Sorveglianza Sanitaria

La sorveglianza sanitaria è l’insieme degli atti medici svolti dal Medico Competente finalizzati alla tutela dello stato di salute e alla sicurezza dei lavoratori, in relazione all’ambiente di lavoro, ai fattori di rischio professionali e alle modalità di svolgimento dell’attività lavorativa. Il Medico Competente per l’attività di Sorveglianza Sanitaria dei lavoratori dell’Ateneo si avvale del supporto tecnico amministrativo del Servizio di Prevenzione e Protezione.

Chi è sottoposto alla Sorveglianza Sanitaria

La sorveglianza sanitaria è effettuata dal Medico Competente:

a) nei casi previsti dalla normativa vigente;

b) qualora il lavoratore ne faccia richiesta e la stessa sia ritenuta dal medico competente correlata ai rischi lavorativi.

Sono sottoposti a sorveglianza sanitaria i lavoratori e gli equiparati ai lavoratori (ad es. studenti) che operano nell’Università, per i quali risulta dal Documento di Valutazione del Rischio (DVR) un valore di rischio che prevede l’obbligo della sorveglianza.

Tipologie di visite

La sorveglianza sanitaria comprende:

  • visita medica preventiva intesa a constatare l’assenza di controindicazioni al lavoro cui il lavoratore è destinato al fine di valutare la sua idoneità alla mansione specifica;
  • visita medica periodica per controllare lo stato di salute dei lavoratori ed esprimere il giudizio di idoneità alla mansione specifica. La periodicità di tali accertamenti, qualora non prevista dalla relativa normativa, viene stabilita, di norma, in una volta l’anno. Tale periodicità può assumere cadenza diversa, stabilita dal medico competente in funzione della valutazione del rischio;
  • visita medica su richiesta del lavoratore, qualora sia ritenuta dal medico competente correlata ai rischi professionali o alle sue condizioni di salute, suscettibili di peggioramento a causa dell’attività lavorativa svolta, al fine di esprimere il giudizio di idoneità alla mansione specifica;
  • visita medica in occasione del cambio della mansione onde verificare l’idoneità alla mansione specifica;
  • visita medica alla cessazione del rapporto di lavoro nei casi previsti dalla normativa vigente;
  • visita medica precedente alla ripresa del lavoro, a seguito di assenza per motivi di salute di durata superiore ai 60 giorni continuativi al fine di verificare l’idoneità alla mansione.

 

Giudizio di idoneità

La sorveglianza sanitaria è finalizzata all’espressione dei giudizi di idoneità alla mansione specifica che vanno obbligatoriamente comunicati per iscritto al Datore di Lavoro e in copia al lavoratore stesso (D.Lgs. 81/08, art 41, comma 6).

Il medico competente, sulla base delle visite mediche, può esprimere uno dei seguenti giudizi:

  • idoneità;
  • idoneità parziale, temporanea o permanente, con prescrizioni o limitazioni;
  • inidoneità temporanea;
  • inidoneità permanente.

Avverso i giudizi del medico competente è ammesso ricorso, entro 30 giorni dalla data di comunicazione del giudizio medesimo, all’organo di vigilanza territorialmente competente che dispone, dopo eventuali ulteriori accertamenti, la conferma, la modifica o la revoca del giudizio stesso.

Obblighi e divieti nella sorveglianza sanitaria

Il lavoratore è obbligato a sottoporsi agli accertamenti previsti se, in base al Documento di Valutazione dei Rischi (D. Lgs 81/08 e s.m.i.), risulta esposto ai fattori di rischio per i quali le norme di legge impongono la sorveglianza sanitaria; contemporaneamente il datore di lavoro è obbligato a far sottoporre i lavoratori a visita medica (D.Lgs. 81/008, artt 18 e 20).

Medico Competente Coordinatore dell’Università degli Studi di Cagliari è il Prof. Pierluigi Cocco

 

Recapiti:

• Prof. Pierluigi Cocco Tel. + 39 070 6754711 Email: pcocco@unica.it

• Università degli Studi di Cagliari - Servizio di Prevenzione e Protezione  Coordinamento Sorveglianza Sanitaria

  CAMPUS ARESU Edificio A (piano attico) - Via San Giorgio, 12  09124 Cagliari

  Tel. + 39 070 6756550 Email: sorveglianzasanitaria@amm.unica.it 

 

 

Modulistica

Destinatario: lavoratore che richiede una visita medica straordinaria per verificare le sue condizioni di salute.

Nota: specificare nella domanda la motivazione per cui si richiede l’accertamento sanitario, ossia il problema di salute riscontrato, e come tale problema può interferire con l’attività lavorativa.

 

Destinatari: Responsabili di strutture dell’Ateneo, Responsabili di Attività di didattica e di ricerca (RADR) che debbono segnalare i lavoratori che utilizzano videoterminali per 20 ore alla settimana.

Nota: per le definizioni fare riferimento al Titolo VII del D. Lgs 81/08 o contattare il Servizio di Prevenzione e Protezione.

 

Destinatari: Responsabili di strutture dell’Ateneo, Responsabili di Attività di didattica e di ricerca (RADR) che debbono segnalare i lavoratori che svolgono attività lavorative per le quali è richiesta la Sorveglianza Sanitaria.

Nota: contattare preventivamente il Servizio di Prevenzione e Protezione per stabilire in quali situazioni è necessario provvedere all’invio della segnalazione.

 

Questionario e social

Condividi su: