UniCa UniCa News Notizie Ambiente e gestione del territorio, mille chilometri di dati sul sottosuolo croato per fermare l’impatto del sale

Ambiente e gestione del territorio, mille chilometri di dati sul sottosuolo croato per fermare l’impatto del sale

La metodica di raccolta delle informazioni sarà parte integrante anche di una prossima indagine sul Campidano. Il progetto Interreg Italia-Croazia coinvolge le Università di Padova e Spalato e la compagnia russa GeoTechnologies. La “Tac” del terreno è stata coordinata da Giulio Vignoli, specialista dell’ateneo di Cagliari, con riprese effettuate dall’elicottero
10 novembre 2021
Cagliari. Il Dicaar ha sede in via Marengo

Innovazione e scienza al servizio delle comunità locali

Mario Frongia

Un progetto internazionale (Interreg Italia-Croazia), dati utili per capire l’idrogeologia dei territori (delta del fiume Neretva), le successive applicazioni in terra sarda (Campidano), il coinvolgimento degli specialisti (Università di Padova e Spalato, compagnia russa GeoTecchnologies). Infine, la guida dell’ateneo di Cagliari. Giulio Vignoli (associato, docente al Dicaar, Dipartimento ingegneria civile, ambientale e architettura), è a capo del team di lavoro di un percorso di ricerca non solo innovativo ma fondamentale per determinare i passaggi chiave nella comprensione dell’idrogeologia. Con l'uso di un elicottero si possono raccogliere dati che permettono la ricostruzione delle strutture nel sottosuolo fino ad alcune centinaia di metri di profondità.

 

Giulio Vignoli
Giulio Vignoli

Ambiente e gestione del territorio, un tema attuale, delicato e fondamentale per le politiche delle amministrazioni pubbliche

Lo studio coordinato dai ricercatori del Dicaar riguarda l'ambiente e la gestione del territorio. Le attività e i futuri sviluppi della ricerca e l’acquisizione di dati geofisici aviotrasportati, diventano un orizzonte concreto e solido. Un’ulteriore conferma del ruolo di pregio e alto profilo su scala estera dei ricercatori dell’Università di Cagliari e, in particolare della facoltà di Ingegneria e architettura. “L'acquisizione di dati geofisici aviotrasportati in Croazia è stata effettuata con l'uso di un elicottero. La modalità permette di raccogliere dati che permettono la ricostruzione delle strutture nel sottosuolo fino ad alcune centinaia di metri di profondità” precisa il professor Vignoli.

 

Un'imagine dell'elicottero impegnato nelle ricognizioni in Croazia
Un'imagine dell'elicottero impegnato nelle ricognizioni in Croazia

Il Dicaar, il progetto e le dinamiche di ricerca che fanno scuola

“Nell’ambito del progetto Interreg Italia-Croazia: Most, abbiamo acquisito dati geofisici aviotrasportati sul delta del fiume Neretva (Croazia). In particolare, i circa mille chilometri di questi dati serviranno per una migliore comprensione dell’idrogeologia locale e per la progettazione di interventi che limitino la progressiva salinizzazione dell’area. Infatti, in una sorta di Tac del terreno - spiega il professor Vignoli - dalle misure elettromagnetiche raccolte sorvolando l’area d’interesse, si potranno inferire le strutture geologiche fino a una profondità di alcune centinaia di metri, con una risoluzione spaziale di poche decine di metri”. Il presente e il futuro della disciplina. Con un respiro e step scientifici validati dalla comunità accademica e di ricerca. Utili anche per altre ricerche. “Attività analoghe sono previste, nei prossimi mesi, anche all’interno del progetto Geo-Cube, finanziato con il bando del 2019 della Fondazione di Sardegna. In questo caso, però, l’obiettivo principale è la caratterizzazione delle risorse geotermiche di una porzione del Campidano” rimarca Giulio Vignoli.

Il video di un sorvolo dell’elicottero con la strumentazione è disponibile al link:

https://www.linkedin.com/posts/giuliovignoli_geotechnologies-llc-httpslnkdinemw2q-dq-activity-6861337907504975873-8Eku

https://www.italy-croatia.eu/web/most

 

Nella foto, in giallo sono rappresentate le linee di volo seguite dall’elicottero durante l’acquisizione dei dati elettromagnetici sul delta del Neretva
Nella foto, in giallo sono rappresentate le linee di volo seguite dall’elicottero durante l’acquisizione dei dati elettromagnetici sul delta del Neretva

Ultime notizie

30 giugno 2022

STOREM. Giornate di studio internazionale sul tema della sostenibilità legata alle attività turistiche

Giovedì 30 giugno e venerdì 1 luglio il nostro ateneo ospita docenti e ricercatori delle università UNA e UCI del Costa Rica, Eafit della Colombia e, in collegamento, esperti dell'università UWI (Barbados) e Paul Valery (Francia) per due giornate di confronto sul progetto Erasmus+ Cbhe “Storem”. L’incontro del primo luglio è aperto al pubblico, dalle 9,30, nell’Aula 11 del polo universitario di via San Giorgio 12 (Campus Aresu) per gli interventi del professor Mario Socatelli, dell’Universidad para la Coperaticion Internacional (Costa Rica) e, a seguire, del professor Corrado Zoppi, dell’Università di Cagliari, e di Francesca Uleri (Associazione Culturale Terras)

30 giugno 2022

Malattie genetiche, l'Università di Cagliari nel nuovo Centro nazionale di ricerca

L'ateneo è tra i fondatori della struttura sorta per lo “Sviluppo di terapia genica e farmaci con tecnologia a Rna” finanziata dal Pnrr con 320 milioni di euro. Le specialiste Raffaella Origa, referente scientifica, e Patrizia Zavattari, sono le coordinatrici del progetto. Il rettore Francesco Mola: "Abbiamo conferma delle valide e riconosciute competenze del settore acquisite negli anni"  

28 giugno 2022

Raccontare la ricerca: adesioni entro il 4 luglio per la SHARPER Night 2022

Data e sede sono già confermate: si terrà venerdì 30 settembre 2022 nell’Orto botanico di Cagliari la nuova edizione di SHARPER Night, iniziativa inserita nel contesto europeo delle European Researchers’ night. Fino al prossimo lunedì 4 luglio ricercatrici e ricercatori dell'Ateneo potranno inviare le proprie proposte per organizzare eventi, conversazioni, podcast e laboratori collegati all’iniziativa.

Questionario e social

Condividi su: