Progetti di ricerca di interesse nazionale (Prin) - Bando 2015

Con decreto direttoriale 4 novembre n. 2448/2015 il Miur ha emanato un bando per il finanziamento di Progetti di ricerca di rilevante interesse nazionale (Prin).

Tematiche: è ammissibile affrontare tematiche relative a qualsiasi campo di ricerca nell’ambito dei tre macrosettori, e relativi sottosettori, Erc.

Risorse disponibili: 91.908.209,00 euro.

Progetto
- durata: triennale;
- struttura organizzativa: non vi sono limiti quantitativi per quanto concerne numero di unità operative o i componenti del gruppo di ricerca (ma, nel progetto, oltre al responsabile, potranno essere indicati massimo cinque componenti per unità);
- costo: massimo 1.000.000,00 euro;
- modalità di finanziamento: integrale (eccettuate le spese di personale strutturato);
- premialità: a scopo di premialità, a favore dell’ateneo sede di ricerca del coordinatore scientifico nazionale, è prevista la corresponsione di una quota forfettaria pari al 50% dello stipendio annuo lordo percepito dal coordinatore al momento della presentazione del progetto; l’entità di tale stipendio dovrà essere certificata a cura del rappresentante legale dell’ateneo a pena di inammissibilità del progetto.

Soggetti beneficiari: atenei e enti pubblici di ricerca vigilati dal Miur.
Possono essere inclusi, quali sub-unità all’interno dell’unità di ricerca del coordinatore scientifico nazionale, organismi di ricerca pubblici o privati (esclusi gli atenei e gli enti pubblici vigilati dal Miur che possono costituire invece unità operative autonome).
Possono assumere il ruolo di coordinatore scientifico nazionale (principal investigator):
- i professori universitari;
- i ricercatori a tempo indeterminato;
- i ricercatori a tempo determinato con contratto triennale non rinnovabile che, a seguito del possesso dell’abilitazione scientifica nazionale, abbiano ottenuto la valutazione positiva ai fini della chiamata nel ruolo di professore associato.

Modalità di presentazione: procedura web-based (sito Cineca).
La proposta redatta sull’apposito form ministeriale, in italiano o in inglese a scelta del proponente, dev'essere completa in tutti i suoi elementi a pena d'inammissibilità.

Scadenza
15 gennaio 2016.
 

Contatti
Direzione per la Ricerca e il territorio
Settore Programmi di ricerca nazionali, regionali, locali
Nicola Ruju
Nives Bertarione

Esiti delle valutazioni

Il Miur ha pubblicato l’elenco dei Progetti di ricerca d’interesse nazionale approvati, esercizio finanziario 2015:
- decreto direttoriale del 20 settembre 2016 prot. n. 1826 - Progetti del Macrosettore Ls
- decreto direttoriale del 20 settembre 2016 prot. n. 1827 - Progetti del Macrosettore Pe
- decreto direttoriale del 20 settembre 2016 prot. n. 1828 - Progetti del Macrosettore Sh

Elenco dei responsabili delle unità locali dell'ateneo finanziate

Il decreto direttoriale 7 novembre 2016 n. 2634, di ammissione contributo, ha fornito le seguenti indicazioni:
a) Durata del progetto
- l'inizio ufficiale del progetto decorrerà dal 5 febbraio 2017 e il progetto avrà durata triennale;
- sono fatti salvi i pagamenti sostenuti nei 60 giorni successivi alla scadenza del progetto, purché i relativi titoli di spesa siano emessi entro la data di scadenza del progetto;
- saranno riconoscibili le spese sostenute a decorrere dal 20 settembre 2016, data di approvazione dei progetti;
- eventuali spese per la diffusione dei risultati (partecipazione a convegni, organizzazione di convegni, pubblicazioni di libri), se non sostenute entro la data di scadenza del progetto, possono essere oggetto di una rendicontazione integrativa, da sottoporre al Miur entro il dodicesimo mese successivo alla scadenza del progetto.

b) Gestione del progetto
- le varianti alla sola articolazione economica del progetto non sono soggette ad approvazione preventiva da parte del Miur, mentre le varianti scientifiche relative alle modifiche degli obiettivi del progetto sono consentite soltanto previa approvazione del Miur;
- per tutte le pubblicazioni e i prodotti scientifici realizzati nell'ambito del progetto di ricerca, il coordinatore nazionale e gli eventuali altri responsabili di unità sono tenuti a indicare di aver usufruito di un finanziamento nell'ambito del bando Prin 2015;
- ciascun responsabile di unità di ricerca è tenuto a garantire l'accesso aperto (open access - accesso gratuito online per qualsiasi utente) a tutte le pubblicazioni scientifiche peer-reviewed relative ai risultati ottenuti nell'ambito del progetto.
Nota Miur - Slittamento al 1° gennaio 2018 del divieto previsto per l'attivazione di cococo da rendicontare sui progetti.

c) Rendicontazione
- ogni responsabile di unità di ricerca dovrà trasmettere al Miur, al termine delle attività di progetto e comunque entro 60 giorni dalla conclusione del progetto, la rendicontazione contabile ordinaria delle spese effettivamente sostenute, nel rispetto dei criteri di cui all'allegato 2 del bando (Criteri per la determinazione dei costi e per la rendicontazione delle spese), e mediante apposita procedura telematica;
- il coordinatore nazionale di progetto dovrà trasmettere, con modalità telematica, al Miur, entro 90 giorni dalla conclusione del progetto una relazione scientifica conclusiva sullo svolgimento delle attività e sui risultati ottenuti, con allegato elenco delle pubblicazioni relative al progetto che riportino come primo nome, o come autore corrispondente, quello del coordinatore nazionale o dei responsabili di unità, nonché degli altri prodotti scientifici realizzati nell'ambito del progetto di ricerca, con l'indicazione di provenienza del finanziamento;
- nel caso in cui sia prodotta la rendicontazione integrativa il coordinatore nazionale, redige contestualmente a tale rendicontazione, anche una relazione scientifica integrativa, con allegato elenco delle ulteriori pubblicazioni, relative al progetto, prodotte entro il dodicesimo mese successivo alla sua conclusione.

Costo annuo lordo personale 2015

Tabelle costo docenti-ricercatori
(fonte direzione del Personale - Settore Stipendi personale docente)
Tabella costo docenti e ricercatori neoassunti o con inquadramento, risultante dall’ultimo cedolino, nell’ambito della legge 240/2010
(fonte direzione del Personale - Settore Stipendi personale docente)

Istruzioni per l’uso della tabella
la classe (prima colonna a sinistra) e gli scatti di riferimento (seconda colonna a sinistra) sono individuabili dallo statino personale (gli scatti non sempre sono presenti, nel qual caso si individuerà il livello zero); il valore da tenere in considerazione, è quello indicato nell’ultima o, a seconda della tabella, penultima colonna a destra (costo annuo lordo).

Costo annuo lordo altre categorie
- assegnista: 23.334,00 euro;
- dottorando: 16.432,79 euro (+ 344,25 euro mensili per le borse all’estero).
Si precisa che, secondo la vigente normativa, a decorrere dal secondo anno, a ciascun dottorando è assicurato, in aggiunta alla borsa e nell’ambito delle risorse finanziarie esistenti nel bilancio dei soggetti accreditati a legislazione vigente, un budget per l’attività di ricerca, in Italia e all’estero, adeguato rispetto alla tipologia di corso e comunque di importo non inferiore al 10 per cento dell’importo della borsa medesima (art. 9, comma III, decreto ministeriale 8 febbraio 2013 n. 45);
- borsista di ricerca: le borse in oggetto non possono essere attivate su bandi ministeriali;
- tecnici da impiegare in attività di ricerca: non possono partecipare al Prin 2015.

Questionario e social

Condividi su: