, l'alleanza europea di università di cui fa parte il nostro Ateneo. Sarà l'occasione per illustrare le iniziative e le opportunità di studio e ricerca per studenti, studentesse, docenti. UniCa sarà rappresentata da Alessandra Carucci, Prorettore all'Internazionalizzazione. Recentemente il Rettore Maria Del Zompo ha presentato il progetto EDUC, a nome di tutta l'Alleanza, al primo meeting dei network universitari europei

Questionario e social

Condividi su: