UniCA e l'Open Access

Open Access @ Università di Cagliari

L'Open Access (accesso aperto) è una modalità di pubblicazione del materiale prodotto dalla ricerca (articoli scientifici, atti di conferenze, capitoli di libri, monografie, dati sperimentali) che consente un accesso libero e senza restrizione alla conoscenza. Risponde al principio per cui i risultati delle ricerche finanziate con fondi pubblici devono essere pubblicamente disponibili, come previsto anche dalle politiche comunitarie. Non solo, quindi, la conoscenza può crescere più rapidamente, ma c'è un vantaggio diretto anche per gli Autori che vedono i propri lavori ottenere maggiore visibilità (con citazioni che aumentano anche fino al 600% a seconda della disciplina).

UniCa ha aggiornato nel 2022 le proprie politiche di Ateneo sull’accesso aperto (open access) alla ricerca scientifica dove vengono riportati i concetti di base, le definizioni e le prassi da seguire per ottemperare le norme di pubblicazione in OA.

Esistono principalmente 2 vie per garantire pubblicazioni ad accesso aperto:

  1. DEPOSITO o SELF-ARCHIVING (green road): l’autore deposita una copia del proprio articolo in un Archivio istituzionale (es. IRIS) o disciplinare (es. arXiv, PubMedCentral), in accordo con le politiche di copyright degli editori. Con questa modalità, l’Autore continua a pubblicare nelle riviste/sedi editoriali di riferimento e poi deposita la versione consentita in un archivio che risponde a requisiti di interoperabilità, standard di conservazione a lungo termine, è indicizzato dai motori di ricerca garantendo la massima disseminazione e visibilità ai materiali depositati
  2. PUBBLICAZIONE OA nativa (gold road): l'Autore pubblica in riviste o monografie ad accesso aperto. Si tratta di pubblicazioni peer reviewed, accessibili a tutti perché non prevedono il pagamento dell'abbonamento per accedere ai contenuti. E' possibile consultare l'elenco delle riviste nel repertorio DOAJ e delle monorafie in DOAB. In alcuni casi, per pubblicare, è richiesto il pagamento delle spese di pubblicazione (APC – Article Processing Charge). Attenzione a non confondere con l’opzione "open" o le riviste ibride offerte dagli editori commerciali tradizionali, che consentono l'apertura del singolo articolo mantenendo la rivista in abbonamento, generando un doppio pagamento (il cosiddetto double dipping).

 

Infografica sui benefici dell'OA, CC-BY Danny Kingsley & Sarah Brown
Infografica sui benefici dell'OA, CC-BY Danny Kingsley & Sarah Brown

Le politiche di Ateneo sull’accesso aperto (open access) alla ricerca scientifica sono espresse nel documento approvato dal Senato Accademico (seduta del 28/06/2022) e dal Consiglio di Amministrazione (seduta del 30/06/2022). Sono state redatte dall'apposita Commissione di Ateneo, nominata con D.R: 69/2022, composta da :

  • Prof. Luciano Colombo – Prorettore alla Ricerca in qualità di Presidente;
  • Prof. Paolo Giovanni Maninchedda – area Scienze Umane;
  • Prof. Maria Francesca Casula – area Scienze e Ingegneria;
  • Prof. Manolo Carta – area Scienze della Vita;
  • Dott.ssa Cristina Aresu – Direzione per la ricerca e il territorio;
  • Dott.ssa Giovanna Frigimelica – Direzione per i servizi bibliotecari e le attività museali

Visualizza in formato PDF

UNICA IRIS è l’archivio istituzionale dell’Università ed è destinato a ricevere i metadati bibliografici descrittivi, amministrativi e gestionali del contributo ed esso stesso in versione digitale.

L’Archivio:

  • risponde alle migliori pratiche e agli standard tecnici internazionali sull’Accesso aperto; in particolare, risponde allo standard OAI-PMH per l’interoperabilità degli archivi ad Accesso aperto;
  • risponde alle migliori pratiche e agli standard tecnici internazionali per la conservazione nel tempo dei prodotti della ricerca scientifica;
  • è indicizzato dai principali motori di ricerca generalisti e specialistici, che garantiscono la massima disseminazione e visibilità ai materiali depositati.

L’Autore, al momento della accettazione o pubblicazione del contributo, è tenuto ad avviare la procedura di deposito nell’Archivio istituzionale:
- inserendo tutti i metadati bibliografici utili al reperimento e alla citazione del contributo stesso;
- depositando la copia digitale del prodotto nella versione consentita dall'editore per la diffusione in accesso aperto. Con l'inserimento della copia digitale, l’Autore autorizza l'Università a metterla a disposizione del pubblico ad accesso libero e gratuito.

UNICApress è la casa editrice dell'Ateneo di Cagliari. Propone, tramite la pubblicazione in accesso aperto, la più ampia visibilità e diffusione ai prodotti della ricerca e della didattica, propri o esterni.
Gli strumenti tramite i quali UNICApress opera sono: la linea di produzione delle monografie strutturata in 4 diverse sezioni (Ricerca, Ateneo, Comunicazione e Didattica) e il polo riviste UniCa Open Journals.
Sia le riviste sia le monografie sono ospitate e gestite tramite piattaforme software appositamente dedicate che rendono agevole, per le diverse redazioni e i board di collana, non solo la gestione del flusso editoriale, ma soprattutto la gestione delle peer review. Non sono previste APC.
I testi vengono pubblicati sempre con licenza Creative Commons (generalmente la CC-BY-SA) così da favorire l'attività di ricerca e il libero utilizzo dei dati. La pubblicazione con UNICApress permette ai propri utenti di percorrere la gold road dell'OA.

A partire dal 2020, il Gruppo CRUI Care ha iniziato a sottoscrivere nuovi contratti di tipo trasformativo (tranformative agreements) che introducono un diverso modello economico che dovrebbe sostenere il processo di comunicazione scientifica e favorire la transizione al modello Open Science. In estrema sintesi, la spesa sostenuta dalle istituzioni accademiche per la consultazione dei periodici scientifici si trasforma in spesa anche per la pubblicazione ad accesso aperto (publish & read) da parte degli autori a esse affiliati, che non sono-saranno più tenuti al pagamento delle APC.

Al momento l’Ateneo aderisce ai seguenti contratti trasformativi nazionali: ACS (American Chemical Society), Springer, Wiley, IEEE (Institute of Electrical and Electronics Engineers) e Lippincott Williams e Wilkins.

Maggiori informazioni

L’Ateneo riconosce incentivi e negozia condizioni agevolate per la pubblicazione ad accesso aperto con editori scientifici. Di seguito l'elenco delle convenzioni e degli accordi in essere:

  • Biomedcentral: l'accordo istituzionale consente agli Autori afferenti al nostro Ateneo di ricevere uno sconto del 15% sul costo di pubblicazione degli articoli accettati per qualsiasi rivista BioMed Central e SpringerOpen. Vai alla pagina dedicata alla nostra membership su BiomedCentral
  • MDPI (Multidisciplinary Digital Publishing Institute): l'accordo prevede uno sconto del 10% sul costo di pubblicazione degli articoli accettati per qualsiasi rivista MDPI. La lista dei titoli è consultabile all'indirizzo http://www.mdpi.com/about/journals

  • Elsevier: fino alla fine del 2022 è previsto uno sconto del 10% sulle APC delle riviste che aderiscono (qui l'elenco) al progetto pilota "Gold Open Access". Nel workflow di Elsevier, gli autori dovranno selezionare la voce "CRUI" fra gli enti elencati.

Per eventuali ulteriori approfondimenti e/o chiarimenti è possibile scrivere all'indirizzo segreteria_dirbiblio@amm.unica.it 

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie