UniCa UniCa News Notizie Autonomia regionale e terre civiche, tra norme, economia e prospettive di sviluppo

Autonomia regionale e terre civiche, tra norme, economia e prospettive di sviluppo

Si tiene venerdì il webinar conclusivo della ricerca condotta dal dipartimento di Giurisprudenza sulle problematiche inerenti i circa trecentomila ettari in capo a oltre trecento comuni sardi. Ai lavori, aperti dai saluti di Francesco Mola e Christian Solinas, prendono parte i docenti Cristiano Cicero, Andrea Deffenu, Gianmario Demuro e il decano dell’ateneo, Pietro Ciarlo
27 aprile 2021
Terre civiche. L'iimagine è tratta dall'archivio di UniCa (foto Copagri Sardegna)

Problematiche giuridiche su gestione e valorizzazione delle terre civiche

Mario Frongia

Venerdì 30 aprile, dalle 9.30 alle 12.30 si svolge online il seminario conclusivo del progetto di ricerca “Le problematiche giuridiche sulla gestione e valorizzazione delle terre civiche in Sardegna”. L’illustrazione dei risultati del progetto condotto dai ricercatori del dipartimento di Giurisprudenza, viene condotta da Andrea Deffenu (ordinario di diritto pubblico e coordinatore scientifico della ricerca finanziata con la legge regionale n. 7/2007). I lavori vengono aperti da Cristiano Cicero (direttore dipartimento di Giurisprudenza, UniCa). In scaletta, nella seconda parte dell’evento, i saluti del rettore dell’Università di Cagliari, Francesco Mola e del presidente della giunta regionale, Christian Solinas.
 
Link per il webinar:
https://us02web.zoom.us/j/89983689136?pwd=SWNCMnZxaUNiallmdTRsLzNBVEQ0UT09
 

Andrea Deffenu ha coordinato la ricerca sulle terre civiche
Andrea Deffenu ha coordinato la ricerca sulle terre civiche

Le terre civiche costituiscono un ottavo della superficie sarda

Il tema delle terre civiche assume in Sardegna un rilievo del tutto particolare, perché interseca contestualmente la dimensione economica, quella paesaggistico-ambientale e quella sociale. “A conferma della centralità delle terre civiche nel contesto regionale, è sufficiente richiamare l’accertamento condotto dall’Agenzia regionale Argea, il quale ha consentito di far emergere che solo una trentina di Comuni, sui 377 totali, non presenta sul proprio territorio superfici oggetto di uso civico. Più in generale, dai dati emerge che l’estensione complessiva delle terre civiche è di circa 300mila ettari, pari a 1/7 della superficie dei paesaggi agro-zootecnici e forestali e a 1/8 dell’intera superficie della Sardegna” spiega una nota degli organizzatori. “L’intrinseca trasversalità che caratterizza il tema delle terre civiche lo rende un privilegiato punto di osservazione sullo stato di salute della specialità e, al contempo, un interessante laboratorio per un rilancio, in chiave più moderna e partecipata, della nostra autonomia”.  

 

 

Gianmario Demuro ha guidato l'assessorato regionale Affari generali, personale e riforme
Gianmario Demuro ha guidato l'assessorato regionale Affari generali, personale e riforme

La gestione delle terre civiche rappresenta un bersaglio di pregio per la Sardegna

L’evento è stato strutturato in due sessioni. Nella prima, dalle 9.30 alle 10.30, sono previsti gli interventi di ricercatori, assegnisti e borsisti che hanno partecipato attivamente ai lavori con il coordinamento del professor Deffenu. Verranno illustrate nei dettagli i risultati della ricerca, con particolare riferimento alle problematiche giuridiche su gestione e valorizzazione delle terre civiche in Sardegna. Sono state programmate le relazioni di Stefano Aru, Federico Onnis Cugia, Nicola Colleo, Laura Galisai, Nicola Ibba e Laura Di Tucci

 

Francesco Sitzia. Emerito di diritto romano è stato anche preside di Giurisprudenza
Francesco Sitzia. Emerito di diritto romano è stato anche preside di Giurisprudenza

Dallo sviluppo del patrimonio civico al coinvolgimento dei portatori di interesse

Le ipotesi di sviluppo del patrimonio civico regionale all’interno di un processo che veda il costante coinvolgimento dei soggetti interessati, è al centro della seconda parte dei lavori. Coordinata da Francesco Sitzia (emerito di Diritto romano), la tavola rotonda prevede gli interventi di Salvatore Corrias (consigliere regionale, Partito democratico), Michele Cossa (consigliere regionale, Riformatori sardi), Silvia Curto (componente Commissione paritetica Stato-Regione Sardegna), Gianmario Demuro (ordinario Diritto costituzionale), Cristiano Erriu (direttore generale Centro servizi per le imprese, Camera commercio), Quirico Sanna (assessore regionale Enti locali, finanze e urbanistica). Conclude i lavori Pietro Ciarlo, costituzionalista e decano dell’Università di Cagliari.

Pietro Ciarlo. Già preside della facoltà di Giurisprudenza e prorettore dell'Università di Cagliari, è l'attuale decano dell'ateneo
Pietro Ciarlo. Già preside della facoltà di Giurisprudenza e prorettore dell'Università di Cagliari, è l'attuale decano dell'ateneo

Allegati

Ultime notizie

17 settembre 2021

Transizione energetica, la roadmap della Sardegna

Università di Cagliari, Sotacarbo ed Enea curano la due giorni sul tema chiave per lo sviluppo del sistema Italia. Tecnologie, scenari e politiche di riqualificazione, formazione e neutralità climatica al centro del dibattito con le massime cariche regionali e nazionali del comparto. Apertura dei lavori con i rettori Francesco Mola e Gavino Mariotti. Nel team organizzativo lo staff di Fabrizio Pilo, prorettore per Innovazione e territorio

17 settembre 2021

A Giacomo Cao il Premio Navicella Sardegna 2021

Il docente del Dipartimento di Ingegneria meccanica, chimica e dei materiali premiato nella sua qualità di scienziato con il prestigioso riconoscimento assegnato annualmente a personalità sarde, di nascita, di origine o di adozione, che abbiano dato lustro alla Sardegna a livello nazionale ed internazionale. Sabato 18 settembre alle 21 su Videolina uno speciale sul Premio

16 settembre 2021

Cagliari capitale mondiale delle scienze computazionali

Organizzata con successo dal DICAAR la ventunesima conferenza internazionale ICCSA su “Computational Science and its Applications”. Inaugurate il 13 settembre dal prorettore vicario Gianni Fenu, le quattro giornate di lavori in modalità mista, in presenza e online, ospitate dalla facoltà di Ingegneria di UniCa, contano oltre 400 partecipanti di ben 58 diverse nazioni. Oggi la conclusione e l’appuntamento in Spagna per la prossima edizione

16 settembre 2021

CyberChallenge 2021, i campioni premiati dal rettore

Stamani in aula magna i sei giovani vincitori e il team dell’Università di Cagliari che nell’ultima edizione ha superato la concorrenza di trentuno atenei e due scuole militari conquistando il titolo nazionale nelle sfide di difesa e attacco informatico. Francesco Mola: “Portiamo l’orientamento e la divulgazione nei singoli Comuni e in tutte le scuole”

Questionario e social

Condividi su: